16°

29°

Arte-Cultura

Avanguardia e impegno: è morto Sanguineti

Avanguardia e impegno: è morto Sanguineti
Ricevi gratis le news
1

 di Giuseppe Marchetti

Addio «Gatto lupesco, e laido e lieto». Addio improvvisamente a Edoardo Sanguineti, morto ieri a 79 anni a Genova dopo essere stato urgentemente operato per un aneurisma toraco-addominale. E' stato uomo di punta della nostra letteratura novecentesca; poeta, narratore, docente, giornalista critico, lettore appassionato dagli anni quasi mitici del «verri» 1961 e poi, via via che se ne ponevano le basi, di tutte le altre avventure d'avanguardia della nostra cultura, e anche più recentemente amico e maestro del Parma Poesia Festival e prezioso consigliere per tanti incontri durante i quali mai si ripeteva la sua drammatica e ironica azione d'infaticabile esploratore.  Edoardo Sanguineti ha attraversato, con straordinaria e suggestiva ansia di libertà, tutti i secoli della Letteratura italiana, da quel suo «Interpretazione di Malebolge» ('61) a «Il realismo di Dante» ('66), da «Tra liberty e crepuscolarismo» ('61) a «Ideologia e linguaggio» (2001) accompagnando gli studi critici e le cure editoriali sui classici del teatro greco e sino all'Ariosto, con una attività di narratore e di poeta che lo colloca tra le voci più autentiche del rinnovamento culturale italiano, e non solo. Ma, per dirla più semplicemente ancora, ecco la sua amicizia, il suo parlar libero, l'assenza in lui di preconcetti  e di venature ideologiche da rispettare o da salvare ad ogni costo: il suo esser persona, insomma, così dentro alla Letteratura da poterla sbeffeggiare e amare sino alla commozione nel medesimo tempo. Ecco «il gatto lupesco, e laido, e lieto», come si definiva a perenne confusione di  chi voleva trascinarlo sulle rive della dottrina pura e sui pendii scivolosi delle ideologie, che pure aveva frequentato con quei suoi occhi furbeschi, mobilissimi, che si aprivano e s'illuminavano quando parlava della sua diletta Genova. Un continuo narrare, il suo, anche, e sino dai tempi del Gruppo '63, anima sua, sua creatura, una sorta di segnalibro come lui stesso diceva, trenta e quarant'anni di poesia dai Novissimi in poi,  e naturalmente le crisi, i ripensamenti, le suggestioni, i timori d'aver sbagliato tutto o fatto tutto così bene che non ci fosse più niente da aggiungere. Mai arrivare a questo punto, confessava, perché allora non si è altro che «turpi topi» che rovistano tra le rovine. In realtà, l'esempio di Sanguineti, il suo «saper leggere» è stato, ed è, una delle lezioni più alte dei nostri studi, anche quando non siamo andati d'accordo con lui, e ci sentivamo trascinati sul terreno di una forzatura «politica» (il ruolo dell'intellettuale, il suo suonare il «piffero», come diceva Vittorini) lontana  o contraria alle nostre convinzioni. Ma sempre, comunque, un contrasto utile, una sferzata di necessità, un costringerci a chiederci tanti perché. Il suo grande libro della poesia italiana, l'antologia einaudiana del '69, monumento e storia del secolo che s'avviava a concludersi (altro che secolo breve!) rimane il solco ben profondo e non incerto di una dimensione aperta a tutti i problemi di quegli anni e alla memoria stessa dell'impegno civile che anche la poesia trascina in primo piano.  Ma il gran rischio di Sanguineti da «Capriccio italiano» ('63) a «Smorfie» ('07) è stato il romanzo: il romanzo prima accettato, poi fatto deflagrare, poi ricostruito, poi sminuzzato in una scintillante frattura di schegge, e infine ridotto appunto a smorfia «narrazioni brevi», quasi appunti di diario per una sorta di «patto autobiografico» con quel «tradimento che è sempre il cuore messo a nudo». Anche dal lato della psicanalisi che cominciava a farsi storia in «Laborintus» del '56, un libro d'intrecci spaventosi dentro il quale s'aggrovigliano i «purgatori» e gli «inferni» della tradizione con le «poesie cartolina» dai mille travestimenti, dai classici ai contemporanei, dall'esperienza dei sensi e dei sentimenti alla interpretazione del mondo quale totalità che si può raccontare danzandoci sopra tra rimbombi di parole, metafore, frasi, immagini, non-sense e altre «frombolate» d'istinto e di piacere come nella «Ballata dell'automa» che racconta l'impossibile: «che cosa è l'uomo? dove cerchi i suoi segni? / è il barometro, l'architettura barocca, il fazzoletto / non c'era il pane, nemmeno, una volta, / né i tarocchi, né i fotoromanzi, né il letto: / che cosa è l'uomo? dove sta la sua storia? / è la cornice, il cavallo a dondolo, la radio: / è la sua vita tutte queste cose, / il calendario, l'agopuntura, la radio: che cosa è l'uomo? dove poi te lo trovi?».  
Restiamo con questa ossessiva interrogazione. Le risposte non ci sono, ci tornano indietro solo altre domande, ma l'ansia, il destino con il suo mistero e le nostre curiosità rimangono. Come in un viaggio circolare che sprofonda e riemerge, Sanguineti ci ha accompagnato a visitare il senso della realtà e quello ancora più grande e segreto dell'immaginazione, che non vuol dire fantasia, ma «Divina commedia», ma «Orlando furioso», ma «Le baccanti» e «Le Troiane» al di là del tempo: unica certezza che ci rimane e perenne avanguardia per il nostro esprimerci ed essere. Non molto o non poco, ma solo essere, che è già tanto. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Monica Cribari

    19 Maggio @ 16.27

    Mi dispiace tantissimo per la morte di Edoardo Sanguineti, grande scrittore e grande poeta... Insegno lettere alla Scuola Media e amo profondamente la poesia, la letteratura, l'arte e ogni espressione della bellezza dell'animo umano... Approfondirò la conoscenza di questo nostro grande poeta... Monica Cribari

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

complkeabbo

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

paura

Fuori da Buckingham Palace con un taser, arrestato

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse