15°

25°

Arte-Cultura

L'ultimo "giro della morte"

L'ultimo "giro della morte"
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio

Quando i luna park, meglio i «baracón» primaverili e estivi,  sbocciavano nel cuore di Parma con  le loro luci, il
loro frastuono, la loro allegria e il loro  profumi  di vaniglia, croccanti e zucchero filato,   d’ogni tanto,  portavano qualche novità per  attrarre   sempre  più la gente. E se  la  «Fèra äd san Giusép», un anno,   fece provare ai parmigiani l'ebbrezza della «ruota panoramica»  allestita  nell’ area ex Gondrand, il luna park estivo  che si accampava in Cittadella,  propose in una lontana estate  anni Sessanta  una sorta di trenino che  ondeggiava  su  tortuose   montagne russe  e,  dopo alcuni giri,  uno spesso  telone copriva   i  vagoni per consentire   ai morosi di scambiarsi   pudibonde  effusioni che un tempo non erano  consentite  in pubblico.
Ma,  fra le varie attrazioni    dei «baracconi parmigiani» una,  in modo particolare,  attraeva  i giovanotti dell’epoca quando,   in occasione della  Fiera  di San Giuseppe,  veniva installata  in via Costituente. Si trattava di un gruppo di  acrobati che effettuavano  il «giro della morte»  su apposite motociclette   all’interno    di una sfera infernale. Un numero davvero  mozzafiato  che faceva stare  tutti,  uomini e donne,  giovani  e anziani,  con un palmo di naso  nell’osservare quei «matti» che,  a cavallo  di   roboanti motociclette,    roteavano  intorno come palline.  Campione di questa specialità  circense  era  una famiglia  parmigiana:  i Boni.
 Il capostipite   fu Giuseppe,   «pramzàn  dal sas» di borog Bartàn,   nato nella  stessa casa  dal grande  poeta dialettale Gigèn Vicini,  il quale  con  il figlio Vittorio, attuale gestore  del trenino  del Parco Ducale, fu uno dei più noti virtuosi  del «Globo della Morte».  Giuseppe  Boni,  «Pippo» per gli amici,  dopo la guerra che lo vide marinaio sull’incrociatore Cadorna,   nel 1946   conosce  tale Musso, piemontese, titolare  del «Globo della Morte»,  viene assunto e in seguito  diventa socio. Nasce così  la «troupe  Boni’s» composta da Giovanni Musso e Ginetto Variotto esperto nei vari trucchi  del globo che insegna  a Boni.
Nell’estate del 1958 Vittorio Boni, figlio di Giuseppe,  si aggrega  alla compagnia, si appassiona  a questa spericolata  arte del brivido,   abbandona   gli studi e diventa acrobata delle moto a tutti gli effetti. I «Boni’s» si esibiscono in tutta Italia  effettuando  tournée  anche all’ estero.  A questo punto,  i ricordi di Vittorio diventano   «amarcord» in bianco e nero come un film neorealista.  La troupe,  a bordo di camion «musoni»,  in  assenza  di  autostrade  e   superstrade,    è  costretta  a percorrere  strade statali  e  passi alpini e appenninici  che fanno  sbuffare  quei vecchi autocarri che tossiscono  come anziani asmatici. Le soste  notturne  non prevedono  pernottamenti   in alberghi  o motel,  ma  solo   sulla  cabina del camion per riposare   qualche ora  mentre  la  rugiada  dell’erba serve   per rinfrescare  il viso  e  riprendere  il cammino.
L’ultimo  «globo della morte», nella nostra città,  fu   installato  nel 1964  in via Costituente,   poi negli anni Settanta  Boni padre e figlio decidono  di  lasciare.   Il  rischio  non paga più. Giuseppe   e Vittorio optano   per l’installazione    di un’ attrazione  meno pericolosa, una  sorta di giostra all’interno della quale,   chi entra,   ha  la ventura di aggirarsi   in un girone  dantesco  con tanto di demoni minacciosi, fiamme (finte) che lambiscono  i vestiti,  forche, grida,  teschi,  trapassati e  fantasmi.  Sì,  insomma,  una sequenza  da Dario Argento  e  famiglia Adams.
Ora Vittorio, all’ombra   dei secolari  tigli   del Parco Ducale,  è il premuroso  gestore del trenino che ogni giorno trasporta  i bambini sulle   rotaie  dei sogni e della spensieratezza.  Il «globo della morte», ormai,  per Vittorio, non è che un lontano, lontanissimo  sogno  di   quando   il mondo  gli ruotava  attorno a velocità impressionante  come gli anni della vita. Di questi  «eroi dei baracconi», però,    è rimasto  il ricordo che profuma  ancora di frittelle,  croccanti e zucchero filato.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Claudio Lombino

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

"Tutto è bene quel che finisce bene", scrive la cantante

Serie B

L'Empoli strapazza il Frosinone, il Parma resta al secondo posto

Lucarelli esorta tutti su Fb: "Non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta"

1commento

alimentare

Anno da record per il Parmigiano Reggiano

I dati del 2017: 3 milioni 650 mila forme prodotte, +5,2% rispetto 2016 nonostante l'aumento dei prezzi

Mondo

Nicaragua, 25 morti in scontri, cronista muore in diretta

Colpito alla testa mentre stava riprendendo su Facebook.

PARMENSE

Superenalotto: vincita da oltre 41mila euro a San Secondo

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

CARABINIERI

Trovata a Fidenza dopo 13 giorni la ragazza scomparsa da Piacenza

RISSE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

5commenti

METEO

"Salvo" il ponte del 25 aprile, 1°maggio a rischio pioggia Video

GAZZAREPORTER

Grosso ramo cade al Parco Ducale: le foto di un lettore Foto

Foto di Massimo Mari

1commento

PARMA

Spazzatura accumulata su scale e corridoi di un palazzo del centro  Foto

4commenti

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

1commento

AMORE SENZA FINE

Laura e Raffaele, marito e moglie muoiono a 24 ore di distanza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

10commenti

ITALIA/MONDO

Mondo

Macron vola da Trump: "Nessun piano B sull'accordo con l'Iran" Video

Economia

Dazi: accordo Ue-Messico per rimuovere il 99% delle barriere Video

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

MEDIA

Osservatorio giovani-editori: entra Tim Cook di Apple 

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover