12°

25°

Arte-Cultura

Galileo Chini, raffinatezza e fascino

Galileo Chini, raffinatezza e fascino
Ricevi gratis le news
0

di Stefania Provinciali

Una mostra alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Lorenzo Viani, al Palazzo delle Muse di Viareggio, dedicata a «Galileo Chini e la Toscana. La Toscana e Galileo Chini», chiude idealmente il percorso delle Celebrazioni del Centenario del Movimento Liberty in Italia, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed avviate nel 2009. Pittore, ceramista, scenografo e grafico, il fiorentino Galileo Chini (1873- 1956) si può considerare una delle figure di maggior rilievo nel panorama italiano e internazionale dell’art nouveau, artista a tutto tondo che ha saputo coniugare una personalità ricca di ingegno e curiosità sperimentale con arte e artigianato, rinnovando la tradizione toscana della bottega rinascimentale, secondo le esigenze del nascente XX secolo. Aspetto di non secondaria importanza nella lettura complessiva della sua opera, per ricostruire il rapporto fra Chini e la tradizione toscana, a cui l’artista deve la sua formazione. In questa visione è stata scelta per la mostra una selezionata campionatura di opere realizzate per il territorio: pitture, ceramiche, disegni preparatori, affiches, arredi e scenografie, in un mix di estremo interesse ma di complessa lettura là dove si vogliono approfondire i rapporti stessi dell’artista con l’arte del tempo. L'esposizione documenta l’ampia attività pittorica a partire dalla fine dell’Ottocento fino agli anni Quaranta del Novecento, attraverso l’attenzione al paesaggio toscano, nel quale si riflettono stati d’animo differenti secondo i periodi storici. Sono emblematici i luminosi dipinti realizzati durante il soggiorno in Versilia, come «Villette in pineta a Viareggio» del 1930, «La casa che fu di Plinio Novellini» del '31, gli inediti «Darsena a Viareggio» e «Dalla terrazza di Tito» per giungere al paesaggio fiorentino, fra immagini impregnate di sentimenti nostalgici o cupe e cariche di sconforto, nel periodo della seconda guerra mondiale. Lontano dalle avanguardie Chini si dedica alla pittura per puro piacere; emblematico è l’Autoritratto del 1901, realizzato en plein air, carico di una luce e di un colore che sintetizzano il passaggio dell’artista verso una nuova rappresentazione sollecitata dal coinvolgimento psicologico e dal desiderio di cogliere l’attimo fuggente dell’evento atmosferico. L’itinerario espositivo si svolge così in un confronto fra opere che paiono di diversa impostazione ed intenzione ma strettamente legate dal filo rosso di una indagine frenetica nelle espressioni pittoriche del tempo, chiave di lettura da non sottovalutare di fronte al susseguirsi di differenti visioni del paesaggio e della memoria. Accanto si può approfondire la corposa produzione ceramica di vasi, piatti e oggetti di arredamento, a testimonianza della versatilità creativa di Galileo, precursore di una modalità artistica che troverà proseliti in Italia e in Europa e che avrà nella Manifattura Fornaci San Lorenzo, fondata dallo stesso Chini con il cugino Chino Chini, un importante riferimento.

L’attività di Galileo Chini nel settore della ceramica è forse il momento più importante e significativo del processo di nascita e affermazione del modernismo internazionale in Italia, negli anni tra Otto e Novecento. Ed è proprio nel rapporto tra i dipinti e le ceramiche, che emerge chiaramente l’uso dei linguaggi stilistici: il primo aderisce ad un’intima percezione di sé e del rapporto con il mondo circostante, il secondo percorre un progetto innovativo e sperimentale che aderisce alle istanze internazionali dell’art nouveau, attraverso un linguaggio raffinato, capace di cogliere le variazioni del gusto, tenendo ben presente anche i valori di base della tradizione. Ne sono esempio i motivi floreali o i volti neobotticelliani che caratterizzano i primi esemplari de L’Arte della Ceramica, fondata a Firenze nel 1896, ma anche gli schemi decorativi dai moduli più stilizzati che escono dalle Fornaci San Lorenzo. Un altro aspetto importante, per comprendere a pieno la poliedrica personalità di Galileo Chini, è la produzione di ceramiche per l’architettura e l’attività grafica presente con alcune affiches, realizzate appositamente per eventi toscani, dove è evidente l’adozione del medesimo disegno, sia per la decorazione murale che per la produzione ceramica.  Completa il percorso espositivo una selezionata raccolta di bozzetti per le scenografie di Turandot di Giacomo Puccini, con il quale intrattiene un fitto scambio artistico-culturale, negli anni in cui la Versilia è crocevia della cultura italiana. La figura di Galileo Chini trova così elementi di lettura che permettono di approfondire aspetti del suo operato, quello stesso che lo ha visto porsi anche come architetto ed urbanista, nel sodalizio con l’ingegner Alfredo Belluomini ma non solo. Idee e progetti lo accompagneranno fino alla fine dei suoi giorni. «I rifiuti del mare» e «Natura morta con conchiglie» fra le sue ultime opere in mostra, diventano espressione della dignitosa rassegnazione alla caducità di una vita dedicata completamente all’arte. La mostra a cura di Alessandra Belluomini Pucci e Glauco Borella è visibile fino al 5 dicembre. E’ accompagnata da catalogo Silvana Editoriale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

Sudafrica

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

«Ballando con le stelle 2018»: i vincitori sono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

televisione

«Ballando con le stelle 2018», vincono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

cinema

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

UNRAE

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

Lealtrenotizie

Lite fra sudamericani finisce con denuncia

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

GAZZAREPORTER

Forte temporale in Valceno

PARMA

Gag, giochi e tanti sorrisi: la giornata dei clown Vip in piazza Garibaldi Foto

CALCIO

A Iacoponi e D'Aversa i voti più alti

festa

"BentornAto in A": esplode la gioia sui social di tutto il mondo Gallery

Frosinone-Foggia

Non solo Floriano: guardate la parata di Noppert al 91'

Ricordo

La Corsa di Tommy e Marco Federici Gallery: chi c'era - Video

WEEKEND

Una domenica tra Appennifest, vino e fattorie aperte: l'agenda

truffa

Si spaccia per poliziotto e finge la vendita di uno smartphone: denunciato un 57enne

12 tg parma

Schianto, resta gravissimo il 42enne di Collecchio

PARMA

Una domenica con la Festa del vino in via Bixio Foto

LA FESTA

Una notte per salutare la A

CALCIO

"Facce da tifosi": foto dalla lunga notte della promozione

Ecco una serie di scatti dalla festa più bella per il Parma calcio

AVEVA 57 ANNI

Se n'è andato Giovanni Molossi

FIDENZA

Addio a Umberto Zanella, una vita in viaggio

BUSSETO

L'addio all'avvocato Trabucchi sulle note di Verdi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non solo calcio. Così Parma in tre anni ha vinto tutto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Ristorante da Giovanni», una tappa-culto per gourmet e appassionati

di Chichibio

ITALIA/MONDO

chieti

Lancia la figlia da un ponte A14 e minaccia il suicidio

3commenti

Anniversario

Terremoto: 6 anni fa la prima scossa che ha ferito l'Emilia Foto

SPORT

MOTOGP

Francia; trionfo Marquez, poi Petrucci e Rossi

ciclismo

Giro d'Italia: Yates vince anche a Sappada ed è sempre più in rosa

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, quel “Libro” da scoprire Video

usa

Ex modella di Playboy si getta dal 25/mo piano con il figlio di 7 anni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più