11°

21°

personaggi

Giovannino contro Giovannino

Le autocaricature di Guareschi: lezione di ironia delle più genuine

Giovannino contro Giovannino
Ricevi gratis le news
0
 

«Adesso vi racconto tutto di me». Così inizia lo straordinario risvolto di copertina di «Don Camillo e il suo gregge», secondo fortunatissimo volume della saga più popolare del ‘900 italiano. E così potrebbe cominciare anche il racconto della lunga serie di autocaricature che Giovannino Guareschi fece di sé stesso, con la medesima ironia che usava per i trinariciuti, le vedovone o gli improbabili sovrani degli «Stati piccolissimi». Caricature spesso fantastiche, a volte impietose o struggenti, ma sempre divertentissime. Nella serie dei disegni emerge il tratto che cambia: la prima immagine è quella di un giovane Guareschi che posa fiero accanto alla fida bicicletta, di fronte al fabbricato di Borgo del Gesso dove ha vissuto la sua «bohème» parmigiana e, parlando di sé, diceva: «Ero giovane e bellissimo e marciavo in knickerbockers». Il segno è forte, diretto, lascia poco spazio all’immaginazione, ma la figura è tenera, quasi ingenua. È il ritratto di un giovanotto che vive le proprie giornate fra le discussioni con Attilio Bertolucci, Cesare Zavattini, don Giovanni Drei, Pietrino Bianchi, Maurizio Alpi e la tristezza del sottotetto dove abita, con la malefica trave dove aveva dovuto appiccicare il cartello con il semplice monito: «calma!» dopo l’ennesima capocciata. Il lavoro alla Gazzetta lo stava per portare lontano, in quella Milano dove conoscerà fortuna e fama. Di qui il passaggio è brusco: arriva il Giovannino fatto di aria e di sogni che cammina, infagottato in un cappottone sdrucito davanti alla torretta del lager. E il segno diventa quasi aspro, secco, sintetico, commosso nel raccontare quella miseria e quel dolore, nella figura curva, stanca, smagrita, dalla quale spiccano solo i grandi baffi ad ala di rondone, tesi verso un futuro incerto, ma comunque puntati, come antenne, verso quella speranza che mai abbandonò Guareschi nei lager nazisti, e i passi vanno nella direzione opposta allo sguardo della sentinella sulla torre, fuori dalla prigionia, diretti a quel luogo dove Giovannino avrebbe ritrovato la sua famiglia ad aspettarlo, riunita come nel disegno che doveva far da copertina a «Le osservazioni di uno qualunque», con Guareschi che, abbarbicata in testa, tira il carretto dove siedono Margherita e Albertino, o nel quadretto col sottotitolo «Fede e avvenire», con tutta la «banda Guareschi» (compreso il cane Amleto) accanto al «verticale» suonato da Giovannino, mentre margherita e cantano e un Albertino piuttosto rabbuiato osserva di nascosto, tutti ritratti con quella dolcezza che solo un padre perdutamente innamorato della propria famiglia sa mettere nel raccontarla. Ma è nel volto di Giovannino che troviamo la nuova mutazione del segno: l’allegria seriosa del giovanotto di Borgo del Gesso e la malinconia del «Kriegsgefangene» lasciano il posto a un volto che si direbbe imbronciato, ma lo è solo fintamente, perché sotto la spessa coltre dei baffi si intuisce il sorriso di un uomo felice, che nel lavoro e nella vita ha saputo trovare un equilibrio interiore che ne farà lo scrittore italiano più letto nel mondo. Di qui in avanti c’è un filo conduttore comune negli autoritratti di Giovannino. Saranno due gli elementi distintivi: i baffi ed il naso, che emergono anche nella firma di Guareschi, a sua volta perenne ed ermetica autocaricatura che diverrà l’emblema stesso dell’intera opera guareschiana. E la serie continua, attraversando tutti i periodi della vita di Guareschi: dalla libertà vigilata nel «carcere delle Roncole», alla passione per i lavori agricoli, agli straordinari biglietti di auguri natalizi, di nuovo alla bicicletta, all’amore per il Grande Fiume, fino alla contesa con Pier Paolo Pasolini nella realizzazione del film «La rabbia». Un’autobiografia per immagini che, a partire dal neonato che ha sullo sfondo la «festa rossa» del primo Maggio 1908, percorre l’intero cammino della vita e dell’opera guareschiane e che potrebbe davvero servire ad illustrare, passo passo, quello straordinario autoritratto narrato che comincia con: «Adesso vi racconto tutto di me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 negli scatti di Fabrizio Effedueotto

fotografia

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 Foto

Meghan e Harry aspettano un figlio: il royal baby nascerà nel 2019

LONDRA

Meghan e Harry aspettano un figlio: il royal baby nascerà in primavera

1commento

Clooney ironico sul palco: "Ciao, sono George. Sono il marito di Amal"

STATI UNITI

Clooney ironico sul palco: "Ciao, sono George. Sono il marito di Amal"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Ristorante Mora» Un classico della cucina parmigiana

CHICHIBIO

«Ristorante Mora» Un classico della cucina parmigiana

di Chichibio

3commenti

Lealtrenotizie

Maxi furto all'ospedale di Vaio, rubati macchinari per 300mila euro

FIDENZA

Maxi furto all'ospedale di Vaio: rubati macchinari per 300mila euro Video

1commento

PARMA

Mascherati su un'auto al Barilla Center: la polizia intercetta 4 giovani. "Era uno scherzo"

Si tratta di un gruppo di ventenni che volevano fare uno scherzo. I giovani sono stati redarguiti dagli agenti

Gazzareporter

Auto si "gira" in Tangenziale Sud nel primo pomeriggio: incidente o contromano?

Via Spezia

La storica Salumeria Zannoni ha chiuso: ha preparato pacchi natalizi per tutto il mondo

5commenti

parma

Dimarco, operazione riuscita: "Tornerò più forte di prima"

PARMA

Da oggi si può accendere il riscaldamento. Smog: pm10 sempre alte Video

5commenti

MASSESE

Dopo lo schianto più controlli per chi guida e ha bevuto, ma l'emergenza resta

2commenti

Fidenza

Addio a Claudia Servini, elegante «stilista» borghigiana

sport

I 5mila della Parma Marathon: sorrisi, sudore e sfida attraversano la città Foto 1- 2

2commenti

giornate Fai

Che successo!Tutti in (lunga) coda per ammirare la Certosa Gallery

PARMA

Una 19enne cerca di rubare abbigliamento: scoperta e inseguita, la polizia la denuncia

2commenti

Soragna

Addio all'orefice Luigino Gandini

PARMENSE

Traversetolo: stop ai bus in centro storico. Parla il sindaco

4commenti

VALERIE LESTER

Da Boston a Parma per scrivere un libro su Bodoni

ELEZIONI PROVINCIALI

Diego Rossi, il candidato unico: «Priorità a ponti, strade e scuole»

VERSO PARMA-LAZIO

Scozzarella e Inglese sono guariti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'esempio di Ilaria Cucchi Donna ostinata sorella di tutti

di Filiberto Molossi

2commenti

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: evitare le doppie imposizioni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

DANNI

Inondazioni nella Francia meridionale: almeno 13 morti, mille sfollati Foto

MANTOVA

Uccide a colpi di pistola il figlio della compagna: fermato 76enne

SPORT

mondiali pallavolo

Decima vittoria consecutiva per le azzurre: battuto il Giappone, Italia in semifinale

NATIONS LEAGUE

Biraghi al 93' salva l'Italia: Polonia battuta, niente "serie B"

SOCIETA'

musica

Michael Bublé, in arrivo un nuovo album. E annuncia il ritiro

MONTAGNA

Calestano celebra il tartufo. E la première fa il tutto esaurito Le foto Le foto

MOTORI

MOTO

Comparativa maxi enduro 21″ – Honda Africa Twin

GLAMOUR

Lapo Elkann firma Renault Captur Tokyo Edition