14°

26°

Arte-Cultura

Una vita al servizio dei Farnese

Una vita al servizio dei Farnese
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Vi sono nella storia personaggi non di primissimo piano, ma che per i ruoli che hanno rivestito e per gli interessi e le qualità personali hanno preso parte attiva a vicende  di rilevante spessore storico. E’ questo il caso di Gabriele Bombasi, gentiluomo e giureconsulto al servizio del duca Ottavio Farnese e del cardinale Odoardo Farnese e grande estimatore dei Carracci. Questa poliedrica figura è stata messa a fuoco in tutte le sue sfaccettature da Alberto Cadoppi - che ha rintracciato numerosi e importanti documenti inediti - nel volume «Gabriele Bombasi letterato reggiano (1531 - 1602). Una vita fra l’Ariosto, il Correggio, i Farnese e i Carracci», edito dalla sezione di Reggio Emilia dalla Deputazione di Storia Patria per le Antiche Province Modenesi nella collana «Fonti e studi», diretta da Gino Badini. Già la citazione nel titolo di illustri poeti e pittori indica il notevole interesse da lui avuto per la letteratura, le arti figurative, nonché il teatro e la musica. Gabriele Bombasi è nato a Reggio Emilia nell’ottobre del 1531, figlio unico del nobile Ludovico e di Dorotea, cugina di Ludovico Ariosto. A 18 anni ha sposato Giulia Zoboli che gli darà due figli, Asdrubale (1550) e Annibale (1551), che è morto combattendo contro i turchi. Ha studiato legge a Ferrara, ma la sua vera passione è stata sempre la cultura, entrando in diverse Accademie; nel 1568 ha composto la tragedia «Alidoro», rappresentata davanti al duca Alfonso II d’Este e alla moglie Barbara d’Austria. Il rapporto coi Farnese iniziava nel 1571 grazie all’intermediazione della «contessa di Sala» (Barbara Sanseverino) che riusciva a fargli ottenere, come giureconsulto, la nomina da parte del duca Ottavio a governatore d’Altamura. Tornato nell’agosto del '72, si fermava a Reggio per assistere la moglie malata, che moriva poco dopo. Nell’agosto del '73 riusciva ad entrare nella Corte di Ottavio e si trasferiva a Parma. «Letteratissimo e manieroso cortigiano» godeva di un rapido successo sia nelle Accademie sia come emissario del duca in varie delicate missioni in tutta Italia. Entrava nell’Accademia degli Innominati, presieduta da Pomponio Torelli, e nel 1581 acquistava per mille scudi dal vescovo Ferrante Farnese una villa (casino) con giardino, situata in fondo all’attuale via Farini, appena prima della chiesa della Madonna degli Angeli e piano piano l’arredava con quadri importanti e abbelliva il giardino con statue. Cadoppi ha documentato il rapporto del Bombasi con Annibale Carracci al quale ha chiesto di copiare alcuni particolari degli affreschi del Correggio nell’abside della chiesa benedettina di San Giovanni prima che fosse abbattuta, in quanto l’edificio doveva essere allungato; l’incarico di affrescare la nuova abside (copiando la precedente) veniva affidato al bolognese Cesare Aretusi il 27 agosto 1586 mentre la vecchia era ancora in piedi; risulterà abbattuta nel maggio dell’87 per cui Annibale Carracci ha realizzato le copie, ora a Capodimonte, in quel periodo. Dopo la morte del duca Ottavio (18 settembre 1586) veniva incaricato dal principe Ranuccio (il padre duca Alessandro era nelle Fiandre) di scrivere l’orazione funebre da recitare nelle esequie che si sarebbero tenute il 3 marzo nella chiesa della Steccata. Pur continuando ad essere stipendiato dalla Corte, non aveva più un ruolo ufficiale e nel dicembre 1588 veniva inviato a Roma come governatore del quindicenne Odoardo (don Duarte), fratello di Ranuccio, che viveva col prozio cardinale Alessandro ed era destinato alla carriera ecclesiastica. Tre mesi dopo moriva il Gran Cardinale e il duca faceva rientrare a Parma Odoardo per accelerare la sua istruzione, sorvegliata dal Bombasi, in vista della nomina a cardinale che giungeva il 6 marzo 1591, sulla soglia dei 18 anni; in questo ruolo il giorno di San Pietro poneva la prima pietra per la costruzione della Cittadella. Dopo brevi soggiorni a Torrechiara, Fontanellato, Collecchio e Colorno, il 19 ottobre Odoardo partiva per Roma col Bombasi per partecipare al conclave che eleggeva papa Innocenzo IX, il quale moriva l’anno seguente; gli succedeva Clemente VIII (Ippolito Aldobrandini) la cui nipote Margherita sposerà nel 1600 il duca Ranuccio Farnese.
Dalla fine del 1591 al novembre 1602, quando moriva, Gabriele Bombasi è rimasto a Roma al fianco del cardinale ed è stato lui a caldeggiare l’ingaggio di Annibale e Agostino Carracci per decorare il palazzo romano. Coi Carracci, infatti, era rimasto in ottimi rapporti e quando nel dicembre del 1599 riusciva ad ottenere in concessione una cappella nella chiesa di Santa Caterina della rosa (dove sarà sepolto) commissionava ad Annibale il celebre quadro di Santa Margherita, eseguito entro l’agosto 1601, da porre sull'altare. Nel testamento nominava il figlio Asdrubale erede universale, ma lasciava al duca Ranuccio tutti i quadri e le sculture della sua casa parmigiana e al cardinale Odoardo i quadri che aveva nella sua abitazione romana.
 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

3commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

parma

Lotta alla zanzara tigre: si parte (con obblighi anche per i privati)

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Busseto

Rapina alla Banca popolare di Lodi, due condannati

Cooperativa Molinetto

Un viaggio in Islanda per coronare un sogno

Intervista

Franconi Lee: «Tosca al Regio come un thriller di Hitchcock»

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

4commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

bullismo

Offese al prof a Lucca: perquisiti i sei indagati Video

MUSICA

Il produttore e dj svedese Avicii è stato trovato morto in Oman: aveva 28 anni Foto

SPORT

impresa

Scialpinismo: record italiano alla Patrouille des glaciers

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia