13°

23°

Arte-Cultura

«Pen Club», conto alla rovescia

«Pen Club», conto alla rovescia
Ricevi gratis le news
0
Venti edizioni del premio Pen Club italiano: una specie di traguardo giustamente e ambiziosamente raggiunto, non v'è dubbio, con passione, tenacia e vero amore per la letteratura: cose molto rare in un Paese come il nostro dove l'inganno s'annida anche dietro le più innocenti virtù. Lassù, nel castello di Compiano ogni anno si celebra un rito antico e nuovo in pari tempo e il Pen Club di casa nostra officia il rito al quale, quest'anno, prendono parte i cinque scrittori finalisti individuati dai soci del sodalizio internazionale in Manlio Cancogni, Maurizio Cucchi, Michela Murgia, Luca Ricolfi e Andrea Vitali. Vincono i libri, ma ovviamente vincono anche gli autori e una delle caratteristiche del premio è proprio questa: di saper proporre un'ampia gamma di testi e idee che attraversano gran parte del territorio letterario italiano del momento, senza preclusioni di sorta. 
Esempio sopra ogni altro singolarissimo è quello che vede tra i finalisti Manlio Cancogni, classe 1916 vivacissimo novantaquattrenne, con la raccolta di racconti «La sorpresa» (Elliot edizioni) composti fra il '36 e il '93, una vera e propria «lezione» di narrativa che ha nella struttura a incastri una delle maggiori suggestioni poetiche del post-realismo italiano. Lucio Lami, responsabile del premio e presidente onorario del Pen Club italiano e Sebastiano Grasso attuale presidente, sono giustamente orgogliosi della struttura che dirigono: un premio voluto dagli scrittori per gli scrittori, lontano da ogni meccanismo ricattatorio e inattaccabile da parte dei potentati editoriali e giornalistici del momento. «Noi - afferma Lami - siamo estranei a quel mondo che usa i premio letterari come operazioni pubblicitarie pagate dal contribuente». Di questa caratterizzazione emblematica danno testimonianza la poesia di Cucchi e il saggio sociologico di Ricolfi. Cucchi è la poesia di oggi,  tradizione e profonda contemplazione interiore poste sull'orizzonte degli eventi tra la «pietà che ci insegue» e la «tenerezza bambina» del nostro oggi. Così come le «Vite pulviscolari» (Mondadori) riempiono l'umanesimo che cerchiamo di non avvilire. E Luca Ricolfi in «Il sacco del Nord» (Guerrini & Associati) riesamina la «contabilità» e il «reddito» della Nazione nel legame fra il Nord e il Sud in nome della giustizia territoriale: altro aspetto della nostra storia che il Pen considera e segnala. Con «Accabadora» (Einaudi) Michela Murgia sposta l'interesse dei lettori sul tema antico della vita e della morte nella sua Sardegna terra di misteri e di leggende che riaffiorano periodicamente nel tessuto letterario italiano con la potenza dei riti e dei miti che invocano, per il malato, la buona morte. Densa e umanamente sconvolgente la letteratura isolana in tal senso, si sa, ma la Murgia aggiunge a modo suo un elemento riflessivo convincente che è curiosamente connesso, sia pure solo in parte, con il racconto di Andrea Vitali «La mamma del sole» (Garzanti) quinto finalista del Pen 2010. La figura e le indagini che Vitali affida al brigadiere sardo Mannu scoprono tutto un mondo di sospetti e misteri che nelle due donne, Maria e Velia, si infittisce, si schiude, e si rabbuia di nuovo, dando alle vicende quel carattere di storia vissuta e sofferta che è una delle maggiori risultanze letterarie dell'universo realistico di Vitali. Anche qui, dunque, «vite pulviscolari», cioè una frequentazione appassionata dei piccoli mondi dentro i quali le nostre esistenze trovano il coraggio delle loro abitudini e dei loro destini. Dunque, se è vero che il Pen «è un premio senza pressioni estranee ai valori culturali», come affermava Lami nell'intervista al nostro giornale dello scorso giugno, è anche vero che riesce a suggerire un agile ventaglio di argomenti che gli altri premi non possono offrire legati come sono alle particolari esigenze dei generi letterari. Il Pen propone, invece, giudizi di merito e non giudizi semplicemente orientati sulla natura dei racconti o delle poesie. Del resto, le venti edizioni della manifestazione che si tiene nella piccola corte di Compiano affacciata sulla verde valle del Ceno, stanno lì a testimoniare del fascino e della trasparenza che il premio del Pen Club italiano assicura e garantisce ogni anno con puntuale e lodevole tenacia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno