19°

30°

Arte-Cultura

La sovrana illuminata

La sovrana illuminata
Ricevi gratis le news
0

 di Pier Paolo Mendogni
Collocata dagli storici sullo sfondo di un palcoscenico dominato dalle presenze maschili, Luisa Elisabetta di Francia - moglie di don Filippo di Borbone, duca di Parma, Piacenza e Guastalla - si  proietta invece in un prestigioso ruolo di protagonista sull'esempio di quelle sovrane - come sua suocera Elisabetta Farnese regina di Spagna - che con intelligenza e astuzia hanno saputo intessere lungimiranti strategie politiche. Ad accendere i riflettori sulla sua figura è un convegno internazionale di studiosi che hanno approfondito la sua illuminata azione di sovrana e di madre, col quale si concludono le celebrazioni del  250esimo anniversario della sua scomparsa, sostenute dalla Fondazione Cariparma, che ha già promosso nella sua sede due mostre, e dal Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura dell’Università di Parma. «Una figlia di Francia in Italia» con la specificazione «Ambizioni politiche, mire dinastiche e strategie artistiche alla Corte di Luisa Elisabetta di Borbone. Parma 1749-1759» è il titolo del meeting aperto al pubblico, organizzato dai docenti universitari Carlo Mambriani e Gianfranco Fiaccadori, che si terrà da giovedì  a sabato nei tre palazzi abitati dalla duchessa: il palazzo del Giardino Ducale di Parma (ore 10 e 15: le corti), la rocca di Sala Baganza (venerdì 10,30 e 15: i personaggi) e la reggia di Colorno (sabato 9,30 e 15: le arti). Sposa bambina a soli 12 anni, Babet - così chiamata dal padre Luigi XV - nel 1739 lasciava Versailles per l’austera corte di Madrid dove dominava la regina Elisabetta, impegnata a tramare per assicurare troni ai suoi figli. E col trattato di Aquisgrana (1748) riusciva a far assegnare al secondogenito Filippo il ducato di Parma: una soluzione che pareva transitoria, di passaggio, poiché i giovani coniugi avevano mire più ambiziose tanto che inizialmente si limitavano a recuperare le residenze farnesiane e concentravano il loro interesse sugli arredi mobili nonché sul rifacimento dei giardini e dei parchi di caccia. A Parma Luisa Elisabetta arrivava nell’ottobre del '49 con la figlia Isabella di 8 anni e un seguito di ben trentasette carrozze con abiti, oggetti per la casa e arredi, dopo essersi fermata alcuni mesi dal padre alla corte di Versailles, doveva aveva avuto modo di apprezzare l’azione della «favorita» marchesa di Pompadour, ispiratrice della politica del rinnovamento delle arti di Luigi XV. E appena insediatasi nella sua piccola capitale la duchessa metteva a frutto la lezione di Elisabetta nel campo matrimoniale (riuscendo a preparare un futuro di regina per la sfortunata Isabella col matrimonio con l’arciduca d’Austria Giuseppe) e quella di Madame de Pompadour per un rinnovamento delle arti in funzione politica. Lo stato parmense, infatti, era nato con una pesante ipoteca spagnola poiché Ferdinando VI  si era riservato di designare il primo ministro dell’Infante, di rappresentarlo in tutte le sedi diplomatiche con i propri ambasciatori e di sottoporre alla propria approvazione le scelte del governo. Sul piano economico l’Infante - dato il gravoso indebitamento del ducato - riceveva un cospicuo finanziamento annuale da Madrid. A questa pesante pressione politico-istituzionale Luisa Elisabetta rispondeva prendendo come consigliere l’abile Guillaume Du Tillot e chiamando dalla Francia architetti, artisti, filosofi, artigiani per creare un nuovo clima intellettuale e politico, un nuovo gusto nel costume, nell’arredamento che rispecchiasse le innovative idee che si sviluppavano in Francia, dove si stava manifestando con l’illuminismo un radicale mutamento culturale e estetico con l’abbandono del rococò e l’emergere di un «gusto alla greca». L’arrivo di tanti francesi non era ben visto da molti parmigiani in quanto i nobili trovavano difficoltà a inserirsi a corte, gli artigiani avevano meno lavoro e alcuni intellettuali si sentivano in uno stato di inferiorità; inoltre l’incremento della popolazione aveva peggiorato le condizioni abitative. Una buona integrazione si avrà solo negli anni Sessanta. Alla presenza dei francesi in loco si aggiungeva l’arrivo da Parigi di splendidi mobili, raffinate porcellane di Sèvres e di Meissen, brillanti tappezzerie, libri dei più illustri pensatori: Parma diventava una città cosmopolita di livello europeo; nasceva l’Accademia di Belle Arti, si chiamavano letterati e musicisti, si tentava la riforma dell’opera in musica italiana con Carlo Innocenzo Frugoni e il compositore Tommaso Traetta in un fervido clima che avrà positivi riverberi anche in campo politico così da accrescere l’autonomia del ducato e trovare una più autorevole collocazione in campo europeo. Questo risultato è stato ottenuto grazie all’acuta strategia politica del Du Tillot e della duchessa Luisa Elisabetta, che purtroppo è prematuramente scomparsa nel dicembre del 1759, a soli 32 anni, mentre si trovava a Versailles in visita al padre e non ha potuto assistere al coronamento dei suoi sogni: il matrimonio di Isabella con Giuseppe d’Asburgo e la straordinaria trasformazione di Parma in «Atene d’Italia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

GOLF: Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Videointervista

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"