17°

28°

Arte-Cultura

Brera, una prosa maestosa come il Po

Brera, una prosa maestosa come il Po
Ricevi gratis le news
0

Stefano Rotta

Se il vino di Lino Maga, mago del Barbacarlo, sa di uva e lavoro, e non di invadenti barrique, l’inchiostro di Gianni Brera, giornalista, poeta, narratore, è sporco di terra, umido come la Bassa, viene avanti maestoso come Po: per questo è nobile, e grande più di tanta letteratura italiana, bolsa e autoreferenziale. Perché è vivo, partecipato, sincero: non aulico, non curiale.
Un tributo a Brera, e anche un assaggio di questa prosa – maestria, saggezza, tecnica, amicizia che trasuda per la palla, per il mondo e per gli amici del suo tavolo – è appena andato in stampa per Limina: i «Quaderni dell’Arcimatto», rivista di studi breriani, 160 pagine per 20 euro.
Gli estensori della pubblicazione parlano di «cuore e ragione»: l’approccio filologico che si deve all’uomo di lettere, e il ricordo che brucia nella scrittura come brindisi all’amico vero, al collega, al simposio; una fucilata in golena, una notte, una partita a San Siro in sala stampa. 
La prosa di Gianni Brera vive di concinnitas e generosità, solo apparente è la contraddizione. Giuanèn nasce a piedi nudi, come i bambini di Po prima della guerra. Cresce di «poco e laborioso pane», scriverà poi, in versi. Mischia la concretezza lombarda e contadina delle parole, alle vampate poetiche nel mito, all’incedere possente, alle divagazioni agricole e a quel modo di scrivere del quale dice Gianni Mura nell’epitaffio: «Meglio una riga in più di una in meno, qualcuno le taglierà». Generosità, ben inteso, non solo di polpastrelli, ma di tazze, di sigarette, di vita. «Meglio un’ora in più con gli amici di una in meno», rammenta Claudio Rinaldi, riportando il pezzo di Mura. Vivendo e scrivendo, «non si può essere avari». Soprattutto se ogni parola ti è costata cara, ed è lì per un suo preciso ruolo, come un calciatore: e si può andare in attacco, o stare ore al catenaccio, ma non giocare in 15, vietato aggiungere qualcosa se non occorre: mai scrivere barocchi, con aggettivi o avverbi altisonanti e inutili: è questo a dividere Brera dalla cosiddetta scuola napoletana, il suono dal significato, la costiera amalfitana dai solchi dell’aratro, il tramonto a mare dal rosso forte e greve delle sere lombarde.
Ma ancora più della prosa, dell’eterna questione dei lombardi intorno allo stile (da Manzoni in poi), conta quel che Brera scrive. Conta il mondo che vede. E che si vede ancora, leggendo. Si sente. I suoi riferimenti culturali sono i miti greci e i contadini di Zerbo, a Po. Sono la nonna che parla in dialetto e il giornalismo elegante, ironico, british; il mondo editoriale degli anni Sessanta, quello, ma si potrebbero portare milioni di esempi, del mondiale anglosassone del 1966. Brera guarda le cose in faccia. Non dipinge quadretti kitch della sua terra, né retorici, né naif: usa invece con mano ferma i ferri del mestiere, dando voce alle voci, e mettendoci del proprio senza indugio e senza uscire dal seminato: come nella frase, da pelle d’oca, «non madre è la terra per i Padani, ma padri sono i Padani della loro terra, cui aggiunsero per millenni la propria carne e le proprie ossa (sui tozzi campanili lombardi, al tramonto, voi vedrete rosseggiare ancora oggi quel sangue tenace)». Alta, semplice, incontrovertibile.
Gianni Brera è stato il padre del giornalismo sportivo propriamente detto, buona scrittura e competenza tecnica: ma non ha chiuso la tradizione precedente in solaio (quella dei «poeti al seguito»); questo si può dire: che Gianni Brera sia stato il Pindaro dell’età classica del calcio, dal Dopoguerra agli anni Settanta, e che già prima di Maradona, Platini e Baggio, avesse intuito la crisi di fondo dell’idea di sport come gioco sacro, nel calcio del business senza fantasia; che, detta da Brera, è vera tre volte: perché è stato un testimone per mezzo secolo dei campi verdi e sabbiosi, perché non ha mai pensato alla fantasia al potere in campo (anzi!), e perché oggi si vedono i risultati di un processo in nuce quando Brera era ancora in sala stampa.
Nel libro non mancano gli spunti di riflessione, fra nostalgia, analisi e nuove idee. Ci sono scritti del figlio Paolo Brera, dell’amico e «biografo ufficiale» Andrea Maietti, di Claudio Rinaldi, caporedattore della «Gazzetta» e coautore con Paolo Brera di «Giannfucarlo. La vita e gli scritti inediti di Gianni Brera»; di Gianluca Oddenino, giovane cronista «de La Stampa», e di altri colleghi ai tempi del «Guerin Sportivo» o del «Giorno». Un fascicolo interessante, ma di certo non l’unico modo di far felice il maestro: bando alle lacrime, meglio un’ora in più con un amico di una in meno! Meglio il rosso che il bianco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

OLIMPIADI 2026

Il Governo: "La candidatura a tre è morta qui"

SPORT

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

serie d

Audace Reggio - S.Marino al Tardini? Pare improbabile...

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design