18°

Giornate di primavera

Il Fai spalanca le porte dell'Ateneo

Il Fai spalanca le porte dell'Ateneo
Ricevi gratis le news
0
 

Domenica, in occasione delle Giornate Fai di Primavera, l’Università di Parma apre le porte della sede centrale. Lo storico palazzo in via Università, antico Collegio dei Gesuiti, accoglierà i visitatori che risponderanno alla tradizionale chiamata del Fondo ambiente italiano, sezione di Parma, che ogni anno organizza iniziative alla scoperta dei luoghi archeologici, palazzi e monumenti storici. Si tratta di un debutto assoluto: il Palazzo centrale dell’Università, Ateneo tra i più antichi al mondo, è la prima sede universitaria a ospitare le Giornate Fai di Primavera.
Il Palazzo sarà visitabile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 (partenza ultima visita alle 18), con ingresso da via dell'Università 12. Per info: delegazionefai.parma@fondoambiente.it. Nell’organizzazione saranno impegnati numerosi volontari del Fai, e le visite saranno curate dagli studenti del corso di laurea in Beni culturali.
Il percorso prevede la partenza dall’atrio principale di ingresso (atrio “delle colonne”) e la conclusione nella corte interna al cui centro spicca la scultura “Graecia capta” di Carlo Fontana. Si visiteranno tra l’altro l’Aula dei Filosofi, lo scalone d’onore con la statua di Romagnosi, al primo piano la galleria sul lato nord con l’Aula della Bandiera e sul lato ovest il lapidario a memoria dei docenti illustri, e il rettorato. La visita continuerà negli ambienti del museo di Storia naturale, poi si scenderà dalla scala storica e si attraverserà il corridoio del piano terra con le sculture di Alberto Burri e in Aula magna.

Le Giornate Fai di primavera sono lo speciale invito alla visita che il Fai rivolge agli italiani: un invito alla scoperta delle bellezze del nostro Paese che si trasforma ogni volta in una profonda e collettiva manifestazione d’affetto, di orgoglio e di identità nazionale. Sono la più grande festa di piazza italiana dedicata alla cultura e all'ambiente: il momento dell’anno in cui il Fai incontra gli italiani, offrendo scenari meravigliosi e sorprendenti. Palazzi, castelli, chiese, giardini, conventi, biblioteche, aree archeologiche, teatri e tanto altro: tante meraviglie, tutte legate tra loro dalla bellezza e dalla storia.

Per Giovanni Fracasso, responsabile della delegazione Fai di Parma, «le giornate Fai sono un meraviglioso evento di pedagogia civile che attira migliaia di visitatori ogni anno. Sono anche una grande occasione per affermare il primato della cultura. Il Palazzo centrale dell’Università non è solo uno scrigno di tesori, che merita di essere visitato, ma rappresenta anche la millenaria storia del più importante polo culturale della città. L’eccellenza della nostra Università è un ingrediente fondamentale per un nuovo Rinascimento parmense».

«Per noi è un onore aprire le porte al Fai, per una manifestazione che è un appuntamento ormai consueto per milioni di italiani. Abbiamo una sede storica meravigliosa che è davvero tutta da scoprire, e credo che questa sia un’occasione d’oro per visitarla: invito dunque tutti, parmigiani e non, a venire a trovarci» spiega il rettore Loris Borghi, che aggiunge: «Anche questa apertura straordinaria rientra nello spirito della nuova Università che abbiamo cercato di costruire fin dall’insediamento dell’attuale governance di Ateneo: un’Università che vuole essere aperta al territorio e muoversi in piena sinergia con esso, parte di un circuito virtuoso nel quale non ci siano barriere ma ponti».

L’apertura di domenica sarà preceduta da due appuntamenti a Parma e in provincia: venerdì l’anteprima con l’apertura dell’appartamento di Don Ferdinando di Borbone e dell’Osservatorio astronomico nella Reggia di Colorno; sabato l’apertura del maestoso Complesso dell’Ospedale Vecchio di Parma.

Note storiche

Già Collegio dei Gesuiti e incompiuta sede urbana della Compagnia di Gesù, il Palazzo è la sede centrale dell'Università sin dal 1768. Il Palazzo centrale sorge nel vasto isolato che i Gesuiti ampliarono, progressivamente, dal 1564, presso l'oratorio di San Rocco, assegnato loro dal duca Ottavio Farnese. Numerosi progetti furono presentati nel tempo, tra cui quelli di frate Giovanni Tristano (1565), di padre Blandino (1629) e di altri architetti. Solo nel 1654 si avviò il cantiere, probabilmente sul progetto di padre Giovanni Federico Cusani. Il severo esterno del tetragono edificio è quasi antibarocco nel suo ostentato rigore controriformistico. I grandiosi ambienti interni conservano le vestigia dell'uso originario, benché siano stati negli ultimi due secoli adattati alle esigenze didattiche e di rappresentanza dell’Ateneo.r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel