14°

26°

Arte-Cultura

E Parma diventò «Iulia Augusta»

E Parma diventò «Iulia Augusta»
Ricevi gratis le news
0

 Domenico Vera è docente di Storia romana nel Dipartimento di Storia dell’Università di Parma e presidente del comitato scientifico della «Storia di Parmaa» (MUP Editore). È stato curatore generale sia del I volume (I caratteri originali, 2008) che del II (Parma romana, 2009), ove ha contribuito con un saggio su Parma imperiale. L’articolo che segue tratta dei legami politici e clientelari fra Parma e il fondatore dell’impero romano.

Nei secoli dell’impero romano la nostra città, fondata nel 183 a. C. come «colonia di cittadini romani» con il nome attuale di «Parma» (le cui origini e significato rimangono una questione irrisolta), portò un altro nome ufficiale: «Iulia Augusta». Per la precisione «colonia Iulia Augusta Parmensis». La denominazione indica un rapporto speciale con il fondatore dell’impero. E Parma, figurava fra le 28 colonie privilegiate dell’Italia, quelle che Augusto nel suo testamento politico dichiarò da lui fondate («mea auctoritate deductae») aggiungendo: «mentre fui in vita furono assai fiorenti e popolose». 
Da dove nasce questo rapporto privilegiato fra Parma e il Principe che evidentemente non si esauriva nel nome onorifico di «Iulia Augusta»? Tutto fa pensare che,  all’indomani della vittoria su Antonio (31 a. C.), il nuovo padrone dello stato dedusse a Parma una colonia di suoi veterani distribuendo terre espropriate o acquistate con il tesoro di Cleopatra. Uno di questi, Lucio Vettidio, sepolto a Baganzola, divenne anche magistrato parmense, ma nell’iscrizione funebre tenne a indicare al primo posto la sua condizione di antico veterano di una legione augustea. 
I primi rapporti fra Parma e Augusto risalivano alla lunga crisi politica aperta dall’assassinio di Cesare il 15 marzo del 44 a. C. che raggiunse l’apice verso la fine dell’anno con lo scoppio della cosiddetta «guerra di Modena», combattuta fra l’esercito del senato e l’esercito di Marco Antonio per il controllo dell’Italia settentrionale. Il conflitto si decise in due violentissimi scontri a favore del senato ma con la morte di ambedue i consoli: a Forum Gallorum (Castelfranco Emilia) il 14 aprile del 43, sette giorni dopo sotto Modena che da mesi Antonio teneva sotto assedio. Antonio dovette ritirarsi verso la Provenza e padrone del campo rimase il diciottenne pronipote di Cesare, Ottaviano, il futuro Augusto, che si era schierato con il senato. La «guerra di Modena» ebbe conseguenze tragiche anche su Parma. Probabilmente nel marzo del 43 la colonia subì violenze per opera delle truppe antoniane comandate dal fratello di Antonio, Lucio Antonio. Cicerone in un’orazione politica violentissima pronunciata in senato parla in toni altamente drammatici di Parma «occupata», di uccisioni di cittadini eminenti e di violenze su mogli e figli. Decimo Bruto, passando per Parma ai primi di maggio, gli scrive dei «Parmensi miserrimi» e in giugno l’oratore ricevette un resoconto dalla Spagna su «Parma saccheggiata».
 In realtà, diversamente da una tradizione ancora seguita negli studi e risalente al grande Ireneo Affò che parlò addirittura di una «Parma ruinata» poi ricostruita da Augusto, i danni materiali alla città dovettero essere limitati. Tant'è che fonti antiche sulle guerre civili, che pure sono abbondanti dettagliate e ostili ad Antonio, nulla dicono dei fatti parmensi. Probabilmente l’episodio del 43, uno fra i tanti delle guerre civili, eclatante nell’atmosfera politica infuocata del momento, si limitò all’uccisione di qualche notabile ostile e a violenze dei soldati, ma nulla più. E cadde giustamente nell’oblio. Parma certamente doveva odiare Antonio. Dunque, agli occhi di un politico fine come Augusto, Parma era la città ideale in cui installare un contingente di fedeli congedati. L’atto comportò la «rifondazione» della colonia, che dal nome gentilizio del fondatore fu ribattezzata «Iulia» e «Augusta» dal nome onorifico che gli decretò il senato nel 27 a. C.
 È da notare che, mentre sono numerose le colonie veterane chiamate solo «Iulia» o solo «Augusta», sono rare quelle con doppia denominazione, che è segnale di particolare attenzione da parte del Principe. Augusto e la sua famiglia divennero patroni ufficiali di «Iulia Augusta». I dati di cui disponiamo non sono numerosi né sempre chiarissimi, ma rimangono rilevanti e dal complesso degli indizi si ricava la sensazione che lo spirito protettore di Augusto aleggiasse sulla comunità divenuta sua «cliente». Parma, che come altre città dell’Italia settentrionale si monumentalizzò nell’età giulio-claudia, poté forse beneficiare di finanziamenti imperiali per la costruzione dei principali edifici pubblici. 
Grazie a scavi promossi da Maria Luigia, conosciamo meglio di tutti il lussuosissimo teatro, edificato durante la vita di Augusto sull'asse di Strada Farini ma fuori delle mura all’altezza di Borgo Salnitrara e Sant'Uldarico. Non c'è dubbio che il grande edificio (circa 10.000 spettatori) fosse augusteo in quanto a gusto artistico e a significati politici dell’apparato decorativo. Essere clienti richiedeva che i protetti mostrassero gratitudine e lealtà al patrono. In questo linguaggio del patronato politico romano rientra perfettamente l’iniziativa di un ricco liberto che lastricò a proprie spese la via che dal foro (Piazza Garibaldi) portava alla porta principale della città (all’incrocio fra le strade Repubblica e XXII Luglio) e decorò la porta stessa con «marmi, statue, fontane e zampilli». 
La dedica «al nume protettore di Augusto», cioè ad Augusto vivo, significa che il Principe sarebbe stato informato della dedica e dei lavori, certamente autorizzati dalle autorità cittadine, e si sarebbe compiaciuto della devozione dei suoi clienti di «Iulia Augusta». Non può essere casuale che sia nel Teatro come nella porta adornata da Munazio Apsirto si trovi una decorazione a rosetta con quattro-cinque petali, che nel linguaggio dell’arte augustea simboleggiava Venere, la dea genitrice della famiglia «Iulia», quella di Cesare e di suo «figlio» Augusto. 
Domenico Vera
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Ballottaggi

Urne aperte a Salso: alle 12 ha votato il 18,36%

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

3commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

1commento

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

1commento

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

Superenalotto

Esce il 6: vinti oltre 51 milioni di euro

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse