16°

28°

Arte-Cultura

Chardin e la poesia degli oggetti

Chardin e la poesia degli oggetti
Ricevi gratis le news
0

Gli oggetti più umili sublimati in suprema poesia: ecco il miracolo di Jean Simeon Chardin (1699-1779), un «ufo» caduto nel teatrale giardino di delizie in cui viveva la nobiltà francese del Settecento tra gioiose pastorelle e incipriati cavalieri, tra sete luccicanti e lo scintillio degli ori, tra composizioni arcadiche in versi e tele con personaggi mitologici immersi in teneri azzurri e pallidi rosa. Chardin, invece, amava riprendere la solidità concreta degli oggetti della modesta quotidianità come brocche e tegami, ma anche frutta, pesci, selvaggina: una pittura allora chiamata «di caccia», poi «natura morta», situata nel gradino più basso della classifica dei generi in cui primeggiava la pittura storica, religiosa e mitologica, basata sulla piacevolezza dell’invenzione e sul virtuosismo del disegno. 
Nato a Parigi in una famiglia benestante - il padre fabbricava biliardi - veniva assecondato nella sua vocazione e entrava nella bottega di Pierre Jacques Cazes «uno dei più abili pittori d’allora» dove imparava a disegnare e studiava la pittura di storia, genere per il quale non si sentiva portato e così iniziava a dipingere nature morte, senza fare il tradizionale viaggio in Italia, e si poneva sul versante opposto degli altri grandi artisti - Antoine Watteau, François Boucher e Jean Honoré Fragonard - che insieme a lui porteranno il Settecento francese a primeggiare in Europa. Quanto sia grande Chardin e quali sottili emozioni poetiche riesca a dare, lo si coglie interamente visitando la sua prima mostra monografica in Italia, che gli viene dedicata a Ferrara a Palazzo dei Diamanti (fino al 30 gennaio), intitolata «Chardin. Il pittore del silenzio» e curata dal suo maggiore studioso, Pierre Rosenberg, per molti anni direttore del Louvre; a fine febbraio si trasferirà a Madrid al Museo del Prado. 
Pur dipingendo opere considerate minori, prese direttamente dal vero e senza invenzioni, la qualità pittorica delle stesse era così alta da farlo accogliere nel 1728 nella prestigiosa Accademia Reale di pittura e scultura con due dipinti di cui «La razza» apre il percorso ferrarese: un quadro che da allora è sempre rimasto esposto al Louvre (da cui arrivano ben dieci delle settanta opere presenti), che è stato copiato da vari artisti (Cézanne, Matisse) e che ha attirato l’interesse di scrittori quali Proust e Diderot. Quest’ultimo è stato un entusiastico estimatore di Chardin al quale ha scritto «quello che mescoli sulla tua tavolozza non è del bianco, del rosso e del nero, ma la sostanza stessa degli oggetti. Penetri con la punta del tuo pennello l’aria e la luce e le fissi sulla tela. Non si capisce niente di questa magia». Una magia che non ha spiegazioni ma che strega, che avvolge nella quiete silenziosa di un rapporto spirituale intenso nella dimensione di una purezza poetica assoluta, diretta, senza intermediazioni, universale. L’esempio più straordinario è dato da quel capolavoro che è il piccolo olio (1734) di una castità morandiana in cui sul piano di un tavolo spicca un lucido paiolo di rame il cui caldo riverbero trova un efficace contrappunto nelle tre bianchissime uova e nella densità tattile del tegame di terracotta controbilanciato dal macinapepe. Questa capacità di fondere gli oggetti nell’impalpabile carezza della luce si ritrova in varie nature morte e anche in scene di genere come «Un giovane scolaro che disegna» presentato al Salon nel 1738 insieme a «La ricamatrice», ripetuta più volte per il successo ottenuto. I soggetti preferiti sono i giovani, donne e uomini, intenti nella loro attività o in passatempi come il Ragazzo che fa le bolle di sapone, la deliziosa «Bambina che gioca col volano». La pennellata col tempo si ammorbidisce, si impasta nella luce accentuando con delicatezza la sensibilità materica come nella Sguattera, nella Governante. 
Molti di questi soggetti venivano tradotti in stampe di larga diffusione tra la borghesia. Al re Luigi XV Chardin donava due capolavori, qui esposti, di un toccante intimismo «La madre laboriosa» e «Il benedicite» grazie ai quali nel 1757 otteneva di poter lavorare e risiedere al Louvre. Era il raggiungimento di un prestigioso traguardo artistico e sociale. 
Altri capolavori assoluti sono il «Mazzo di garofani e tuberose» e «I due conigli con carniere» (1755): i fiori sono dipinti con una tale libertà di pennellata e una vitalità di accenti da anticipare Manet; i conigli morti, fusi in una sobria raffinatezza cromatica, suggeriscono una profonda riflessione sul significato della morte di creature innocenti. Nell’ultimo decennio di vita Chardin veniva colpito da una grave malattia agli occhi che gli impediva di dipingere a olio. 
Usava allora la tecnica del pastello con la quale eseguiva straordinari ritratti di una penetrante intensità psicologica di cui sono esposte due splendide testimonianze «Ritratto di fanciulla» e «Ritratto di ragazzo» (1777) elogiati al Salon per il loro calore e il «tocco libero, sapiente e pieno di effetti». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

2commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

4commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"