12°

26°

Arte-Cultura

Capolavori d'inconscio

Capolavori d'inconscio
Ricevi gratis le news
0

Manuela Bartolotti

Vienna 1900. E’ il titolo della grande mostra (più di 200 opere provenienti dai principali musei del mondo) aperta alla Fondazione Bayeler di Basilea (fino al 16 gennaio 2011) ed è l’incipit per una nuova visione dell’arte che invade ogni aspetto dell’esistenza e che è rivelazione, sotto l’abito sgargiante della vita, delle complessità dell’inconscio. L’arte del '900, quella concepita dai Secessionisti viennesi non è più solo impressione, descrizione, vuoto revival, ma invade ogni aspetto della quotidianità, ricostruisce il mondo, riveste ogni spazio in una sorta di horror vacui colmo di colori, suoni. E’ il variopinto tessuto simbolico del reale, di ridondante sensualità per Klimt, trascrizione d’irrefrenabili moti interiori, di pulsioni carnali per Schiele e Kokoschka, Richard Gerstl, Schönberg. E per tutti l’inevitabile rappresentazione dello spirito del tempo, il cosiddetto Zeitgeist celebrato da Hoffmann e da Olbrich con il motto «al tempo la sua arte, all’arte la sua libertà». Tutto può essere trasformato, tutto si fa ornamento, prigione d’oro e di tessere multicolori, patina rilucente per il mistero del dolore e della bellezza, insieme destinati a crescere, destinati a esistere per sempre. «La profondità bisogna nasconderla. Dove? Alla superficie», scriveva allora il poeta Hoffmansthal. Questa frase paradossale sintetizza la rivoluzione artistica viennese e aiuta a comprenderne la complessità, nella varietà delle espressioni tutte comunque tese alla rivelazione della «nuda veritas». Siamo nello stesso periodo e nella stessa città dove vivono Wittgestein, Musil, Mahler, Freud, Kubin, Schnitzler. Si pensa all’opera d’arte totale rivolta a tutti e che contempli musica, pittura, poesia, teatro, decorazione, tessitura, architettura. In questa selva rutilante di ricchezze dorate fluttua la storia; quando tutto è saturo di sensazioni, ecco apparire la verità senza più belletti e orpelli. Il veleno dei giorni si attorce sugli alberi della vita come il serpente dell’Eden. Dalle Salomè, dalle «femmes fatales» di Klimt, dai suoi paesaggi fioriti quasi ipnotici, nascono le estreme figure erotiche di Schiele, spogliate fin nella più cruda intimità. Già il celebre quadro «Approssimarsi della tempesta» era un avvertimento, lasciava intuire questa profondità celata nella superficie, l’incombente manifestarsi del male, palesato poi dal «Gaze» di Schönberg o dagli autoritratti allucinati di Kokoschka e Gerstl. I paludamenti orientali di Klimt, quell'imperturbabilità emotiva delle sue figure incastonate nell’oro svaniscono per lasciare un’umanità nuda, ripiegata sui suoi istinti, in contorcimenti sessuali e turbamenti inconsci descritti in quegli anni dalla neonata psicoanalisi. Schiele arriva all’ossessione della carne, senza la sensualità sottile, seducente di Klimt, ma con un tratto nervoso ed estremo, dove la lussuria sprofonda in un vizio malato di angoscia, d’insostenibile sentimento di morte, annichilimento della speranza. Anche i suoi paesaggi sono ammutoliti, sfilate di abitazioni silenziose e svuotate, gusci dove le anime sono migrate, scivolate nella corrente del tempo. Il pensiero avvince i ritratti, figure sospese nell’incertezza, in un dubbio latente e costante, lo sguardo perso in un altrove senza risposta. Gerstl e Kokoschka, con le loro pennellate corpose, insistenti, espressioniste, trovano l’approdo della consapevolezza, rimettendosi all’arte che trascina, ma non abbandona mai, come nel «Cavaliere errante». La risposta - e lo comprendono tutti gli intellettuali, gli artisti di questo nuovo secolo - è dentro, nel pennello che costruisce quello che la vita invece va disfacendo. A questo punto, dove tutto è arte, ecco che si finisce con l’abbandonare il decorativismo, si tolgono le sovrabbondanti evoluzioni liberty, per ricomporsi in una funzionalità essenziale. La linea di sedie, tavoli, suppellettili, gioielli si fa semplice ed elegante. E’ la modernità che avanza, il nuovo design di Moser, di Hoffmann. Dove però sempre la profondità è nascosta, tradotta in superficie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Avicii, l'ex fidanzata pubblica foto e chat su Istagram. La rabbia dei fan Foto

social network

Avicii, l'ex fidanzata pubblica foto e chat su Instagram. La rabbia dei fan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Doppio incidente con auto fuori strada: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

Le vittime sono Federico Miodini, precipitato con l'auto a Pastorello, e Luigi Bertolotti

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

cosa fare oggi

Domenica al profumo di fiori e di prugnoli: l'agenda

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

VAL D'ENZA

Torna la fiera di San Marco a Montecchio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

1commento

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

GRAN BRETAGNA

Parata di star per i 92 anni di Elisabetta II

FURTI

Romano Prodi è dal Papa, i ladri svaligiano la sua casa a Bologna

SPORT

Calcio

Parma, tre punti costosi

MotoGp

Marquez penalizzato: da primo a quarto in griglia

SOCIETA'

tg parma

The Cos-Fighters: in arrivo il secondo Albo del fumetto tutto parmigiano Video

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover