19°

Arte-Cultura

Trincee fredde della solitudine

Trincee fredde della solitudine
Ricevi gratis le news
0

Emilio Zucchi

Prosa scabra, tagliente, disadorna; tinte fredde e parole dimesse. Uno stile antiretorico e oggettivo,  una narrazione incalzante, nonostante le descrizioni sembrino talvolta prendere il posto dei fatti; questi ultimi irrompendo in pagina a guisa di improvvise e disvelanti apparizioni, di epifanie di montaliana memoria.  E la materia del narrare è la più antica, dolorosa, omerica: la guerra. Mentre il tema è il più tipicamente moderno: la solitudine. La solitudine  non in senso romantico, ma in  senso esistenzialistico. Non,  dunque, la solitudine  come titanico prezzo del sentire fortemente la vita in uno spasmo d'infinito che, pur nel dolore, si risolva in canto, in espressione  estetica e morale (come in poesia accade in Leopardi e Baudelaire, e, nel romanzo, in Melville e  Dostoevski), capace, come effetto sovente  involontario, di trasmettere un senso di fratellanza, di condivisione, di appartenenza a un comune destino. Ma la solitudine come solipsistico e heidegerriano «essere per la morte», come enigma desertificato e terribile che ha il  barbaglio di Camus e l'impassibile atrocità di Sartre. Siamo con forza, e con implicita riottosità verso ogni atteggiamento superficialmente improntato a visioni del mondo estranee ai grandi temi che sostanziano ogni possibile riflessione sulla condizione umana,  dentro il fulcro del Novecento, nella singolare raccolta di racconti di Lorenzo Lasagna «Cinque e una notte». 
Lo scrittore parmigiano non ancora quarantenne, che assieme al concittadino Guido Cavalli, con lo pseudonimo di Errico Malò ha pubblicato  due pregevoli romanzi («Cielo di paese», 2001, e «Scaramuccia», 2004) e due lunghi racconti («La veglia» in «Prove d'attacco», Guanda 1999, e «Mica male il tuo libro», 2006, Aliberti), offre con questo nuovo libro una prova narrativa di serio spessore conoscitivo.

I racconti sono ambientati in imprecisati luoghi d'Europa,  senza che particolari riferimenti  (tipi di armi o altri oggetti, nomi di capi di stato ecc.) lascino capire se si tratti della Prima o della Seconda guerra  mondiale, tranne nel racconto «Intermezzo 131»,  evidentemente ambientato nel primo dei due immani conflitti:  «La mattina, alle sette in punto, un segnale di sirene comandò l'attacco. Cima 131 fu presa tardi, solo verso sera. La tenemmo per meno di un giorno. Poi il nemico contrattaccò e fummo costretti a ritirarci (...) Ci vollero centosettosessanta morti per salire e scendere dalla Cima 131».  I personaggi hanno nomi stranieri: Sutter, Wallenstein, Adam Levski, Farragut. E sembrano provenire da un altrove di inquietante, buzzatiana metafisicità.   Solitari e isolati anche nei   dialoghi (costruiti benissimo, per altro), essi  sono drammatiche  figure di una crisi del pensiero occidentale, alla quale, d'altra parte, Lasagna ha dedicato gran parte dei propri approfonditi studi filosofici, di cui anche nei precedenti libri si avvertiva ben più di un'eco. Un racconto, in particolare, riassume in modo espressivamente mirabile il senso di provvisorietà, di assurdità sartriana o di hedegerriano «essere gettati nella vita» che Lasagna esprime attraverso la metafora della guerra. Si tratta di «Posto di guardia», è scritto in prima persona e parla di un soldato che sorveglia un edificio disabitato e disastrato,  in un rione egualmente deserto. All'improvviso, all'interno del palazzo, il militare sente  il suono di una viola. Cerca il suonatore, senza però trovarlo. L'uomo rimane solo. Il suono, però, c'è stato. E c'è stato,  simbolicamente, un montaliano «anello che non tiene», c'è stata una crepa nella realtà, che lascia forse intuire qualcosa di soprannaturale. E il tutto è reso in modo visivo, quasi cinematografico; come in certo algidamente angoscioso bianco e nero di Antonioni e Wenders.   Conclude il libro un  suggestivamente rarefatto diario di viaggio nelle norvegesi isole Lofoten: e il confine morale ed esistenziale dell'uomo, così ben scorto nella rappresentazione della  guerra,  si trasforma  ora in quello geografico di una civiltà, quella europea, che sembra non trovare una linea di fondo, un orizzonte che chiami a sé una domanda di senso: «Di qui potrei spingermi oltre: ancora più a nord (...) all'ora di prendere sonno, mi sento nella condizione di molti anni fa, come uno studente in gita d'istruzione, però più solo, senza compagni». Enunciando  la solitudine,  la scrittura sembra però vanificarla. Rimane come riflessione, scompare nel mistero della poesia.

Cinque e una notte
Moby Dick, pag.  90, € 10,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno