20°

mostre

«Pubblicità!» l'immagine che vince dall'idea alla creazione

«Pubblicità!» l'immagine che vince dall'idea alla creazione
Ricevi gratis le news
0

Un po' Lou Lou, un po' Zelda Fitzgerald e un po' Amelie dei giorni nostri. La bocca a bocciolo, gli occhioni sgranati, lo gote arrossate. Una dolce valchiria conturbante è il volto fantastico, magistralmente disegnato, testimonial della Cinzano anni Trenta. Irresistibile allora, irresistibile oggi. Non si poteva scegliere immagine più bella, efficace e significativa come logo di una mostra dedicata alla pubblicità italiana prima di Carosello. Duecento tra favolosi manifesti e bozzetti, filmati d'animazione, scatole e targhe di latta, che hanno fatto la storia del marketing (e dell'arte) italiana da fine Ottocento al 1957, proposti alla Fondazione Magnani Rocca dal 9 settembre al 10 dicembre. Un meraviglioso viaggio nei meandri della creatività al servizio del pubblico. Dalla storia della comunicazione alla storia dell'arte: imprescindibile intreccio che si articola dal Liberty all'Art Deco, dai rimandi a Cézanne agli spunti cubisti, dal Surrealismo all'Espressionismo.

Un discorso che ha radici profonde

Con «Pubblicità! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957» alla Villa dei capolavori di Mamiano si tiene il punto su un discorso iniziato tempo fa sul tema dell'arte come comunicazione di massa, proprio come ci hanno insegnato Futuristi - antesignani su vari fronti - che della promozione di sé e del proprio lavoro facevano un punto di forza della propria attività artistica. Un discorso rivolto al grande pubblico, oltre che agli esperti, che accompagnerà i visitatori in un percorso di riscoperta (o scoperta) di immagini note, declinate secondo stilemi artistici consolidati. Perché l'arte è comunicazione.

Dall'idea alla realizzazione dell'opera

A cura di Dario Cimorelli e Stefano Roffi, la mostra racconta in modo dettagliato, svelandone i percorsi segreti, le origini e la storia della pubblicità in Italia, dalle prime espressioni semplici, poetiche e suggestive, alle forme più forti, persuasive e spiazzanti.
In origine era l'illustrazione, quella più strettamente legata all'arte tradizionalmente intesa. Poi i filmati di animazione, quindi tutto il resto. Gli spot di oggi è lì che affondano le loro radici. Illustri i brand (Barilla, Campari, Cinzano Motta, Pirelli, Borsalino e molti altri) e illustri i maestri (Cappiello, Dudovich, Mauzan, Codognato, Carboni, Testa, solo per citarne alcuni).

Dal bozzetto al manifesto

La prima sala, come biglietto da visita, propone un ragguardevole numero di bozzetti. Vere e proprie prove d'autore, tra cui tempere originali di Marcello Nizzoli (e altri illustratori). Qui sta la novità e il cuore dell'evento. «Questa non è una mostra come tante altre importanti fatte finora sul tema della pubblicità - spiega Cimorelli -. Abbiamo cercato di approfondire il percorso creativo dei pionieri della pubblicità. Sarà interessante seguire i passaggi che hanno portato alla realizzazione di un manifesto o di una targa pubblicitaria. Il pubblico avrà la possibilità di seguire passo passo, in alcuni casi, dalla “a” alla “zeta”, il complesso processo di realizzazione di un manifesto pubblicitario, passando per le prove, a volte rimaste irrealizzate, antecedenti l'esito finale dell'operazione». Bozzetti, dunque, scovati in collezioni private o pubbliche di Pezzi rari che arrivano dallo Csac dell'Università di Parma, dall'Archivio Barilla, dalla Collezione Bertarelli di Milano, dalla Collezione nazionale Salce di Treviso, insieme a una cinquantina di manifesti dalla galleria L'Image di Alassio.

Una lunga storia
C'è un filo che lega le attività della Fondazione Magnani Rocca negli ultimi anni. Dalla Pop Art al Futurismo sono state numerose le mostre promosse nella sontuosa villa che fu dimora di Magnani.

Lo spiega bene il curatore e direttore della Fondazione Roffi. Nel saggio del catalogo della mostra esordisce così: «Portare alla Villa dei Capolavori una mostra dedicata alla pubblicità - in contiguità con i capolavori di Tiziano, Goya, Monet, Morandi, Canova, solo per citare alcuni dei grandi maestri che Luigi Magnani volle nel proprio Pantheon dell’arte - può solo apparentemente risultare una sorta di “deviazione” rispetto al percorso intrapreso dalla Fondazione che, negli anni recenti, ha visto protagonisti nei saloni delle esposizioni temporanee alcuni dei più significativi artisti del Novecento, il secolo su cui massimamente si concentrò l’interesse di Magnani, come la sua raccolta dimostra. In realtà si tratta di una celebrazione annunciata, dopo che alcuni eventi presentati nella villa hanno svelato al pubblico l’importanza centrale della pubblicità nell’arte del XX secolo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gli amici di Santa Maria del Piano alla "Vecchia volpe": ecco chi c'era - Foto

feste pgn

Gli amici di Santa Maria del Piano alla "Vecchia volpe"  Ecco chi c'era: foto

Grande Fratello: Benedetta Mazza e Stefano Sala sempre più vicini nella "Casa" - Foto e video

GRANDE FRATELLO

Nella Casa e in piscina, Benedetta Mazza e Stefano sempre più vicini Foto Video

Continua il "tour" dei reali. Ma Meghan è costretta a sfoltire l'agenda

AUSTRALIA

Continua il "tour" dei reali. Ma Meghan è costretta a sfoltire l'agenda Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

CHICHIBIO

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

Lealtrenotizie

Secondo tempo maledetto per i crociati: al Tardini finisce 0-2 Foto

parma-lazio

Secondo tempo maledetto per i crociati: al Tardini finisce 0-2 Foto

1commento

IL COMMENTO

Grossi: "Finale amaro dopo una gara equilibrata. Ma il Parma si conferma da A" Video

1commento

Paura

Raid al peperoncino sul bus: una donna incinta e due bambini all'ospedale

1commento

PARMA

Terranova a passeggio dal Parco Ducale a piazza Duomo: le foto del raduno

1commento

L'INCHIESTA

Centro commerciale, quei richiami (inascoltati) di Enac al Comune

6commenti

WEEKEND

Campora e le altre (castagnate) e il bis del tartufo: l'agenda della domenica

12 tg parma

Ragazzini-vandali accendono un falò sotto a un palo della luce a Fontanellato Video

Bande di giovanissimi: residenti sul piede di guerra in paese

Inchiesta

La gente dell'Oltretorrente: «Circondati dagli ubriaconi»

6commenti

BASSA

Esce acqua torbida dai rubinetti: problemi nella Bassa Est

I tecnici hanno risolt il guasto ma potrebbe uscire ancora acqua torbida dai rubinetti

PARMA

Cade cornicione in via XXII Luglio

Intervento dei vigili del fuoco in mattinata

FIDENZA

Basket e polemiche : «L'Academy non lascia ''liberi'' i nostri figli»

1commento

80enne truffata

«C'è una perdita di gas, metta l'oro in frigorifero»

SANT'ILARIO D'ENZA

Una donna paga 400 euro ma la macchina per fare i gelati non arriva: denunciata 43enne

Una 50enne reggiana ha fatto denuncia ai carabinieri

FIDENZA

«Cibo abbandonato lungo la strada, temiamo siano bocconi avvelenati»

Langhirano

Oltre 11 milioni di euro spesi in slot machine

La testimonianza: «Ho perso tutto, ho pensato di farla finita»

4commenti

Borgotaro

Inaugurata la nuova centrale idroelettrica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quanto durerà il consenso al governo giallo-verde

di Michele Brambilla

2commenti

IL DISCO

L'apparenza di Lucio Battisti Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

albinea

Pestano un 15enne: due 16enni incastrati con indagini sui social

GUASTALLA

Ragazza di 24 anni muore dopo una serata in discoteca: aperta un'inchiesta

SPORT

POLEMICHE

Nella pubblicità non si vedono Paola Egonu e Miriam Sylla: proteste sui social contro Uliveto

MONDIALI

Pallavolo, premi per le azzurre De Gennaro, Sylla, Egonu, Malinov

SOCIETA'

Tecnologia

WhatsApp testa la "modalità vacanze"

francia

Choc: “Mettimi presente", studente minaccia prof con pistola alla testa

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

X7, il Suv di lusso di Bmw Fotogallery

RESTYLING

Abarth 595: watt, cavalli e vernice glamour