16°

28°

Arte-Cultura

Paura, merce redditizia

Paura, merce redditizia
Ricevi gratis le news
0

Maria Pia Forte

Siamo dei miracolati: sopravvissuti a ben otto catastrofi globali in dieci anni, a cominciare dal «millennium bug» del 2000 che, per un difetto dei computer incapaci di adeguarsi al nuovo millennio passando da 99 a 00, avrebbe dovuto non solo far cadere gli aerei e azzerare i conti in banca ma risprofondare l’umanità a selvatiche condizioni primordiali. Scenari altrettanto terrificanti si sono prospettati, poi, con quattro epidemie pronte a infettare miliardi di persone e ucciderne milioni - morbo della mucca pazza, Sars, aviaria e influenza suina o A -, con la minaccia dell’antrace spedito per posta come nuova forma di bioterrorismo, con l’introduzione dell’euro che avrebbe innescato (così sul «Nouvel Observateur») «ristrutturazioni selvagge, dumping fiscale e rischi di esplosioni sociali», con l’aumento del prezzo del petrolio che nella primavera-estate del 2008 sembrò dover raggiungere quotazioni vertiginose spingendo l’«Economist» a pronosticare un tragico futuro. Invece eccoci qui, sani e salvi; pronti a farci terrorizzare dall’apocalisse prossima ventura sempre in agguato, come scrive lo scrittore Andrea Kerbaker nel saggio «Bufale apocalittiche. Le catastrofi annunciate (e mai avvenute) del terzo millennio» (Ponte alle Grazie, 135 pagine, 13 euro). Un libro percorso dall’humour ma sostenuto da una certosina ricerca d’archivio fra gli articoli dei principali giornali e canali televisivi del mondo, dal Corriere della sera al País, dal New York Times a Le Monde, dalle più austere riviste scientifiche alla BBC.    «A rileggere gli articoli dei giornali che parlavano dell’influenza suina -  dice Kerbaker - si rimane increduli: quelle prime pagine di giornali d’opinione, italiani ed esteri, invase da questa paura, oggi fanno ridere».

E’ stata questa influenza l’allarme che ha causato più panico e più danni?
Certamente è stata l’emergenza più lunga: è durata un anno e mezzo, con milioni di vaccini acquistati, molti di più che per le precedenti minacciate pandemie.

L’ex presidente della Croce Rossa francese Marc Gentilini l’ha definita «pandemia dell’indecenza», calcolando quanti malati si sarebbero potuti curare in Africa con i soldi buttati via per vaccini inutili.
La chiamerei anche «sistema circolare dell’indecenza». Circolare perché nessuno spezza questo circolo perverso che si autoalimenta, messo in moto da persone che secondo me in gran parte dei casi «ci marciano», quando non speculano. Un sistema che mette immancabilmente in minoranza i pochi che tentano di far sentire una voce di ragionevolezza. Il professor Umberto Veronesi, per esempio, in questi dieci anni ha mantenuto ogni volta un tono equilibrato, raccomandando cautela. Ebbene, il suo parere è stato sempre relegato dalla stampa in secondo piano.

Perché, secondo lei, questo ricorrente riaffacciarsi dello spettro della peste?
La psicosi della peste mi sembra appartenere a un assurdo strisciante millenarismo.

Pensa che il suo libro possa insegnare a non abboccare con tanta facilità al catastrofismo?
Temo di no, perché se per dieci anni la gente ha creduto a tutte le bufale da me descritte, continuerà a farlo. Quelle vicende si sono svolte sotto gli occhi di tutti, e se a nessuno è mai venuto il sospetto che fossero gonfiate, non gli verrà nemmeno dopo aver letto il mio libro.

Dalla «mucca pazza»  agli attentati all’antrace, alla febbre suina, l’Oms è sempre stata decisiva nell’attizzare le paure, tanto che lei scrive: «Senza i vertici dell’Oms questo libro sarebbe molto più smilzo». Cosa c'è dietro un tale comportamento?
Certamente le multinazionali farmaceutiche traggono benefici da questi allarmi. E’ un semplice dato di fatto, non un’accusa: in tutti i casi l’Oms si è mossa con un allarmismo sopra le righe. L’episodio più clamoroso è quello della Sars, col direttore della comunicazione dell’Oms che disse testualmente: «Abbiamo studiato un acronimo che fosse facilmente memorizzabile». Sembrava che parlasse del lancio di un prodotto commerciale... Quali altri interessi possano spingere l’Oms a questo allarmismo totale, non lo so. Certo, un sospetto viene anche al meno malizioso degli osservatori: questi signori ogni volta ci dicono «morirete tutti!», ma poi ogni volta le epidemie si rivelano molto inferiori rispetto alle previsioni. E mai nessuno che chieda scusa per essersi sbagliato. Stesso discorso per i media: forse che qualche giornale ha fatto un mea culpa riconoscendo che avrebbe potuto evitare i titoloni quando l’Oms preconizzava miliardi di infetti e milioni di morti per l’influenza suina?   

Come spiega la propensione dei media alla diffusione del panico?  
Il panico fa notizia. Più in generale, ho l’impressione che si provi un particolare godimento nel dipingere la realtà peggiore di quello che è. Un’altra impressione è che si sia affievolito il senso di responsabilità, per cui si pubblicano con leggerezza enormità come quella che in Inghilterra la «mucca pazza» avrebbe ucciso 136.000 persone e si sarebbero dovute scavare fosse comuni per seppellirle tutte. Penso che compito del giornalista sia anche di fare la tara a certe notizie. Mi sembra che negli ultimi tempi si sia abdicato a questo ruolo di informazione critica.

Bufale apocalittiche
Ponte alle Grazie, pag. 135, €13,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"