13°

23°

LA MOSTRA

Duecento opere per narrare la grande arte della pubblicità

Inaugurata alla Fondazione Magnani Rocca «Pubblicità! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957»

Duecento opere per narrare la  grande arte della pubblicità

L'inaugurazione della mostra alla Magnani Rocca

Ricevi gratis le news
0

«Volete la salute? Bevete il Ferro China Bisleri»: è il 22 giugno 1890 e sulla «Tribuna Illustrata» appare il primo e più antico slogan italiano a cui ne seguirono molti altri negli anni successivi.

Da questi primi passi della storia della pubblicità prende avvio la mostra «Pubblicità! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957», inaugurata ieri e da oggi aperta al pubblico, alla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo (fino al 10 dicembre). Sono duecento le opere esposte nel percorso espositivo, a cura di Dario Cimorelli e Stefano Roffi, con l’obiettivo di attraversare la storia della pubblicità in Italia, dalle sue prime forme di comunicazione semplici e dirette, all’introduzione dell’illustrazione come strumento persuasivo e spiazzante per novità e per fantasia, al rapporto tra illustrazione e messaggio pubblicitario attraverso i diversi media, dal più conosciuto manifesto, alla locandina, alla targa di latta e poi al packaging della confezione, all’arrivo della radio come strumento di comunicazione di massa. Fino a Carosello.

«Il sociologo Marshall McLuhan definisce la pubblicità la più grande forma d’arte del XX ° secolo»: parole di forte significato con cui il presidente della Fondazione Magnani Rocca, Giancarlo Forestieri, ha introdotto la mostra suddivisa in quattro sezioni, in un comporsi di manifesti, bozzetti originali accostati ai relativi manifesti ed altri materiali pubblicitari. La sequenza ha un carattere particolare poichè non segue un percorso rigorosamente “storico”, offre invece una lettura condotta con gli occhi dei protagonisti della pubblicità seguendo il loro processo creativo. Fra i nomi quelli di Leonetto Cappiello, Erberto Carboni, Marcello Dudovich, Sepo, Federico Seneca, Gino Boccasile, Marcello Nizzoli, Armando Testa ed altri che hanno partecipato con le loro invenzioni a raccontarci di imprese e prodotti, di forti contaminazioni con le avanguardie artistiche, di idee e progetti suggerendo una riflessione sul «come eravamo» tra modi, abitudini, stili di vita.

Nello specifico è entrato il curatore Dario Cimorelli. La sezione iniziale racconta come i primi illustratori furono principalmente artisti e i loro bozzetti e manifesti venissero realizzati seguendo l’idea dell’illustrazione come elemento di comunicazione, intrinsecamente bella e quindi indipendente dal contenuto promosso, dove la rappresentazione spesso stupisce, altre volte cattura l’attenzione per la sua costruzione e composizione cromatica, altre volte impaurisce, altre ancora attrae con ironia.

La seconda sezione è dedicata al rapporto tra illustrazione e messaggio pubblicitario, dove uno rafforza l’altro, dove il prodotto è rappresentato, o comunque evocato nella rappresentazione, e quindi descritto con il suo nome e la sua marca, alcune volte associato a uno slogan che ne rafforza le caratteristiche. In questa sezione divisa in capitoli, attraverso marchi celeberrimi quali Barilla, Campari, Cinzano, Motta, Pirelli e molti altri, si indaga il mondo del manifesto in un incrocio virtuoso tra temi, settori merceologici, scuole,prime agenzie pubblicitarie, grandi maestri.

La terza sezione riguarda tutti gli strumenti di promozione pubblicitaria che si sono sviluppati accanto al più conosciuto manifesto, come locandine, depliant, targhe in latta fino all’illustrazione della confezione. La quarta è, infine, dedicata ai nuovi strumenti di comunicazione che si affacciano dal 1920 in poi, la radio prima e poi la televisione fino al giorno in cui nacque Carosello, il primo passo verso un’altra storia.

La mostra si avvale tra gli altri della collaborazione col prestito di un importante numero di bozzetti originali del Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma. E’ realizzata grazie a Fondazione Cariparma, Crédit Agricole Cariparma ed un pool di sponsor tecnici. Il catalogo, Silvana Editoriale, è in vendita da oggi con la gazzetta di Parma a 18 euro più il prezzo del quotidiano.

Affianca la rassegna la presenza in Sala Goya dell’opera di Francis Bacon «Two Americans», appartenente alla Collezione Barilla di Arte Moderna, esposta da oggi (fino al 10 dicembre). Un focus sul celebre artista e l’occasione per ammirarla a fronte del dipinto di Johann Heinrich Füssli, «Gertrude, Amleto e il fantasma del padre di Amleto» della collezione permanente così da creare un incontro possibile fra i due protagonisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno