18°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Una bellissima creatura

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi
-A quindici anni scrivevo: ti amo, sul tronco di un albero, custode e giudice immobile di casa. Sussurravo: non voglio farti male. Ti amo è un impeto del cuore, astrazione pura. Amo anche te, generoso paralume verde che emani vita.-
- Ora, mia cara, non è più tempo di scrivere: ora te ne vai in montagna. Te lo ordino come medico e come marito.- -Mi spieghi perché dovrei ubbidire ai tuoi ordini?- -Sei pallida, stanca, dimagrita: da brava, fai le valigie: io ti conduco e poi torno. A fine settimana ti raggiungo e ci fermiamo a Canazei dieci giorni. Questa volta sono io che decido. E’ iniziato un nuovo anno.- Intanto la guardava con occhi acuti, dolci e risoluti: gli occhi mobili e sempre diversi che l’avevano fatta innamorare. I “lettori dell’anima” li aveva definiti. Poi gli disse: non credi potrebbe essere pericoloso leggere l’anima? Lui rise, ma non rispose. O disse, bisbigliando: le solite evasioni fantasiose. Fu così che si trovò in montagna. Era, il giorno, una matassa di luce che l’avvolgeva, un sole lustro s’adagiava sui monti, sulle case, sulla neve che brillava come bianca lava. Bellissimo, anche se a lei i monti così fermi, immensi incutevano soggezione. Il mare era vita, la vita nasce nell’acqua: i monti le suggerivano l’aspetto severissimo della vita. Implacabile e immoto. E che cos’è la vita se non l’attesa dell’ultima chiave che aprirà la porta misteriosa? E’ proprio soltanto questo Elisa? Non ti sbagli? L’Hotel Bernard non era affatto cambiato: ogni cosa al proprio posto come due anni prima quando con Vincenzo ci aveva trascorso venti giorni. In sala da pranzo i posti occupati erano pochi. Dalle ampie finestre si scorgevano rari sciatori, piste intatte o macchiate di puntolini neri che sparivano e ricomparivano. La crisi, pensò Elisa. E quasi si sentì in colpa. Non le piaceva sciare. Le piaceva nuotare. Provò un paio di sci, anni addietro, e subito cadde. Il cielo le fu addosso azzurro e leggero come un velo: si mise ferma, sorridendo a quel tetto infinito camminato da soffici nuvole fino a quando Vincenzo arrivò a rimetterla in piedi.
–Ci rinuncio- affermò. Non imparò mai a sciare. Un signore l’osservava dal tavolo vicino: era ora di pranzo. Era solo. Un signore elegante, capelli brizzolati, viso abbronzato, occhi sottili e curiosi: due fessure intriganti. Elisa sapeva che tra poco le avrebbe rivolto la parola. Infatti:- La signora è sola?- Prevale sempre la banalità, pensò Elisa. –Per ora- rispose. –Ah, fece il signore. Lo immaginavo. E’ pericoloso lasciare sola una bella signora.- -Sono coraggiosa- rispose Elisa. – E lui?- -Lui è a casa con una bellissima creatura. Fulva, occhi enormi, dolcissimi, è docile e affettuosa. Sono tranquilla. E’ in buone mani.- -Voi giovani sapete instaurare rapporti interessanti, appunto perché trasgressivi. Avete, secondo me, innocuo professore di filosofia, assorbito dalla cultura orientale…- -No…no, signore. La cultura orientale la possiamo escludere, nel caso nostro: anche se l’accettiamo con tutto rispetto.- -E allora?- -Allora io non ho nulla da confessare. Il pranzo sta arrivando. Vorrei gustare le buone cose che ci stanno portando. Mi scusi.- Trascorsero due giorni strani. Elisa inevitabilmente incontrava il professore: durante le passeggiate, in paese, nei negozi. La seguiva, austero e deciso. La fissava: dagli occhi sottili uscivano sguardi taglienti come bisturi. Un mattino la invitò:- Lo accetta un caffè?- Non osò dire di no. La prese un tremore strano: e se fosse pazzo? Suvvia Elisa, non essere ridicola. Ognuno di noi porta in sé un pizzico di follia. Lo sai perfettamente. E stasera arriva Vincenzo. Sorbirono il caffè in un iniziale imbarazzante silenzio. Il professore sbottò:- E se le chiedessi di raccontarmi la sua storia?- -E’ una storia normale. Sta per caso scrivendo un libro? La vedo scrivere nel sole con una penna nera (non usa il computer, bravo). Scrive nel giardino dell’albergo. La normalità non serve. I libri corrono su altre rotaie.- Lui tacque. Misteriosamente assorto. In una sosta lunga e noiosa. Si alzarono e raggiunsero l’hotel. Giunse sera. Arrivò Vincenzo. Al guinzaglio era con lui Billie, la loro cara, splendida boxer. Fulva, superba, uno sguardo disarmante. Il professore li guardava. Elisa gli disse: -Permette? Le presento Billie, la creatura bellissima e fedele di cui le ho parlato. Le presento Vincenzo, mio marito. Era o non era in ottima compagnia?- Il professore sorrise amaro. Vincenzo fissò sua moglie con uno dei suoi sguardi imprevedibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Il ragazzo ucciso scrisse: "Se mi volete morto, la fila è lunga"

RIMINI

Prostituzione e droga: sequestrato il night "Lady Godiva", 19 misure di custodia cautelare

SPORT

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

BASEBALL

Parma Clima: Yomel Rivera raggiunge i compagni in Arizona

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel