16°

29°

Arte-Cultura

Lager e olocausto: orrore dietro casa

Lager e olocausto: orrore dietro casa
Ricevi gratis le news
0

Lisa Oppici

Mentre purtroppo vengono meno i testimoni diretti (la partigiana Mirka se n'è andata pochi giorni fa) di una stagione d’orrore da non dimenticare mai, le voci vive di anni duri di dolore, di sopraffazione, di inumanità e di morte, per fortuna la ricerca storiografica «mette nero su bianco», fissando su carta quel tempo e i suoi drammi e dando un contributo forte al mantenimento e alla trasmissione della memoria. E spesso colma, la storiografia, lacune che potrebbero anche diventare voragini, se trascurate. Va letto in questa chiave il nuovo volume di Marco Minardi, direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea (Isrec) di Parma, che con «Invisibili. Internati civili nella provincia di Parma 1940-1945» riempie di fatto un vuoto storiografico contribuendo (con questa come con diverse altre sue pubblicazioni) a recuperare un tassello - importante, di peso - della vicenda di quegli anni. Il volume, pubblicato da Clueb nella collana «Parma contemporanea» dell’Isrec e realizzato con il contributo della Fondazione Cariparma e dell’Assessorato al Benessere alla Creatività giovanile del Comune, sarà presentato oggi alle 17 nella Sala Conferenze dell’Isrec (vicolo delle Asse, 5) da Lorenzo Bertucelli dell’Università di Modena e Reggio Emilia. L’iniziativa, organizzata da Isrec, Comune e Provincia, rientra nel programma della Giornata della memoria 2011. «A fine luglio del 1940, poco più di sei settimane dopo la dichiarazione di guerra alla Francia e al Regno Unito, i primi prigionieri varcarono i cancelli dei due campi di concentramento per civili aperti nel Parmense, i castelli di Montechiarugolo e di Scipione di Salsomaggiore. Erano stati allestiti in tutta fretta dalla Prefettura nel corso dei mesi precedenti per accogliere, al momento dell’entrata in guerra dell’Italia, civili di nazionalità nemica e ''apolidi''». Anche il Parmense ospitò dunque campi di concentramento e luoghi d’internamento: appunto i castelli di Montechiarugolo e Scipione e, tra 1943 e 1944, una struttura all’interno del complesso termale di Monticelli, posti da cui molti partirono - spediti nei campi di sterminio e di lavoro del Reich - per non tornare più. Lì stavano uomini, donne, bambini, ebrei, cattolici, protestanti, jugoslavi e francesi, britannici e tedeschi, polacchi e italiani: persone ritenute «pericolose», forti di un antifascismo più o meno militante, ma anche cittadini stranieri confinati là solo perché «sudditi di paesi nemici», tutta gente che «anziché accoglienza, rifugio, possibilità di studiare, di lavorare, di vivere, di salvarsi dalle persecuzioni», nel nostro Paese ha trovato «un destino ingiusto di prigionia e persecuzione». Nel complesso furono almeno 1362.Minardi li cerca tutti. Li cerca e riporta quello che trova (talvolta lacerti di storie, talvolta solo nomi) provando così a far riaffiorare una porzione a dir poco dimenticata della nostra storia, mai emersa davvero dopo la fine della guerra (soppiantata da altri ricordi e da altri argomenti) e per certi versi oggetto di un’autentica rimozione. Ecco dunque una delle motivazioni forti di «Invisibili», che «mira a ricostruire un tessuto, a ripercorrere itinerari, a restituire qualche frammentaria traccia che permetta di riportare alla luce, se non nella loro originaria chiarezza, almeno nei nomi, nelle voci, nei destini, più di mille persone». Persone, gli internati civili, che «rappresentano l’invisibile sociale, la non appartenenza». Quattro anni di ricerche, molte fonti consultate: dai fascicoli personali della Questura alle lettere e alle testimonianze orali; tessere di un mosaico composito che Minardi si è fatto carico di ricostituire in primis per dare corpo a «una memoria collettiva più giusta», per gettar luce su un pezzo di storia del Parmense pressoché sconosciuto ai più. Sette capitoli densi più due elenchi preziosi, che d’ora in poi saranno punto di riferimento sul tema («Elenco degli internati civili nei campi di concentramento e degli internati liberi nella provincia di Parma, 1940-1945» e «Elenco degli ebrei italiani e stranieri arrestati nel Parmense e deportati nei campi del Reich»), in un libro che, come sempre in Minardi, parla tanto di persone, e guarda (ricostruisce) la storia attraverso le vite di uomini e donne. È una scelta precisa, che ancora una volta risulta perfetta: la scelta di una «storiografia umana». A quegli uomini e a quelle donne non solo privati della libertà ma dimenticati, cancellati, sepolti, Minardi ridà fiato e voce: accoglienza, quasi.

Invisibili. Internati civili nella provincia di Parma
Clueb/Isrec, pag. 310, € 30,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

3commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

Genova

Ricostruzione ponte Morandi, Pizzarotti: "Toti commissario"

1commento

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse