14°

26°

Arte-Cultura

"Cristo dalla parte degli sconfitti"

"Cristo dalla parte degli sconfitti"
Ricevi gratis le news
0

Giovanna Chirri

Gesù risorto «non è un cadavere rianimato» ma «vita nuova», la sua risurrezione è una «possibilità che interessa tutti e apre un nuovo genere di futuro». «La fede cristiana sta o cade con la verità della testimonianza secondo cui Cristo è risorto dai morti», le mani di Gesù «restano distese sul modo, come un tetto che ci protegge». Questo l’approdo della ricerca di Papa Ratzinger che, insoddisfatto del Gesù storico – tanto perduto nel passato da sembrare una nebulosa, – si è incamminato alla ricerca di uno «sguardo» e di un «ascolto» del Gesù dei Vangeli per poterlo presentare come «persona» con la quale è possibile un «incontro» un vero «rapporto personale». Una ricerca continuata con determinazione anche una volta eletto Papa, concretizzata nel «Gesù di Nazaret», della quale viene presentato oggi il secondo volume, «Dall’ingresso a Gerusalemme fino alla risurrezione». Edito dalla Lev in sette lingue, un milione 200 mila copie di tiratura iniziale, 300 mila in italiano, già esaurite, con altre 400 mila già prenotate, le circa 380 pagine sono uno sforzo intelligentemente ostinato di conciliare fede e ragione, di scovare il «Gesù reale» attingendo sì alla ricerca storica e critica, ma soprattutto tentando una «introspezione» di Cristo-persona attraverso gli episodi storici della sua vita: «Ci sarà un motivo per cui Dio ha scelto per papa un professore», aveva osservato Benedetto XVI nel libro-intervista con Peter Seewald. Ed ecco il «Gesù di Nazaret». Tanti i compagni di questo viaggio, tra cui l’amatissimo Romano Guardini, il connazionale Walter Kasper, l’ex allievo Christoph Schoenborn, il francese Albert Vanhoye esegeta della «Lettera agli Ebrei», i protestanti Pannenberg e Ringleben, ovviamente Rudolf Bultmann, il «demitizzatore» dei racconti evangelici. La ricostruzione del Papa acquisisce i risultati della ricerca storico-critica. In particolare è scrupolosissima per quanto riguarda le testimonianze della risurrezione. Benedetto XVI muove dalla domanda se «in quanto persone moderne possiamo dare credito» alle testimonianze della risurrezione», anche se «il pensiero ''illuminato'' dice di no». La sua risposta è invece affermativa: «Nella sua audacia e novità l’annuncio apostolico prende vita dalla forza impetuosa di un avvenimento che nessuno aveva ideato e che andava al di là di ogni immaginazione». I racconti, tra cui quelli sul sepolcro vuoto e la apparizione di Emmaus, sono anche «poco abili», ulteriore prova questa della loro affidabilità: se avessero inventato, i testimoni avrebbero fatto meglio, in particolare circa la «corporeità» e il modo di relazionarsi a loro di Gesù dopo la risurrezione. Tra i tentativi più riusciti di compiere una vera e propria introspezione sul Gesù dei Vangeli c'è senz'altro il capitolo sulla preghiera nel Gestsemani. Immedesimandosi nel Gesù reale, Benedetto XVI cerca di cogliere l’angoscia di Cristo – che «ha sperimentato l’ultima solitudine, tutta la tribolazione dell’essere uomo» – e la lotta in lui tra la volontà personale e la volontà di Dio. Accettando la volontà di Dio, Cristo ha «capovolto la storia», per tutti gli uomini, e lo ha fatto «mettendosi dalla parte degli sconfitti della storia». I discepoli che si addormentano, invece, manifestano quell«'intorpidimento dell’anima» che neppure vede più «tutta l’ingiustizia e tutta la sofferenza che devastano la terra» e alla fine «conferisce al maligno un potere nel mondo». Anche per i cristiani di oggi, spiega, occorre «vigilanza» contro questo intorpidimento dell’anima. Nel comprendere invece «gli abissi dell’anima» di Gesù sulla croce, nel suo «grido di abbandono», per Benedetto XVI sono stati più bravi i padri della Chiesa che certa «teologia recente», che ha scelto un «approccio troppo limitato e individualistico»: il grido di Gesù è anche «di tutti i giusti che soffrono». Nel capitolo sul processo c'è l’esame di come la parola «ochlos» che significa innanzitutto semplicemente una quantità di gente, la «massa» sia potuta diventare passando dal racconto di Marco a quello di Matteo, «tutto il popolo», con una «amplificazione fatale nelle sue conseguenze». Molto antigiudaismo nei secoli si è fondato su questa maledizione di Matteo, 27,25: «il suo sangue cada su noi e i nostri figli». «Il sangue di Gesù – ricorda papa Ratzinger – non viene versato ''contro'' qualcuno, ma è sangue versato per ''molti'', per tutti». Così la frase che ha aizzato l’odio contro il popolo ebraico «non è maledizione», ma significa che «tutti abbiamo bisogno della forza purificatrice dell’amore». Forse questa frase, – più che le affermazioni sulla non responsabilità degli ebrei nella crocifissione, già acquisita dalla Chiesa con la dichiarazione conciliare Nostra Aetate, – ha fruttato più di altre a papa Ratzinger il plauso del mondo ebraico internazionale, politico e religioso, fino al messaggio personale che gli ha inviato il premier israeliano Benyamin Netanyahu. Dal racconto del processo a Gesù una riflessione per l’oggi: «Pilato accantona la domanda sulla verità», come succede «quando il potere dei forti diventa dio di questo mondo», e come quando «la conoscenza della verità funzionale» produce «cecità per la verità stessa». Infine una raccomandazione: «Il mistero dell’espiazione non deve essere sacrificato a nessun razionalismo saccente». Cristo ha ottenuto «l'espiazione per il mondo», con lui «il rapporto di Dio con il mondo si è rinnovato», si è «realizzata la riconciliazione».

Gesù di Nazaret
Lev, pag. 380, €20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento