13°

25°

Arte-Cultura

E i maccheroni unirono l'Italia

E i maccheroni unirono l'Italia
Ricevi gratis le news
0

Andrea Grignaffini

Una lingua, una cucina, una nazione: 2011 come anno di ricorrenze. Centenari e centocinquantesimi si intersecano durante lo scorrere di questi primi mesi. Unità d’Italia a unificare, se non talvolta a dividere, gli animi, a ricordare una storia, quella del nostro Risorgimento, che ha condotto la penisola sotto i colori di una medesima bandiera.
Un secolo invece è trascorso dalla scomparsa del più celebre gastronomo italiano, dilettante per così dire, ma intensamente amante e cultore della nostra tradizione culinaria. Pellegrino Artusi (morto il 30 marzo 1911) è di Forlimpopoli: le sue origini sono fortemente romagnole, la sua passione è la letteratura, tant’è che gli sforzi e gli studi sono sempre mirati alla realizzazione di grandi opere di critica letteraria.
Una biografia di Ugo Foscolo e una critica a trenta lettere di Giuseppe Giusti non saranno mai riconosciute nel mondo dotto degli umanisti, il grande salto di qualità avverrà solo quando l’altra sua profonda passione, la cucina, diventerà materiale di studio. Laureato in lettere alla facoltà di Bologna, l’Artusi si trasferirà con la famiglia a Firenze, e a 45 anni, si dedicherà ai suoi maggiori interessi: in questi anni riuscirà a ultimare le sue tre opere, tra cui la fondamentale «La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene».
 Resa evidente dal titolo la mentalità positivistica che imperversava in quegli anni, il ricettario rappresenta un caso particolare per la storia editoriale italiana. Rifiutato dalla stampa, le prime pubblicazioni avvengono grazie allo stesso autore, che se ne occupa direttamente. Primissima copia è quella risalente al 1881 e il successo pare  immediato: 475 ricette di partenza arriveranno alla soglia di 790 nel 1909 con la tredicesima edizione. Un incredibile caso letterario, i suoi punti di forza erano e sono universalmente riconosciuti. Successivo a una classicissima tradizione (pensiamo a quella d’oltralpe di Escoffier) a cui i cuochi si rifacevano per una cucina di precisione, l’arte della tecnica e del dosaggio millimetrico, «La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene» rappresenta il punto di svolta, sia per il pubblico, sia per i contenuti che, in modo fondamentale, per il linguaggio. Non più per gli specializzati, non soltanto per gli addetti del mestiere, il ricettario artusiano esprime il punto di incontro tra le classi sociali: nasce come borghese, si incrocia con il popolare.  L’enorme valore che si dà al testo è largamente dovuto alla sua capacità intrinseca di sapersi trovare uno spazio tra i due livelli, le ricette sono per entrambi, le materie prime sono fruibili, le preparazioni piuttosto agili. Nessun codice è prestabilito, solo un linguaggio in grado di unificare, grazie al tono vivace e coinvolgente. L’Artusi si rivolge alle donne, le vere padrone della casa, in un momento nel quale ancora i ruoli non erano stati rivisitati; le regine della cucina si approcciano alle ricette ben volentieri, perché oltre alla semplice esecuzione, l’Artusi ripropone delle brevi novelle domestiche che coinvolgono il lettore, lo assorbono nel mondo gastronomico della cucina familiare. I valori trasmessi sono quelli dell’igiene, dell’economia, del buon gusto, della salute, i capisaldi di una vita «corretta».
«Il miglior maestro è la pratica», a dirlo l’autore, a sostenere la sua tesi è l’intero suo pubblico. Tant’è che per la sperimentazione delle sue ricette lo scrittore interpella due cuochi «di casa», non degli chef di mestiere. L’ultimo valore fondante è anche quello storicamente con maggior rilevanza: l’unificazione della lingua italiana e la diffusione di una cultura nazionale anche dal punto di vista gastronomico. Piero Camporesi scrive, nella sua edizione critica del 1970: «L’importanza dell’Artusi è notevolissima e bisogna riconoscere che ''La Scienza in cucina'' ha fatto per l’unificazione nazionale più di quanto non siano riusciti a fare i ''Promessi Sposi''». Una grandissima operazione unitaria, grazie all’assemblaggio di ricette provenienti dall’intera penisola, connotate da un forte influsso dell’autore che si destreggia tra il suo essere romagnolo-bolognese, ma anche toscano-fiorentino di acquisizione. Poche ricette dal Sud, tante dal Nord, alcune esageratamente elaborate, altre quasi precursori di un’attuale tendenza contemporanea. Insomma, una raccolta di stili, di tradizioni, di storie famigliari. Un discorso comunitario che si rivolge ai più e che è riconoscibile nel suo successo tuttora esistente ma soprattutto di portata internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Silvia Olari furto tablet

Foto d'archivio

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

3commenti

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

5commenti

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

Soccorritori al lavoro in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

Il personaggio

Beppe Boldi, maestro di cori: 55 anni di carriera

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

TERREMOTO

Il Bardigiano trema: 7 scosse in un'ora

RISSE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

ESTETICA

Smagliature, trattatele finché sono rosse. Dopo può essere tardi

di Maria Teresa Angella

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Corruzione: in stato di fermo il finanziere Vincent Bolloré

CANADA

Furgone sulla folla a Toronto: 10 morti. Ma non è terrorismo

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

INTERVISTA

Pin-up e "mister barba", parla la modella: "Ecco come ho creato il servizio fotografico" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover