17°

28°

Arte-Cultura

Camicia rossa e penna

Camicia rossa e penna
Ricevi gratis le news
0

 di Paolo Ferrandi

 

Per molti italiani il nome associato alla nascita del «Corriere della Sera», il più autorevole e venduto quotidiano italiano, è quello di Luigi Albertini, il giornalista che portò all’inizio del secolo scorso il giornale milanese al primato e che fu - assieme al fratello Alberto - costretto ad abbandonare la sua «creatura» dal fascismo. Benito Mussolini, ormai al potere e il cui movimento stava consolidandosi in regime, infatti, costrinse i fratelli Crespi, proprietari della maggioranza delle quote societarie del «Corriere», a sbarazzarsi di Albertini, considerato un giornalista troppo indipendente per sopportare la mordacchia che stava per essere imposta a tutta la stampa italiana. Non molti sanno, però, che il «Corriere della Sera» fu fondato il 5 marzo del 1876, molti anni prima dell’arrivo di Albertini a Milano, da un giornalista di origini napoletane, Eugenio Torelli Viollier. Fu Torelli, tra l’altro, ad assumere Albertini al «Corriere» nel 1896 come segretario di redazione e a far capire - poco prima della sua morte, avvenuta il 26 aprile 1900 - di considerarlo il suo successore. Il libro di Massimo Nava, che ricostruisce la vita avventurosa di Torelli Viollier, colma quindi un importante vuoto, anche perché il «Corriere» di Albertini non è pensabile senza il «Corriere» di Torelli Viollier; anzi, per molti versi, Albertini porta a compimento il disegno originario di Torelli, cioè quello di fare un quotidiano «conservatore e moderato, ma al tempo stesso attento al progresso» come auspicato dalla dichiarazione d’intenti scritta dal fondatore sul primo numero del giornale.  Nava descrive, però, anche la prima parte della vita di Torelli che - nato a Napoli il 26 marzo 1842 e rimasto orfano giovanissimo - fu allevato, assieme ai fratelli, dalla sorellastra Luisa. Il giovane nel 1860 si unì ai garibaldini e prese parte alla campagna che portò alla fine dello stato borbonico. Per un breve periodo entrò a far parte della pubblica amministrazione, ma la svolta della sua vita fu l’incontro con Alexandre Dumas padre. Lo scrittore francese, infatti, aveva seguito la spedizione di Garibaldi ed era diventato direttore di un quotidiano pubblicato a Napoli, l’«Indipendente». Torelli, che era di madre francese, divenne il suo segretario personale, una specie di factotum che si occupava di tutto: dal disbrigo della corrispondenza, alla traduzione degli articoli di Dumas; dalla cura delle pratiche amministrative, alla fattura del giornale. L’«Indipendente» era dominato dalla statura gigantesca del direttore e - per la maggior parte «fatto con le forbici», cioè prendendo le notizie dalle altre gazzette - viveva grazie gli articoli di Dumas, che con il suo stile denso e torrenziale, costituiva la vera attrattiva per i lettori. Il quotidiano, naturalmente, non era autonomo dal punto di vista finanziario e dipendeva dai soldi messi a disposizione da Garibaldi. Quando il progetto mostrò la corda, Dumas decise di tornare a Parigi e Torelli lo seguì. Il giovane patriota napoletano venne in contatto con un ambiente cosmopolita e cominciò a capire - grazie all’esempio dei quotidiani che si pubblicavano nella capitale francese - che il giornalismo stava professionalizzandosi e che l’editoria poteva diventare un’importante attività industriale. Torelli decise di lasciare il lavoro con Dumas, che progettava un viaggio negli Stati Uniti, e, accentando un’offerta di Sonzogno che aveva conosciuto a Parigi, tornò in Italia e si trasferì a Milano come direttore di due riviste dell’editore milanese. La prima direzione di Torelli non ebbe il successo sperato e ben presto il giornalista napoletano si ritrovò redattore del «Secolo», il quotidiano più importante di Milano, sempre di proprietà di Sonzogno. Ma l’orientamento progressista e «scapigliato» della testata non si addiceva al suo carattere e alle sue convinzioni, che con gli anni erano diventate sempre più moderate, quindi Torelli se ne andò, innescando una polemica con la redazione del «Secolo» che con l’andare degli anni assunse toni sempre più personali e sgradevoli, tra accuse, cause in tribunale e duelli al primo sangue. Alla fine, dopo alcuni anni difficili, Torelli ebbe l’opportunità di diventare direttore di un giornale nuovo, il «Corriere della Sera», appunto. Il libro di Nava, però, non ricostruisce solo la vita professionale di Torelli, le sue idee che stanno alla base della professionalizzazione - sull'esempio inglese e francese - del giornalismo italiano, ma tratteggia con molta finezza anche la difficile vita privata del giornalista, il matrimonio fallito con Maria Antonietta Torriani - giornalista e scrittrice che si firmava con lo pseudonimo di Marchesa Colombi -, il suicidio penosissimo di una giovane nipote, i lunghi soggiorni al lago o nelle località più alla moda (soprattutto a Salsomaggiore), la malattia agli occhi che alla fine lo costringerà - assieme alle divergenze con una parte della redazione - a lasciare la direzione del «Corriere». Eugenio Torelli Viollier morì il 26 aprile 1900, all’alba del nuovo secolo, per un attacco cardiaco. Il «Corriere della Sera» sotto la sua direzione era diventato adulto. Albertini lo avrebbe fatto diventare grande. 

Il garibaldino che fece -  il Corriere della Sera - Rizzoli, pag. 28419,50

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

MUSICA

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

Ecco i progetti annunciati dal Comune

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

6commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

calcio

Riecco Ciciretti

STORIA

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

ITALIA/MONDO

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design