16°

28°

Arte-Cultura

Pedretti, lo storico del loggione

Pedretti, lo storico del loggione
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti

Nel maggio del '91 quando morì Paolo Pedretti aveva cinquantaquattro anni, era un ragazzo, un giornalista dedito alla professione con intelligente, colta e saggia natura di scrittore, e amava il cinema professandosi allievo di Pietrino Bianchi che di innamorati di quell'arte ne aveva creati tanti assieme ad Attilio Bertolucci e Maurizio Alpi. Con attenta e sagace misura, Paolo curava la «terza» della «Gazzetta» e fece parte diligente in seguito anche del rinato «Raccoglitore» che all'inizio degli anni Ottanta Baldassarre Molossi rimise in circolazione per rinnovare i fasti del supplemento letterario che trent'anni prima aveva onorato il giornale quale esempio di una moderna concezione della critica e dell'informazione culturale.
I contatti con Paolo Pedretti erano quasi quotidiani: ci si vedeva, ci si parlava e subito nascevano pacifiche discussioni sui libri e gli autori del momento. Il setaccio era molto stretto, venivano scartati i superbi e i pretenziosi (ce ne sono sempre stati, a Parma e in Italia!) e ci si soffermava semmai sugli esordienti, quelli che a noi pareva avessero «qualcosa da dire». Quante volte abbiamo riflettuto su questa frase, che non era un abile trovata per scartare scrittori e poeti, bensì una griglia di pareri, giudizi e letture tante volte fatte insieme e ripetute e confrontate con le osservazioni che Molossi avanzava sempre sugli articoli della terza pagina.
Ma l'amore grande di Pedretti era il teatro, tutte le forme di teatro creavano in lui curiosità, le voleva provare, assaggiare si potrebbe dire, masticarle con il gusto dei sapori che venivano dagli allestimenti, dagli attori, dagli ambienti e dalle reazioni del pubblico. E qui, proprio su tali reazioni, s'innesta il libro fatale di Paolo, il suo capolavoro.
Un anno dopo la sua scomparsa, assieme a Carlo Allodi - altro non trascurabile testimone di frequentazioni teatrali e giornalista molto preparato - curammo la stampa della corposa raccolta che s'intitola «Lassù in loggione» (Guanda e Gazzetta di Parma editori) con una premessa chiarificatrice e affettuosa di Maurizio Chierici. Il volume raccoglie le cronache del loggione del Teatro Regio, ma non solo. Detto così, sembra che Pedretti si limitasse a segnare i pro e i contro dei gelosissimi e preparatissimi frequentatori di quel covo di melofili (e melomani, anche) che presiedono alla ricerca di una impossibile perfezione senza far sconti a nessuno. Ma non è così. Infatti, considerato a ragione uno storico delle reazioni degli irrequieti frequentatori dell'ultimo piano del Regio, Pedretti fu per oltre trent'anni testimone diretto e appassionato dei tronfi e delle clamorose cadute decretato dal loggione di cui seppe riferire in maniera inimitabile gli stati d'animo più diversi, dagli entusiasmi alle delusioni, dagli applausi ai fischi.
Attraverso il personale e fine humor e le battute fulminanti in dialetto - quello vero, dal sapore antico - dei loggionisti, rivivono in quelle pagine che si leggono e si rileggono ancora oggi con intatto piacere, le serate storiche che hanno contribuito a creare e a rendere famoso nel mondo il «caso» del loggione parmigiano.
Dal 1960 al '91, l'arte sottile e quasi impalpabile, ma concretissima del Pedretti cronista teatrale si specializzò in un genere di critico informativa e creativa che non ha eguali, diventò cioè un modo di vivere il teatro dalla parte del teatro, e non solo per giudicare gli spettacoli, le voci e gli allestimenti, ma per farne la storia, che è la cosa più difficile e importante che ci sia. Non si sale in loggione solo per ascoltare, ripeteva Paolo, ma si va lassù (e caricava il moto con un gesto solennemente indefinito) per capire.
Capire che cosa? La musica prima di tutto, e poi la pronuncia del canto, e le due cose assieme che sono poi i due corni di quella lotta suprema cui è chiamato ogni spettatore che non sia solo un distratto frequentatore. E poi ancora per capire il dialetto, il valore dell'espressione dialettale che è molto più immediata ed efficace di quella in lingua: tre elementi di non immediata fruizione e per dir così battuti a caldo nelle sere delle recite in pochi minuti, velocemente cercando le parole e le frasi adatte per l'edizione del giornale che aspettava ancora aperta.
Fedele al proprio compito amato, Paolo tornava e ritornava lassù lungo i tanti scalini, ogni anno, nelle sere delle «prime», e pulendosi le lenti, s'apprestava con pazienza ad ascoltare pareri e battute anche feroci e paradossali che segnava nel taccuino sgualcito al modo dei vecchi e illustri «cronisti» teatrali di venerata memoria come Orio Vergani che, finito lo spettacolo, rientrava al «Corriere» con gli appunti scrivendo in pochi minuti pezzi perfetti per misura, rigore e sicurezza che il giorno dopo facevano il piacere dei suoi lettori milanesi e italiani. Del suo inimitabile maestro Pietrino, Pedretti aveva scritto, presentando le pagine de «il portoghese discreto» assieme a Peppino Calzolari: «E sullo specchio delle figure disegnate con la luce, presto la gente avrebbe visto scorrere parte di sé: visioni dolenti, amare, dolci, memorabili. Parte di quella verità di cui chi narra, se commosso dall'arte, si fa oracolo». Se dai film passiamo alla musica, queste parole stanno bene anche per chi amò lassù le voci e le note. E con esse lo vogliamo oggi ricordare affettuosamente.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"