13°

23°

Arte-Cultura

Risucchiati nel vortice delle cupole

Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni

Entrati nella solenne maestosità romanico-rinascimentale del Duomo, quando si giunge sotto la cupola si prova un senso di stordimento sentendosi risucchiati nel vortice osannante che accompagna l’Assunzione di Maria in un cono sfolgorante di luce divina mentre il figlio le scende incontro. Il sommo capolavoro del Correggio – e della pittura di tutti i tempi – dopo cinque secoli continua ancora a stupire, ad affascinare con la sua illusoria spettacolarità teatrale, con la sua trionfante spiritualità. «Le sue cupole sono di una audacia tale – ha scritto nel 1988 Charles Bouleau – che la piena marea decorativa dell’età barocca non ne vide di più sorprendenti». Due secoli prima Anton Raphael Mengs aveva affermato che la cupola del Duomo è la più bella che sia mai stata dipinta. Il Correggio ha impiegato ad affrescarla 283 giornate lavorative tra il 1526 e il 1530, realizzando pure i pennacchi coi santi patroni e tre sottarchi.

L’Assunzione di Maria, cui la Cattedrale è dedicata, avviene sotto gli occhi degli imponenti apostoli indossanti ampi mantelli, posti su un rilievo a finto marmo così ben fatto da ingannare tanti illustri visitatori: rappresenta il bordo del sepolcro di Maria aperto nella profondità terrena; gli apostoli si appoggiano a una balaustra su cui si trovano delle torce e degli incantevoli angeli efebi che bruciano rami di pino e incenso. La Vergine sale accompagnata da personaggi della Storia Sacra tra cui Eva, Giuditta e Marta sulla destra e Adamo, Abramo e Giacobbe sulla sinistra. Sotto, nei pennacchi, Correggio ha raffigurato Sant’Ilario, patrono principale della città col libro, la mitria e il pastorale; San Giovanni Battista, cui è dedicato il Battistero, con l’agnello; San Bernardo degli Uberti, patrono della diocesi e consacrato vescovo quando è stata dedicata la cattedrale da Pasquale II (1106); San Giuseppe, proclamato patrono cittadino proprio nel 1528, coi simboli della fuga in Egitto (bastone, palma e datteri).

Lo spazio architettonico il Correggio l’ha superato la prima volta nella cupola di San Giovanni (1520-21) dove ha rappresentato la morte dell’Evangelista a Efeso, seguendo il testo della «Leggenda Aurea» che riporta la tradizione, scaturita da un passo del Vangelo dello stesso Giovanni, secondo la quale al momento del trapasso Giovanni avrebbe visto Cristo scendergli incontro circondato dagli apostoli. Diversi storici dell’arte, che non hanno molta dimestichezza con la letteratura giovannea, hanno impropriamente parlato di Visione di Patmos, l’isola in cui Giovanni ha scritto l’Apocalisse, ma in tutto il libro non vi è alcun accenno a una visione di Cristo circondato dagli apostoli. Non solo, ma il passo apocalittico preso dal Burckhardt a sostegno della «visione» si riferisce chiaramente al Cristo giudice e re della Parousia: un Cristo, quindi, tutto diverso da quello rappresentato nella cupola, il quale col volto intriso di tenerezza viene ad accompagnare il passaggio dell’apostolo prediletto nel regno dei Cieli. Gli apostoli a torso nudo, disegnati con rilevante plasticità anatomica, siedono su nuvole rigonfie tra cui si incuneano putti vivacissimi; i manti che corrono tra l’uno e l’altro accennano a un leggero movimento e accentuano quel cono spaziale da cui scende verticalmente, per la prima volta, Cristo. Correggio qui ha tenuto presente quanto ha visto a Roma negli affreschi di Raffaello e di Michelangelo, ma rispetto a quest’ultimo ha saputo fondere la forza fisica con la grazia spirituale e con una gestualità misurata. Gli apostoli sono immersi in uno spazio senza definizione per cui è il loro corpo che diventa misura dello spazio stesso: un artificio che Michelangelo userà più tardi (1537-41) nel grandioso Giudizio Universale.

Nei pennacchi, più complessi di quelli della Cattedrale, Antonio ha dipinto i quattro evangelisti coi loro simboli e ognuno è accompagnato da un padre della chiesa con cui colloquia: San Matteo con San Gerolamo, San Luca con Sant’Ambrogio, San Marco con San Gregorio e San Giovanni con Sant’Agostino i quali parlano della Trinità: l’evangelista indica con le dita le tre persone e Agostino risponde unendo le dita per indicare un’unica natura. Tra le figure a monocromo dipinte nei sottarchi, la scena di Caino e Abele viene attribuita al Parmigianino. Il Correggio, oltre alla cupola, ha affrescato la lunetta col giovane San Giovanni, la crociera del presbiterio, l’abside (poi distrutta) e la fascia della navata centrale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno