17°

27°

Arte-Cultura

Un notaio e cinquantadue figli

Un notaio e cinquantadue figli
Ricevi gratis le news
0

Lisa Oppici
 Ci sono i profumi delle salame da sugo e i balli di provincia che non si vedono più, i robivecchi che piangono quando vendono qualcosa e le trattorie veraci dove si va per mangiare e si trova un mondo intero. E molto altro. C'è, soprattutto, un’atmosfera sui generis, inconfondibile.
È quella della letteratura padana, quella che si riempie di colori, profumi e sapori, ma anche figure, molto nostri: molto «veri». Dario Franceschini in questa tradizione (degli Zavattini e dei Guerra, tanto per citarne due, ma anche dei Delfini e dei Loria) s'inserisce senza rubar niente: vi si colloca senza scricchiolii, dimostrando anche con l’ultimo romanzo, «Daccapo», una vena narrativa interessante.
Scriverne  partendo dal «contesto» anziché dal testo sarebbe fin troppo facile, anche le notizie di questi giorni darebbero una mano: gli effettivi impegni dei parlamentari, il fatto che le ore d’aula siano inferiori a quelle di riposo eccetera eccetera.
Questa strada però è meglio abbandonarla, proprio perché è di letteratura e non di politica che si sta parlando: e lo stesso Franceschini (politico di lungo corso, capogruppo del Pd alla Camera e numero uno del partito nell’«interregno» tra Veltroni e Bersani) raccomanda di tenere ben separate le due «carriere».
Guardiamo dunque al testo: solo al testo, che tra l’altro segue altre due fortunate opere narrative («Nelle vene quell'acqua d’argento», uscito anche in Francia da Gallimard, e «La follia improvvisa di Ignazio Rando»), e al suo valore letterario. Che c'è ed è lì, nei fatti. Fin da quell'incipit così ben scritto: «Da molti anni il suo corpo aveva voglia di ammalarsi e approfittava di ogni piccolo malessere per lasciarsi andare a una spossatezza senza rimedi. Per una lunga parte il notaio Ippolito Dalla Libera lo aveva combattuto, cercando di reagire, poi gli si era arreso. Per stanchezza o, forse, perché aveva finito per capirne le ragioni». Ippolito Dalla Libera, notaio del Mantovano, è il motore di questa storia bizzarra piena di agnizioni e colpi di scena. È lui, sentendosi vicino alla fine, che convoca il figlio Iacopo e gli assegna una missione: trovare tutti i cinquantadue figli che ha diligentemente annotato su un quadernetto nero. «Qui dentro troverai scritti cinquantadue nomi. Sono i nomi dei tuoi fratelli e delle tue sorelle».
Tutti figli di Ippolito, avuti da altrettante prostitute. Un’altra vita, quindi: Ippolito, l’irreprensibile notaio, stimatissimo da tutti, apre così al figlio la porta di un altro sé, perché «vedi figliolo mio, non tutto appare. Molte cose non si vedono, eppure ci sono. Io penso di essere stato un buon notaio, un buon marito e, spero lo pensi pure tu, anche un buon padre. Ma nella mia vita c'è stata un’altra parte, bella anche quella, credimi».
E il figlio, superato lo sconcerto iniziale, in quello spiraglio decide di buttarsi, in un viaggio-quête che lo porta a contatto con il mondo in cui il padre aveva trovato così tanto (una Ferrara popolana e sanguigna) e lo spinge a rimettere in discussione anche le proprie certezze più consolidate, alla fine (ri)trovandosi, in un vero e proprio processo di liberazione. A guidarlo c'è Mila, prostituta bellissima e vitale, amante e amica, cui l’autore ferrarese assegna quasi la funzione di un Virgilio dantesco. Si è molto scritto a proposito dell’eros contenuto nel volume, della scelta del mondo delle puttane come fuoco della storia.
Ma attenzione: ciò che colpisce in profondità di questo «Daccapo» non è tanto l’eros, del quale la stampa ha fatto un caso probabilmente avendo letto poco o per niente il libro, bensì la tessitura narrativa, la padronanza della parola e del linguaggio, le minuziose descrizioni di figure e ambienti, le scelte stilistiche.
E accanto a questo la rappresentazione di un mondo bizzarro e straordinario, autentico e verace ma strampalato: in linea con la vena visionaria, surreale, di una corrente padana che di sé ha dato grandi esempi nel Novecento. A colpire, in questo romanzo di formazione sui generis, sono soprattutto il passo, il respiro della scrittura: caratteri forti, questi, che ne fanno un’opera da guardare con attenzione.
Daccapo - Bompiani, pag. 224, 16,90
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

SERIE A

Parma, che tour de force

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

5commenti

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

2commenti

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

2commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

USA

Coppia insospettabile "drogava e stuprava donne": forse centinaia di casi

scosse

Terremoto di magnitudo 2.5 e replica a Pozzuoli

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design