12°

24°

Arte-Cultura

Skrjabin, musica in cerca d'assoluto

Skrjabin, musica in cerca d'assoluto
Ricevi gratis le news
0

Sergio Caroli

Un cofanetto di seta blu contenente due volumi, uno più spesso «Skrjabin tra cielo e inferno», e uno più sottile «Pietro Scarpini interprete di Skrjabin» è il presente che Roman Vlad offre agli studiosi e agli appassionati di musica (Passigli editore, pagine 400, euro 30). Il gran vegliardo della musica e della musicologia italiana, oggi novantunenne, affronta con l’ardore di un giovane e l’acuminata intelligenza di sempre una nuova battaglia per la promozione della cultura musicale, restituendo il dovuto al grande compositore russo Aleksandr Skrjabin (1872-1915), troppo a lungo trascurato o affidato a stereotipi. L’importanza e il ruolo rivoluzionario del musicista slavo sono ampiamente discussi dalla critica, ma quest’ultima fatica di Vlad dice la parola definitiva su di lui. L’autore ne segue la carriera di compositore nella sua evoluzione stilistica, dall’opera giovanile nel segno di Chopin, rimasta incompiuta, alle «riflessioni metafisiche», dal «Poema dell’estasi» alle rivelazioni esoteriche del poema sinfonico «Prometeo» o il «Poema del fuoco» (editi rispettivamente nel 1908 e nel 1911), dall’esperienza della «sinestesia» - ossia il tentativo di riunire tutte le esperienze artistiche in un’unica espressione nel grandioso, utopico «Mistero» - al ruolo determinante di Skrjabin nella rivoluzione della musica moderna.
Maestro Vlad, quale è la posizione storica di Skrjabin?
Partendo dall’armonia di Chopin e di Wagner - risponde -, Skrjabin sviluppa l’armonia fino al limite al quale poi la condurranno anche Schönberg e Stravinsky alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. A quel momento la sua posizione storica è in prima linea accanto a quella di Schönberg e tale viene riconosciuta in Inghilterra, dov'egli suona, e altrove.
Quali elementi legano Skrjabin a Stravinsky, ossia, quale è stata l’influenza del primo sul secondo?
Non credo che sia stata un’influenza decisiva. Certamente essa è presente nel primo Stravinskj e riguarda sia la tecnica, la struttura armonica, sia soprattutto lo sfondo spirituale che influenza gli autori legati alla teosofia - secondo la quale tutte le religioni deriverebbero da un’unica verità divina - che in Stravinskj si manifesta nel 'Re delle stellè, composto nel 1912, ma ineseguito per quasi trent'anni. In seguito l’influenza di Skrjabin su Stravinskj viene totalmente superata, tanto è vero che quest’ultimo in uno dei suoi scritti autobiografici afferma addirittura di non averlo incontrato. Invece, non solo lo ha incontrato, ma era entusiasta di alcuni suoi lavori, soprattutto di alcune sonate per pianoforte. In tarda età, nell’ora delle verità, Stravinskj ha riconosciuto l’influenza di Skrjabin sulla propria musica.
Skrjabin respingeva come «brutale» «La sagra di primavera»...
La violenza tellurica, la durezza delle acuminate dissonanze, l’esplosivo dinamismo del capolavoro di Stravinsky non potevano non riuscire sgraditi a Skrjabin, le cui musiche posseggono una sensuale, vellutata morbidezza. Egli chiede all’interprete di suonare «con profonda dolcezza», con «celeste voluttà», «in modo carezzevole».
Lei afferma che occorre interpretare la musica di Skrjabin non a partire dalla componente visionaria ed esoterica della sua poetica, ma dalla sua musica.
Questo vale, per me, per ogni musica. Prendiamo, ad esempio, Wagner. Non bisogna pensare ai suoi scritti contro l’ebraismo e la musica, tra l’altro molto discutibili, ma occorre pensare soltanto alla sua realtà musicale. Per poterla comprendere e collocare in un certo contesto storico è importante studiare anche il «background», ciò che la contorna, ciò che la fa nascere, ma bisogna valutare la musica in sé, come arte autonoma.
Quali sono i valori estetici fondamentali di «Prometeo» o «Poema del fuoco»?
Risiedono nel fatto che queste musiche - il «Poema del fuoco» e più ancora le ultime composizioni che dovevano far parte del «Mistero» che Skrjabin non ha potuto portare a compimento - rappresentano uno dei massimi sforzi che un compositore abbia compiuto per conquistare le vette dello Spirito. Egli cercava - questo lo diceva lui stesso - l’unione dell’uomo con l’Essere, con Dio, ossia, l’unificazione dell’umanità nella prospettiva di questo raggiungimento. Egli si prospettava come un salvatore dell’umanità; sognava di creare una sua Bayreuth, un suo tempio in India, dove avrebbe ufficiato la cerimonia del supremo raggiungimento dell’unione con l’Essere attraverso la musica. In quanto all’estetica, il discorso formale è imprescindibile. Esso può essere fatto superando - e si può farlo soltanto mediante le corde musicali - il linguaggio tradizionale, inventandosi un linguaggio che usi i dodici suoni e giungendo allo stesso traguardo al quale giunge poi Schönberg.
Veniamo a Scarpini. Lei lo pone, come pianista, allo stesso livello di Arturo Benedetti Michelangeli per importanza storica. Quali le analogie e quali le differenze tra i due geni della tastiera?
Rispetto a Benedetti Michelangeli, Scarpini rappresenta una figura complementare del concertismo italiano. Le analogie consistono nell’assoluto dominio dello strumento che entrambi possedevano in pari misura e nell’assoluta, insuperabile tecnica. Michelangeli eseguiva i pezzi più celebri della tradizione dandone la più perfetta esecuzione che potesse concepire. Scarpini dedicò tutta la sua vita anche a suonare i pezzi più noti, ma soprattutto a rivelare, a scoprire ed eseguire i pezzi meno noti che meritavano di essere conosciuti. Di qui la sua grandissima importanza culturale, che consiste nell’aver servito la musica senza pensare al successo.
Skrjabin tra cielo e inferno
Pietro Scarpini interprete di Skrjabin - Passigli, pag. 400 (cofanetto), 30,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

anteprima gazzetta

Bimba di dieci anni, da Bari salvata al Maggiore dopo mesi da incubo Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

22commenti

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

Brescia

Bimbo di 4 anni muore investito dalla mamma

Parco d'Abruzzo

Un orso muore durante la cattura e si riapre la polemica

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

Musica

Nessun colpevole per la morte di Prince

MOBILITA'

Auto senza pilota: parte anche in Italia la sperimentazione

MOTORI

MOTORI

Audi e le altre: la Design week a quattro ruote

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti