12°

19°

Arte-Cultura

Un poeta, la nostra storia

Un poeta, la nostra storia
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti

Un altro avvincente narratore di Romagna, dopo Beltramelli, Serantini, Arfelli, Moretti, Zavoli, don Fuschini e Tonino Guerra. Con alla testa Alfredo Panzini, e un po' anche il malinconico e modernissimo Serra. Adesso, la bella schiera comprende dunque un altro nome, quello di Elio Pagliarani che da Marsilio pubblica «Pro-memoria a Liarosa» una sorta di autobiografia densissima e piacevolmente narrata, un libro di vita, storie, avventure, poesia, incontri, luoghi e sentimenti così affettuosamente privato e pubblico allo stesso tempo, così amaro e dilettoso che il poeta Pagliarani vi si scioglie al limite del romanzo e del famoso «misto» di storia e d'invenzione manzoniano. Con una bella traccia di umiltà che ossimoricamente potremmo definire orgogliosa. E Pagliarani può farlo da poeta, anzi deve farlo. «Pro-memoria a Liarosa» è un'autobiografia stesa tra il 1979 e il 2009, arricchita da una prefazione (anch'essa in buona parte autobiografica) di Walter Pedullà e da una postfazione di Sara Ventroni che entra nell'officina del poeta dalla porta dei «lavori in corso», sempre in corso e magnificamente adombrati, per virtù di ricordo, nell'ultimo capitoletto in versi «Commiato un po' brusco» che comincia «E sono grato del mondo e dell'amore / perché ne ho avuto tanto...». Elio Pagliarani è di Viserba, classe 1927, poeta, giornalista, insegnante, redattore dell'«Avanti», collaboratore de «il verri», «Quindici», «Nuovi argomenti», «Periodo ipotetico» da lui fondato, ma anche attivissimo intellettuale (forse la definizione non sarà di suo gradimento) che partecipa, anche come critico teatrale di «Paese Sera» agli avvenimenti più diversi dalla nostra vita culturale con quello spirito che Pedullà così definisce: «Elio è un individuo nel cui stile convive tutto, dalla massima delicatezza al più scatenato furore. L'ho visto all'opera. Non è vero per lui che o si vive o si scrive. Pagliarani scrive come vive». E questo libro davvero ne dà ottima e piena testimonianza superando sia le esitazioni e le ombre della memoria, sia le incoerenze dei comportamenti, le indecisioni e le inevitabili contraddizioni: «il fascismo, la povertà, lo sfruttamento, guerre coloniali, guerra civile spagnola, la Seconda Guerra Mondiale, la Resistenza. Un'autobiografia "collettiva" che egli ha trovato il suo bel modo di rendere singolare in virtù di uno stile piano, nitido e scorrevole», scriva ancora Pedullà.  Il poeta - il poeta Pagliarani de «La ragazza Carla» (1960), di «Lezione di fisica» ('64), de «La ballata di Rudi» ('95), per non citare che i titoli più famosi - è di un'evidenza persino sfacciata, solo a tratti condita con una saggia emotività ironica che Pedullà segnala scrivendo: «Il verso e la prosa si alleano in modo che il significato urtante arrivi come un cazzotto condotto da una scrittura atonale dalla quale spuntano tante verità spinose». Ma anche in questo modo il fascino della prosa e il sapore degli incontri, dei profili e delle voci rimane custodito nel senso intimo della memoria, in quel suo esser vita che si dipana nel silenzio demistificato dell'ultimo abbandono. Un testamento, allora? Sì, un testamento che prima di tutto è una dedica a se stesso, un leggersi che ricorda certi versi di «Fecaloro» ('68): «E se dico, se non ho mai detto altro d'amore che amore / alla mia estroversa solitudine? / Ecco, e le nostre cose / già vanno indietro / Indifferenza è il prezzo del concreto?». Anche in «Pro-memoria a Liarosa» le cose vanno indietro e il corpo del racconto lentamente si sublima, si illumina di fatti, detti e personaggi che s'imbattono in Pagliarini, quello un po' timido della gioventù, quello più aggressivo degli anni Sessanta e quello pacificato di oggi quando - scrive Pedullà - «si toglie parecchi sassolini dalla scarpa, ma è felice dell'occasione che gli si offre di ammettere i torti. La confessione come remissione del peccato? Forse no, ma ora ha l'anima in pace». Ha scritto il suo romanzo con al centro se stesso e le mille immagini che da Viserba risalgono a Milano e a Roma secondo il volgere dei tempi (e che tempi!) tra magri risotti al burro, filetto e insalata a Milano, e gli umidi golosi e gli arrosti di Roma, quando al «posto dell'insonnia milanese subentrava la sonnolenza romana e al posto dell'angoscia milanese la coscia romana». Che storia, e che storia collettiva, anche, con decine e decine di nomi importanti che il lettore scova a ogni voltar di pagina: nomi e date, ora nella miseria di un presente pieno di difficoltà, ora nella trepida speranza di un cambiamento, di un miglioramento, di una sicurezza più solida. Un libro meraviglioso, pensato e scritto in bianco e nero con la pazienza che hanno gli scrittori veri, dal passo preciso, dall'intuizione acuta e dalla memoria lunga secondo il più classico degli «Epigrammi ferraresi» che recita: «Bisogna combattere contro duplice sapienza. / Ma voglio che tu sappia che questo lume non mi fa giusto. / Preterea è ancora / L'abisso della scriptura».

Pro-memoria a Liarosa
Marsilio, pag. 318 18,50
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

gossip

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

Velluto Rosso

SPETTACOLI

"Velluto Rosso", tutto il teatro della settimana Video

Sabato latino al New York: ecco chi c'era - Foto

GAZZAREPORTER

Sabato latino al New York: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La saga di Pillars of eternity per gli orfani di Baldur's gate

Videogame

La saga di Pillars of eternity per gli orfani di Baldur's gate

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Inquinamento, ennesima giornata nera per Parma

12 tg parma

Smog, un'altra giornata nera. E c'è rischio concreto di blocco del traffico Video

IL CASO

Corale Verdi, Iren stacca la luce

1commento

12Tg Parma

Disagi in via Europa, gli esercenti: "Incassi dimezzati" Video

1commento

il fatto del giorno

Droga, in un anno oltre 180 parmigiani in più in cura al Sert Video

1commento

il caso

"Dati falsificati o inventati": Harvard chiede il ritiro di 31 studi del parmigiano Anversa

università

Il governo cancella "non subito" il numero chiuso a Medicina. L'Ordine: "Ci ripensi". I rettori: "Un equivoco" I numeri

12Tg Parma

Sedici pattuglie per una notte di controlli straordinari: si ripeterà ogni settimana Video

1commento

Furto

Blitz dei ladri ai Corrieri: portata via la cassaforte

7commenti

serie A

Parma-Lazio, Inglese c'è. Gervinho più no che sì

Lutto a Ozzano

Muore il giorno dopo il compleanno

CASO CONQUIBUS

Aversa è ai domiciliari, ma alcuni colleghi vorrebbero una sua consulenza

1commento

12Tg Parma

Riciclaggio di denaro, a Parma boom di segnalazioni Video

la prova del cuoco

Parizzi su RaiUno per proporre un risotto dai sapori...verdiani

1commento

Coldiretti

Morto Ettore Picchi, il «paladino» degli agricoltori

ausl

Salute mentale e dipendenze patologiche: numeri in aumento

INTERVISTA

"Sui social parliamo di libri". E l'insegnante di Borgotaro diventa... un cruciverba Video

Intervista a Massimo Beccarelli, insegnante sempre più impegnato con gli hashtag culturali.

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non si può pensare solo agli impegni elettorali

di Domenico Cacopardo

WORLD CAT

Ecco la Top10 dei gatti più votati. Mandate le vostre foto

ITALIA/MONDO

USA

Un miliardo di ostriche per ripulire il porto di New York Video

CULTURA

Morto il finlandese Paasilinna, autore de L'anno della lepre

SPORT

sport

Conosciamo Alessandro Magnani, un parmigiano ai Mondiali juniores di judo Video

volley

Mondiali donne; primo ko (irrilevante) dell'Italia, la Serbia vince 3-1

SOCIETA'

premio

Lirica e Hip Hop, il rap "canta" Verdi: successo e ritmo al Regio Gallery

PNEUMATICI

Cambio gomme (invernali) dal 15 novembre ma può essere effettuato anche prima

MOTORI

NOVITA'

Nuova Kia Ceed: 5 porte e wagon lanciano la sfida

moto

Suzuki Katana, il ritorno