13°

23°

Arte-Cultura

Il fresco "fai da te" dei nostri antenati

Il fresco "fai da te" dei nostri antenati
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio
 Ma ci pensate,  solo per un momento,  i nostri nonni  armeggiare con un impianto di aria condizionata ? Sarebbero impazziti. L'essere costretti a chiudere le finestre in piena estate con quell'aria gelida che sibila da «boffoni» sistemati  nelle parti più impensate delle stanze e tali da scatenare certi dolori artritici da urlo..... no, decisamente, non era certo roba per loro. E non è che le estati, un tempo, fossero meno calde. Anzi !  Le estati moderne, in fatto di caldo non scherzano, ma sono altalenanti, capricciose, matte. Un po' come la gente.   
Ed allora, come facevano i nostri nonni a difendere le loro case dall’offensiva  del caldo ? A questo punto entrava di scena la «rezdora»,  non solo vestale del camino e dei fornelli, ma angelo della casa a tempo pieno, la quale,  coniugando antichi muliebri saperi tramandati  dalle sue vecchie, sapeva miscelare l’aria con un gioco di correnti facendo rimanere sempre le stanze fresche. Innanzitutto, parliamo di case vere con muri robusti e non di alveari come le moderne abitazioni che, saranno anche antisismiche e razionali, ma sono dotate di muri che, senza essere invadenti o curiosi, ci consentono di conoscere tutte le mosse discrete e indiscrete  del vicino. Figuriamoci se non fanno passare il caldo!
 Appena alzata, la «rezdora»  (la sveglia era  solitamente alle cinque),  apriva tutte le finestre per fare entrare la brezza sottile del mattino e poi, quando il sole cominciava a spuntare, aveva cura di socchiudere o addirittura chiudere quegli scuri martoriati dai raggi solari,  magari tirando anche le tende in modo che  diventasse una camera oscura e tenesse ben immagazzinato il fresco incamerato nel primo mattino. Le altre finestre all’ombra venivano spalancate  fino ad una certa ora e,  alla fine della mattina,  venivano socchiuse in modo tale che il cado non entrasse,  ma regnasse sempre  quella penombra in grado, anche nel pomeriggio, di portare un po' di refrigerio.
 Ad esempio, le vecchie canoniche vegliate dalle premurose «perpetue»,  nei mesi estivi,  non erano mai calde.  E, siccome il prevosto, solitamente  non magro, soffriva tanto l'afa,  la stanza da pranzo e la camera da letto erano sapientemente  refrigerate dalla «perpetua» attraverso questi equilibrismi  di luce e di aria per mantenere sempre una temperatura  accettabile. Alla sera,  quando il sole stava calando e cominciava  ad alzarsi quella rinfrescante brezza vespertina, specie in campagna, la «rezdora» apriva tutte le finestre per arieggiare e per fare entrare un po' di ristoro  anche se le insidie non mancavano  causa  lo sgradito ingresso, nelle varie stanze, di zanzare o, peggio ancora, di pipistrelli.
Anche il pollaio, patrimonio delle «rezdore», nei mesi caldi doveva  essere arieggiato,  altrimenti quelle povere bestie, specie di notte, avrebbero patito le pene dell’inferno. A parte il fatto che ogni pollaio che si rispettava era riparato da una pianta di  fico, da un gelso e da un noce che con loro foglie lo proteggevano  dai raggi solari, la «rezdora»,  proprio quando il cado faceva sul serio, apriva quelle finestrelle sgangherate di legno facendo ben attenzione che la rete protettiva tenesse, in quanto  quel minuscolo  pertugio poteva rappresentare  un comodo ingresso per la faina e anche per qualche piccola volpe.
Anche i cibi, un tempo, dovevano fare i conti col caldo e, se in città i primi frigidaire avevano sostituito,  negli anni Sessanta, le colonne di ghiaccio, in campagna,  tutto ciò che era deperibile finiva  nella «giasära»,  una sorta di bunker scavato sotto terra, completamente avvolto da gaggie o altre piante,  che in inverno veniva stipato di neve la quale,  in quell'antro buio, durava tutto l’anno. In campagna l’acqua del «sambot» era sempre fresca perché arrivava dal pozzo e, quindi,  non c'era bisogno di alcun stratagemma per rinfrescarla. In città, invece, quella dell’acquedotto, fresca non era,  ed allora la si faceva filare in modo tale che si mantenesse accettabile . E, dentro quella bacinella posta sotto il rubinetto, galleggiavano  una mezza anguria,  un pacchettino con il burro e l'immancabile bottiglia di  bianco o rosso.                                     


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno