14°

26°

Arte-Cultura

Il fresco "fai da te" dei nostri antenati

Il fresco "fai da te" dei nostri antenati
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio
 Ma ci pensate,  solo per un momento,  i nostri nonni  armeggiare con un impianto di aria condizionata ? Sarebbero impazziti. L'essere costretti a chiudere le finestre in piena estate con quell'aria gelida che sibila da «boffoni» sistemati  nelle parti più impensate delle stanze e tali da scatenare certi dolori artritici da urlo..... no, decisamente, non era certo roba per loro. E non è che le estati, un tempo, fossero meno calde. Anzi !  Le estati moderne, in fatto di caldo non scherzano, ma sono altalenanti, capricciose, matte. Un po' come la gente.   
Ed allora, come facevano i nostri nonni a difendere le loro case dall’offensiva  del caldo ? A questo punto entrava di scena la «rezdora»,  non solo vestale del camino e dei fornelli, ma angelo della casa a tempo pieno, la quale,  coniugando antichi muliebri saperi tramandati  dalle sue vecchie, sapeva miscelare l’aria con un gioco di correnti facendo rimanere sempre le stanze fresche. Innanzitutto, parliamo di case vere con muri robusti e non di alveari come le moderne abitazioni che, saranno anche antisismiche e razionali, ma sono dotate di muri che, senza essere invadenti o curiosi, ci consentono di conoscere tutte le mosse discrete e indiscrete  del vicino. Figuriamoci se non fanno passare il caldo!
 Appena alzata, la «rezdora»  (la sveglia era  solitamente alle cinque),  apriva tutte le finestre per fare entrare la brezza sottile del mattino e poi, quando il sole cominciava a spuntare, aveva cura di socchiudere o addirittura chiudere quegli scuri martoriati dai raggi solari,  magari tirando anche le tende in modo che  diventasse una camera oscura e tenesse ben immagazzinato il fresco incamerato nel primo mattino. Le altre finestre all’ombra venivano spalancate  fino ad una certa ora e,  alla fine della mattina,  venivano socchiuse in modo tale che il cado non entrasse,  ma regnasse sempre  quella penombra in grado, anche nel pomeriggio, di portare un po' di refrigerio.
 Ad esempio, le vecchie canoniche vegliate dalle premurose «perpetue»,  nei mesi estivi,  non erano mai calde.  E, siccome il prevosto, solitamente  non magro, soffriva tanto l'afa,  la stanza da pranzo e la camera da letto erano sapientemente  refrigerate dalla «perpetua» attraverso questi equilibrismi  di luce e di aria per mantenere sempre una temperatura  accettabile. Alla sera,  quando il sole stava calando e cominciava  ad alzarsi quella rinfrescante brezza vespertina, specie in campagna, la «rezdora» apriva tutte le finestre per arieggiare e per fare entrare un po' di ristoro  anche se le insidie non mancavano  causa  lo sgradito ingresso, nelle varie stanze, di zanzare o, peggio ancora, di pipistrelli.
Anche il pollaio, patrimonio delle «rezdore», nei mesi caldi doveva  essere arieggiato,  altrimenti quelle povere bestie, specie di notte, avrebbero patito le pene dell’inferno. A parte il fatto che ogni pollaio che si rispettava era riparato da una pianta di  fico, da un gelso e da un noce che con loro foglie lo proteggevano  dai raggi solari, la «rezdora»,  proprio quando il cado faceva sul serio, apriva quelle finestrelle sgangherate di legno facendo ben attenzione che la rete protettiva tenesse, in quanto  quel minuscolo  pertugio poteva rappresentare  un comodo ingresso per la faina e anche per qualche piccola volpe.
Anche i cibi, un tempo, dovevano fare i conti col caldo e, se in città i primi frigidaire avevano sostituito,  negli anni Sessanta, le colonne di ghiaccio, in campagna,  tutto ciò che era deperibile finiva  nella «giasära»,  una sorta di bunker scavato sotto terra, completamente avvolto da gaggie o altre piante,  che in inverno veniva stipato di neve la quale,  in quell'antro buio, durava tutto l’anno. In campagna l’acqua del «sambot» era sempre fresca perché arrivava dal pozzo e, quindi,  non c'era bisogno di alcun stratagemma per rinfrescarla. In città, invece, quella dell’acquedotto, fresca non era,  ed allora la si faceva filare in modo tale che si mantenesse accettabile . E, dentro quella bacinella posta sotto il rubinetto, galleggiavano  una mezza anguria,  un pacchettino con il burro e l'immancabile bottiglia di  bianco o rosso.                                     


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento