20°

Arte-Cultura

Controcorrente con Medea e Amleto

Controcorrente con Medea e Amleto
Ricevi gratis le news
0

di Sergio Caroli

 

La critica tematica che improntò gli studi letterari in età positivistica è tornata a lievitare in forme nuove nell’ambito della ricerca, sia di breve che di lungo periodo. 
Si inscrive in quest’ultimo orizzonte il saggio «L'idiota. Una storia letteraria» dello scrittore Paolo Febbraro (Le Lettere, pagine 330, euro 18). Va subito sgombrato il campo da equivoci: «idìos» in greco significa distinto, separato, singolare, in contrapposizione a pubblico, e in questa accezione lo intende l’autore. 
L’idiota non è lo scemo del villaggio, ma la figura letteraria che resiste alle prescrizioni che incatenano le coscienze, e che, assumendo storicamente le incarnazioni più varie, tende a «portare le strutture convenzionali del mondo al loro punto di fusione o di verifica». 
Dalla commedia e dalla tragedia greche al «fool»  shakespeariano, dal fantastico hidalgo del Cervantes al selvaggio romantico, dal candido settecentesco al santo idiota russo fino all’agrimensore K. di Kafka, l’autore mette in luce la funzione creativa, dagli effetti micidiali, che possiede in ogni tempo la figura letteraria del sognatore, del buffone, del matto, dello sradicato, che, in quanto uomo di natura, svela la tracotanza e la corruzione dell’apparato, talora subendo la condanna quando non il supplizio.
Professor Febbraro, Euripide e Aristofane offrono esempi - lei lo dimostra - di «idioti» che rovesciano la «saggezza» in follia. Può parlarcene?
Nel libro parlo di Ippolito e Fedra, poi della terribile, cocciuta Medea e soprattutto delle «Baccanti», l’ultima e incomparabile tragedia di Euripide, che segna, secondo me, un punto archetipico dell’immaginazione occidentale, e forse umana. Ne è protagonista Dioniso in persona, che giunge in una città e travolge i suoi abitanti con la sua danzante e fluida natura. Chi gli si oppone, mostrando rigidezza e timore, cercando di arrestarlo come fosse un criminale, verrà infine distrutto. Non dissimile, in fondo, è il «buffo» di Aristofane: dislocato in vari protagonisti e in varie vicende, egli è un rozzo e intrattabile nemico di ogni convenzione, si affida in tutto e per tutto alle proprie pulsioni sconfinate, ma infine negli anni in cui Atene viene sconfitta e tramonta politicamente si ripiega in sé stesso e perde il suo radicale strapotere.
In quali forme il «fool» shakespeariano toglie la maschera alla realtà?
Il «fool» più celebre è quello del «Re Lear», ma non è il solo. Ci sono diverse figure di malinconici, di ribelli, di misantropi o di sconfitti (a partire da Amleto o Antonio) che giocano un ruolo simile: hanno compreso l’inanità del potere politico e la fluida incomprensibilità del mondo, e ciò appare loro via via ridicolo o terribile, deprimente o folle. Heine ha scritto: «I freddi e saggi filosofi! Con quanta compassione guardano dall’alto in basso, sorridendo, i tormenti e le pazzie di don Chisciotte, ma con tutta la loro sapienza di scuola non vedono che quel donchisciottismo è purtuttavia quanto ha più valore nella vita, anzi la vita stessa...».
Insomma, Don Chisciotte antagonista del filisteo che non muore mai. E’ d’accordo? 
Sì. Don Chisciotte nasce come un personaggio satirico, in cui Cervantes assomma tutti i tratti negativi di una nobiltà di campagna parassitaria ed evasiva, poi però diventa qualcos'altro: una contestazione fantastica, ma puntigliosa e addirittura rigoristica, della banalità dell’esistente. La pazzia di Don Chisciotte è volontaria, è insieme gigantesca e malinconica. Essendo letteraria, poi, è assolutamente contagiosa: persino il terragno Sancio Panza ne verrà irretito. Con don Chisciotte Cervantes mette in scena l’ultimo idiota che, invece di sottomettersi alle caotiche strettoie della realtà, cerca di inventarne un’altra, regolatissima, piena di solennità e di sacrifici, prima di diventare, nella seconda parte del romanzo, il comico zimbello di personaggi cinici e astuti.
Con l’angelico principe Myškin, Dostoevskij crea l’archetipo dell’«uomo totalmente bello», oggetto di un odio insensato e di un amore impossibile, specchio della malvagità umana. Dove si manifesta la sua discendenza da Cervantes?

Myškin è un personaggio estremo, purissimo, come don Chisciotte. Il suo candore goffo ma luminoso ne fa un personaggio senza sviluppo possibile, destinato a richiudersi nella catatonia da cui all’inizio del romanzo è da poco uscito: il viaggio nel mondo è troppo, per lui. Intanto, però, Dostoevskij lo ha «sfruttato» per penetrare a fondo in tutti i personaggi che la sua potente immaginazione gli fa concepire; un po' come era accaduto a Cervantes col suo hidalgo, cavaliere errante ed erroneo, davanti al quale però il mondo si squaderna con la massima chiarezza.
All’origine del suo lavoro c'è «Il Codice di Perelà» di Palazzeschi. Chi è Perelà, omino di fumo generato nell’Utero nero del camino da un fuocherello acceso sotto di lui?
In effetti, ebbi la primissima idea del libro molti anni fa, dopo aver accostato nella mente due romanzi non esattamente comparabili per grandezza letteraria, «L'idiota» di Dostoevskij e «Il Codice di Perelà» di Palazzeschi. Il secondo mi apparve come una scheletrita, divertente parabola evangelica e dostoevskijana. Perelà è un idiota astratto e fumoso, partorito in un camino da tre vecchissime «madri» intente a leggere un antico libro. Anch’egli decide di andare nel mondo, e come Dioniso e Cristo viene dapprima portato in trionfo e poi processato e condannato, in un equivoco fatale sulla sua estranea natura. Il romanzo di Palazzeschi mi è sembrato la «summa» farsesca di un’antichissima storia letteraria, che andava raccontata.

L'idiota - Le Lettere, pag. 330, 18,00

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Code anche in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

UNIVERSITA'

L'Ateneo di Parma visto dagli studenti

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

1commento

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno