14°

26°

Arte-Cultura

Toulouse-Lautrec, incantesimi di colore

Toulouse-Lautrec, incantesimi di colore
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni
Henri de Toulouse-Lautrec, uno degli artisti più singolari e noti degli ultimi due decenni dell’Ottocento, è forse più conosciuto per la pruriginosa leggenda che lo accompagna e lo lega esclusivamente al mondo dei café chantants, degli afrori postribolari, che per il valore della sua attività di straordinario disegnatore, di pittore capace di superare il realismo impressionistico per portarsi verso una semplificazione lineare e cromatica che ha aperto la strada all’Art Nouveau, allo spazio bidimensionale.
La leggenda è quella del nobile provenzale danaroso trasferitosi giovanissimo a Parigi, frequentatore di cabarets, ballerine e demi-mondaines, pittore dalla vita sregolata in quanto ingabbiato nell’infelicità di un fisico deforme per nanismo, per una malattia che a otto anni gli aveva alterato i lineamenti del viso e ispessito la lingua, per la difficoltà di deambulazione causata dalle frattura a entrambe le gambe; e poi la morte, avvenuta a 37 anni (nel 1901 per ictus) come Raffaello, Parmigianino, Van Gogh.
Ebbene alle sue deficienze fisiche Henri ha reagito con grande vitalità e forza di carattere; dotato di una naturale predisposizione per il disegno, a 17 anni ha imboccato quella via della pittura che l’ha portato ad essere uno dei protagonisti dell’arte francese, brillante e sarcastico interprete della «belle époque», osservatore acuto e ironico della vivace società parigina. Gli piaceva mangiare da persona che se ne intende, gli piaceva molto bere, gli piaceva ridere, ridere fragorosamente: ha scritto Thadée Natason, uomo d’affari polacco, critico d’arte, che l’ha frequentato.
Un Toulouse-Lautrec diverso da quello tramandatoci da un cliché stantio, un lavoratore instancabile attento alle novità dell’arte giapponese, portato alla sperimentazione, al ripudio del paesaggio, che Monet e Renoir avevano «inebriato di luce» disgregandone i contorni, e alla ricerca della figura sulla scia di Manet e Degas. «Solo la figura esiste - scriveva nel 1895 in una lettera alla madre - il paesaggio non è e non deve essere che un accessorio».
 Ed è in questa visione critica intessuta di confronti e di sorprendenti annotazioni (come quelle sulle novità del tempo: la fotografia, la bicicletta) che si dipana la mostra in corso alla Magnani Rocca (fino all’11 dicembre) intitolata «Toulouse-Lautrec e la Parigi della Belle Epoque» curata da Stefano Roffi come il catalogo edito da Mazzotta con saggi anche di Arturo Carlo Quintavalle, Ada Masoero e Carlo Carrera: una sorprendente parata di affiches e disegni  eccezionale per qualità e quantità.
I paesaggi lievi di Renoir e Monet e quelli più solidamente costruiti di Cézanne, che aprono la rassegna, costituivano le massime espressioni della pittura impressionista quando Lautrec ha iniziato a dipingere, ma lui preferiva ritrarre le persone per scavarle dentro, per sottolinearne realisticamente i lineamenti marcati, le espressioni che ne mettono a nudo i sentimenti riposti come appare nella giovane Carmen, lavandaia dai capelli rossi, e nell’amico bibliotecario Georges Henri Manuel con paletot e cilindro.
Questa sua abilità nel cogliere in profondità persone e ambienti ha colpito anche il giovane Picasso che l’ha manifestata nel piccolo ma efficace «Les plastrons» (gli sparati da teatro - 1900).
Gli incontri con l’arte giapponese (rappresentata qui dai suoi maggiori esponenti Utamaro, Hokusai, Hiroshige) e con Van Gogh (1886) lo folgoravano indirizzandolo a quel linearismo dai contorni nitidi e a quella semplificazione formale fatta di larghe campiture dai colori puri che costituiranno la sua inconfondibile cifra stilistica che trova la sua più compiuta espressione nella grafica che conserva pure una forte componente realistica osservata con occhio disincantato.
Il «Moulin Rouge» era il tempio delle serate piccanti con ballerine sgambettanti per alzare le lunghe gonne così da eccitare anziani e danarosi clienti in abito da sera, ritratti nella «Reine de Joie» con aspetto vizioso, ripugnante mentre godono delle finte seduzioni dell’escort Helène Roland: una pungente descrizione della vita notturna parigina che ha per protagonisti Jane Avril, la ballerina dalla bellezza malinconica, Cadieux, incipriato «chanteur comique», e lo chansonnier Aristide Bruant dal volto marcato, sottolineato da una vistosa sciarpa rossa su un mantello nero, inquadrato con taglio fotografico.
E’ il momento in cui si impone la fotografia e un manifesto pubblicizza «Sescau Photographe» (1896). Si «fermano» realisticamente particolari di azioni in movimento: i ciclisti con bici sportive, le ballerine lanciate in un frenetico can can ma anche, con toccante sensibilità, la faticosa quotidianità di contadini che all’alba si avviano verso il mercato con un carro carico, trascinato faticosamente da un cavallo che il lampione a gas imbianca di gelida luce che squarcia il mesto grigiore.
Nei ritratti disegnati con tratti veloci e incisivi scorrono inquietudini, ambizioni, passioni, nei manifesti scorre la vita: una caratteristica che lo distingue dagli altri autori quali Jules Chéret con le sue idealizzate, sorridenti, leggiadre fanciulle, Lucien Baylac, René Péan e George Meunier col loro linguaggio fabulistico e infine Alphonse Mucha  raffinato interprete dell’Art Nouveau con le sue sottili, eleganti, astratte figure femminili.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Ballottaggi

Urne aperte a Salso: alle 12 ha votato il 18,36%

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

3commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

1commento

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

1commento

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

Superenalotto

Esce il 6: vinti oltre 51 milioni di euro

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse