18°

30°

Arte-Cultura

L'uomo che rinnovò il mondo

L'uomo che rinnovò il mondo
Ricevi gratis le news
0

 Rita Guidi

Diverso, diviso, dirompente, divo. Steve Jobs incarna il più contemporaneo esempio di genio e follia, e anche così si appropria dell’eterno algoritmo del mito. Umanesimo e scienza come radici di una sola mela, e un mondo come una sfida per vincere il verme della mediocrità. 
Ne parliamo al presente, perché è difficile non farlo, sfiorando con un touch tutto ciò che ci circonda (numeri e libri, voci, musica, «nuvole», fogli di lavoro). Ma ne parliamo al presente anche per quell’incontro senza sconti, quella biografia così schiettamente disarmante e inesorabilmente affascinante, che, su invito dello stesso ideatore della Apple, ha realizzato Walter Isaacson: «Steve Jobs» (Mondadori, 608 pagg., 20 euro). 
Storia di un ragazzo sporco a piedi nudi, di un visionario scomodo, di un eterno «suchende» (che prova le strade datate e perdute dell’India e dell’LSD), di un egocentrico sleale, di un uomo diverso, diviso: il dito puntato su un universo senza grigi, guidato da un sistema binario blindato dove persone (o cose) si dividono in divinità o imbecilli. Storia controllata (per una volta) a equilibrata distanza («Il libro è suo. Non lo leggerò nemmeno»), voluta da un Jobs alle prese col destino e accettata da Isaacson – dopo un’iniziale riluttanza – non solo per quell’urgenza, ma per l’indagine aperta su un orizzonte già apprezzato che gli era di nuovo possibile: «La creatività che nasce quando la duplice passione per il mondo umanistico e il mondo scientifico si combina in una forte personalità – insiste infatti Isaacson in introduzione - era l’argomento che più mi aveva interessato nelle mie biografie di Franklin e Einstein, e credo sarà un fattore chiave per generare economie innovative nel XXI secolo». Oltre cento interviste a familiari, colleghi, amici, «rivali», persone che, nel bene e nel male, aveva (avuto) intorno, quaranta incontri e un «discorso» finale dello stesso Jobs, bello quanto quello proferito a Stanford nel 2004, il ritratto che Isaacson (ri)compone ha proprio in quell’idea di creatività l’irrinuciabile costante, la dannazione e la catarsi. Figlio adottivo e hippy, insofferente alle regole e ai lavaggi frequenti, Jobs attraversa scalzo i suoi primi vent’anni, seguendo il sentiero tracciato da una mezza manciata di sicurezze. Sa esattamente cosa non gli piace, così come ama quell’imprinting che ha respirato dalle mani del padre e dalla casa d’infanzia: la semplicità – per lui, come per Leonardo, al quale è attribuito questo aforisma - è la massima raffinatezza. Se ne convince abitando il Bauhaus della case Eichler, nel quartiere americano dove corre la sua infanzia. 
Lo capisce osservando l’abilità esatta del padre nel costruire mobili o restaurare auto, che lo invita a curare la perfezione anche dei lati nascosti di un oggetto, ciò che non si vede. Semplicità e perfezione che uniscono filosofia ed estetica Zen, che pure conosce, sceglie, ama.  Eppure? Nulla di equilibrato in lui. Spirito duale, pronto a scatti d’ira, gesti impulsivi, decisioni disarmanti, uscite geniali. «Senza la Apple? Sarei un poeta a Parigi», diceva di sé. Invece la Apple c’era e c’è per dare concretezza a quel mondo semplice e perfetto che «vedeva». Per dimostrare che quella «distorsione della realtà» con la quale piegava gli altri ai suoi desiderià «Era una distorsione che riguardava la nostra personale capacità di realizzare le cose – ricorda qui l’amico «di garage» Wozniak – Facevamo l’impossibile perché non ci rendevamo conto che era impossibile». 
Think different. E’ il suo pensiero divergente, il sentiero impervio, tracciato su quel paio di certezze, che Jobs indica agli altri. Infischiandosene delle regole, della logica, persino del denaroà «Quando alle redini di un’azienda finiscono i venditori, le persone che si occupano del prodotto cessano di avere peso». Anche in questo è diverso. Come nell’aver immaginato un computer che potesse essere tenuto in grembo, destinato a chi non è (necessariamente) interessato all’informatica. Un oggetto esteticamente raffinato, facile da utilizzare, pronto per l’uso. Più una poltrona di Walter Gropius, che una sedia IKEA (da costruirsi) tanto per capirci. E dunque croce e delizia di informatici e hacker, smanettoni più o meno abili e complicati. Un’offerta end to end per dare il proprio contributo al mondo. Tra scienza e arte, in un equilibro diverso. Per dire ecco, c’è anche questa possibilità. A patto di essere tanto affamati e tanto folli da realizzarla. 
Steve Jobs - Mondadori, pag. 608, 20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

3commenti

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

sicurezza stradale

Massese, allarme per quelle righe orizzontali ormai "fantasma"

politica

Pizzarotti sulla vicenda Casalino: "Le minacce sono il metodo 5 Stelle"

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

6commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

SPORT

Pallavolo

Mondiali, l'Italia è già matematicamente qualificata per la final-six

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"