17°

28°

Arte-Cultura

"Il tesoro dell'impero bizantino? Vicino al Petitot"

"Il tesoro dell'impero bizantino? Vicino al Petitot"
Ricevi gratis le news
0

di Luca Pelagatti
I l Codice da Vinci in confronto è una barzelletta di Pavlè. Che volete mettere i Templari col tesoro dell'imperatore bizantino? Ma soprattutto volete paragonare il Louvre col Tardini? O Parigi con barriera Farini? Ecco perchè Dan Brown si morde le dita. E si maledice per non avere preso casa con vista sul Petitot.
A insegnargli il mestiere un fantomatico Francis C. Pelagatti (nessun legame con l'autore di questo articolo) che negli ultimi giorni ha inondato la città di lettere. Indirizzate a perfetti sconosciuti  che, però, confidenzialmente chiama «cari amici». Questo Pelagatti nella sua missiva si presenta come un parmigiano «strajè» a New York che in uno dei suoi periodici ritorni «patriottici» ha  notato strani personaggi «forse di origine araba» che «esplorano gli spazi verdi della città con apparecchi rivelatori di metalli». «In alcuni casi sono andati oltre scavando buche profonde, poi ricoperte», prosegue l'autore della lettera. Che non si nega nulla, e in pieno tripudio da thriller, racconta di avere visitato personalmente queste voragini e di avere fatto una indagine. Grazie anche un evanescente amico. E così questi Holmes e Watson con sapore di  anolini hanno scoperto cosa stanno cercando a Parma gli arabi coi metal detector: l'immenso tesoro dell'Esarca, ovvero il cassiere dell'imperatore bizantino. Che nell'anno 567 in fuga dai Longobardi avrebbe scavato una buca nascondendo una fortuna.
A questo punto chiunque scuoterebbe la testa. E archivierebbe la lettera nella differenziata. Ma l'autore consapevole di questo gioca  un nuovo asso di briscola. Che rende il tutto non meno improbabile: ma ancora più suggestivo. Questa caccia al tesoro dei silenziosi arabi sarebbe nata infatti da quando è  stato pubblicato il libro di uno scrittore mediorientale, «I fiori del giardino di Allah», che svela appunto la vicenda del tesoro nascosto. Spiegando anche dove si troverebbe. O meglio: dove si trovava nell'anno del Signore 567 quando a Parma si scontravano eserciti. Mentre ora si sfidano calciatori. «Il punto dove sta il tesoro è nelle aree comprese tra via Zarotto e via Torelli. E ci vuol poco ad accorgersi che in quella zona c'è anche  lo stadio Tardini. Ed è proprio qui intorno che gli arabi andranno a scavare in massa nelle prossime notti», svela quindi lo strajè che aggiunge di essere anche andato a portare la preoccupante novella in Comune. Dove però, guarda caso,   non l'hanno preso sul serio. Le farneticazioni di un mitomane? Può darsi. Ma una cosa è certa. Il libro citato esiste per davvero: e da pagina 332 in poi, con una inquietante serie di citazioni e riferimenti, il ponderoso tomo parla proprio di Parma, del tesoro e di una buca. Scavata a 2200 passi da «porta Pidocchiosa». E questo è il nome che nel Medioevo si dava alla porta che corrisponde oggi a  barriera Farini. Non solo: l'autore del libro, che usa uno pseudonimo per proteggersi dalle vendette degli integralisti islamici, prosegue spiegando che negli anni '50 sulle tracce del tesoro gli arabi sono arrivati  fino alla villetta di un certo dottor  M.. Che nell'orto coltivava zucche sopra il tesoro. «La casa, una piccola villetta di color rossastro con un cancello verde, aveva sul retro un garage e un orto di due o trecento metri quadrati ed è stata in seguito acquistata da una nuova proprietaria,  una certa signora C., di mestiere insegnante: suo marito viaggiava per lavoro e in casa ospitavano il padre di lui e la madre di lei, vedovi».
Tutto chiaro insomma: il tesoro di Bisanzio è sepolto a due passi dal Tardini, ombre silenziose con baffoni e occhi di brace  si aggirano per Parma col buio fiutando sotto terra, il Comune sa ma non si attiva per trovare l'oro. E un parmigiano trapiantato nella «Grande Mela» insieme a uno scrittore mediorientale erano gli unici che sapevano tutto. Adesso   anche voi sapete. E converrete che in confronto il «Codice da Vinci» è una bazzecola. Il sedicente «Pelagatti da New York» conclude suggerendo al Comune e al Parma di iniziare a scavare («Il tesoro bizantino potrebbe equivalere a 6 o 7 Finanziarie»). Resta da vedere se accetteranno il suggerimento. Intanto sembra che, da quando le lettere hanno cominciato ad arrivare, in città i negozi che vendono pale abbiamo iniziato a fare affari d'oro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

OLIMPIADI 2026

Il Governo: "La candidatura a tre è morta qui"

SPORT

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

serie d

Audace Reggio - S.Marino al Tardini? Pare improbabile...

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design