14°

26°

Arte-Cultura

Dive ed eroi di celluloide

Dive ed eroi di celluloide
Ricevi gratis le news
0

 di Lisa Oppici

In copertina Greta Garbo guarda come solo lei sa fare. Schiena scoperta, viso girato sulla spalla, occhi nell’obiettivo. E con quel volto divino, con quel «viso di neve e solitudine» che è stato e resterà sempre solo suo, ci guarda. Guarda noi. Infondendoci una sensazione insieme di purezza e sensualità, e - naturalmente, immancabile - malinconia. Non è un caso che per la copertina dell’ultimo libro di Roberto Campari, «Un Olimpo di luce», pubblicato da Marsilio, sia stata scelta proprio la Garbo, la divina per eccellenza. Perché in un volume che riflette sulla «bellezza del corpo nel cinema» (così il sottotitolo) non si poteva non «partire» da un’immagine dell’attrice che forse più di altre, forse per prima, ha rappresentato l’esempio più palese dell’inestricabilità del legame tra bellezza, corpo e divismo: mattone essenziale, questo legame, per la costruzione di quell'«Olimpo di luce e colori» che è stato buona parte del cinema del Novecento, soprattutto americano. Non è la sola, la Garbo. Con lei nel saggio di Campari (docente di Storia e critica del cinema all’Università di Parma) ci sono tanti altri volti, tante altre star: altri «divi», termine scelto tutt'altro che a caso. Già, perché sono proprio i divi a popolare l’Olimpo, sono quei volti e quei corpi che sostanziano di sé una dimensione assai vicina al mito, e al mito greco in particolare; lo sostengono con forza Béla Balázs e Edgar Morin, che l’autore riprende in una prima parte dedicata appunto alla bellezza trattata dai teorici del cinema e al ruolo che essa ha nello «status» divistico. Parte proprio da qui, Campari: dalle riflessioni di Balázs sulla «evoluzione in forma essenzialmente visiva della cultura novecentesca» (una civiltà dell’immagine in cui la figura umana assurge a nuova visibilità) e dai parallelismi di Morin fra Olimpo di celluloide e miti antichi, con la star del cinema che partecipa nello stesso tempo alla natura umana e a quella divina ed è «fatta di una stoffa mista tra vita e sogno». Parte da qui e poi allarga l’orizzonte: passa alla bellezza come tema narrativo centrale, come vero e proprio volano, attraversa un autore così attratto dai risvolti e dagli effetti della bellezza da farne elemento essenziale nella propria tessitura filmica (Visconti), ma si sofferma anche su altri maestri, a cominciare dal Fellini della «Dolce vita». Poi arriva alla galleria dei divi, tracciata tenendo la bellezza come lente, come chiave di lettura, e puntando l’attenzione su aspetti fondamentali nell’ottica del divismo, primo fra tutti l’entrata in scena. In questa galleria li troviamo tutti, i divi: da Rodolfo Valentino («il primo personaggio divistico maschile la cui immagine viene organizzata, nel cinema, come se si trattasse di un personaggio femminile, dunque puntando in primo luogo sulla bellezza fisica, potenziata dalle invenzioni di costume e fotografia») appunto alla Garbo, dalla Dietrich a Cary Grant, a Rita Hayworth, a Marlon Brando, a Marilyn Monroe, a Audrey Hepburn (Avedon: «ha inventato l’eleganza»; Wilder: «aveva quel qualcosa di speciale [...] sullo schermo sapeva creare qualcosa di nuovo, qualcosa che ha a che vedere con lo charme e l’eleganza»), al bellissimo e tormentato James Dean (per Morin «Dio, eroe, modello per milioni di adolescenti in tutto il mondo») e a molti altri, dei ed eroi di un mondo antico che si è piano piano spento (la carrellata del volume arriva fino agli anni Ottanta) e che oggi, nonostante i red capet sfavillanti che ci assalgono attraverso la Tv (e nonostante la Tv e i nuovi media) non c'è più. Perché sono cambiati i tempi, perché è cambiata la società, perché è cambiata la cultura e i mezzi stessi che la veicolano sono diversi (le star belle e bellissime ci sono state anche dopo gli anni Ottanta, ma «il punto è che nessuno di questi personaggi ha potuto raggiungere il carisma dell’epoca classica, proprio perché non lo hanno consentito i tempi e la cultura»). Di quel mondo antico Campari sa rendere tutto il fascino e l’atmosfera, in un saggio prezioso e piacevolmente «prendibile», accessibile, molto chiaro, nel quale lo spettatore, anche il non «addetto ai lavori», è preso per mano e accompagnato in un viaggio fantastico. Tutto da assaporare. 

 Un Olimpo di luceMarsilio, pag. 175,  12,00 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento