19°

Arte-Cultura

Natura, mistero sacro

Natura, mistero sacro
Ricevi gratis le news
0

Stefania Provinciali


La città di Piacenza celebra uno dei suoi figli, il pittore Stefano Bruzzi (1835-1911), con due mostre parallele per riconfermare il ruolo dell’artista nella storia dell’ arte italiana dell’Ottocento, ad un secolo dalla scomparsa. Le due esposizioni, visibili fino al 19 febbraio, sono promosse, nelle rispettive sedi, dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, a cura di Andrea Baboni e Leonardo Bragalini e dalla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, a cura di Baboni. Stefano Bruzzi, artista da riscoprire negli anni più intensi della sua attività, si lega stilisticamente in gioventù all’esperienza paesaggistica dell’amico pittore Nino Costa, e successivamente, a partire dagli anni Sessanta dell’800 con le istanze dei protagonisti della Macchia con i quali ebbe frequenti contatti, rivelandosi quel macchiaiolo tra Piacenza e Firenze, oggi ricordato attraverso le opere esposte nei locali della Fondazione. La ricerca dei curatori ha permesso in particolare di approfondire i trent’anni meno conosciuti, quelli della produzione giovanile dispersa in collezioni private. Un percorso che si è rivelato di importanza stilistica poiché evidenzia l’apporto dato da Bruzzi al rinnovamento della nuova poetica del «vero», in una ricerca che va collocata tra le più avanzate allora in Italia. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta dell’800, infatti, diede un incisivo contributo alla nascita della nuova pittura del vero, sviluppando una poetica della natura alta, attraversata dall’anelito alla «pittura di verità». E’ soprattutto là dove emergono la finezza esecutiva nella resa degli effetti di luce e di atmosfera, l’apertura spaziale e gli stessi impasti pittorici, tutti tesi a rendere trasparenza all’atmosfera, che si legge il preludio ad una nuova poetica ed a caratteri legati all’esperienza macchiaiola, come nell’opera «Veduta del litorale di Nettuno» (1857-58). Pur avendo vissuto gli anni intermedi lontano dalla sua città - si allontanò da Piacenza ancora ventenne e vi ritornò carico di onori sessantenne, quando ormai il suo pennello stava perdendo di intensità- fu apprezzato per i temi bucolici dove pastorelle e greggi, contadinelli, bovini e muli sono protagonisti, interpretati con sentimento profondo della vita sull’Appennino piacentino. Anche a Firenze, dove visse, compose, nello studio al numero 11 della via lungo il torrente Mugnone, i soggetti ispirati ai luoghi e ai riti della sua montagna: un vero e proprio poema pastorale di commovente complessità, nel quale il trascorrere delle stagioni, nel silenzio degli spazi larghi e profondi, è reso con un sentimento sacrale della natura mentre uomini e bestie compiono le quotidiane fatiche secondo uno schema antico e apparentemente immutabile. Nel paesaggio innevato, soggetto monografico dell’esposizione alla Ricci Oddi, l’artista esprime una particolare complessità e ricchezza di raggiungimenti stilistici. Dal 1870 ai primi anni Ottanta – arco temporale in cui è compresa la maggior parte delle opere esposte – i temi consueti del lavoro quotidiano sui monti, interpretati nella luce cristallina del paesaggio innevato, assumono particolari valori pittorici. Il biancore luminoso della neve avvolge ogni cosa intorno e l’abituale scenario appare all’artista come trasfigurato. Gli azzurri, violetti e rosati del manto nevoso si accendono e si spengono con il variare della luce e le sagome di uomini ed animali, protagonisti della scena, conquistano un nuovo risalto nelle colorazioni, proiettati contro quei cieli limpidi e profondi dove la luce si riverbera. Esposti alcuni capolavori ritrovati come «Prime giornate di bel tempo», il mirabile «Spaccalegna», datato 1873 ; «Mulattieri dell’Appennino», in due diverse versioni databili intorno al 1875 fino a, ma non solo, «La mandria sperduta», opera presentata all’Esposizione Nazionale di Milano nel 1881 e giudicata dal «macchiaiolo» Nino Costa come «uno dei migliori quadri dell’esposizioneàper carattere, sentimento intimo, e sincero della natura». In entrambe le esposizioni alle opere più importanti sono affiancati i freschi bozzetti di studio, dipinti dal vero, utilizzati dall’artista per le più vaste composizioni elaborate in studio. Alcuni disegni di pregevole fattura mostrano la prima ideazione di figure poi riprese nei dipinti. La mostra è accompagnata da cataloghi ragionati sulla vita e sull’opera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno