13°

25°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - L'ultimo dolore di Duilio

Ricevi gratis le news
0

Gianni Croci

Duilio aveva tenuto duro a casa con sua moglie Mara che l'aiutava ma all'ultimo con l'incedere della febbre e della malattia, una cattiva malattia, si era convinto a sottoporsi a una cura drastica e capillare, tanto da farsi ricoverare all'ospedale.
Il male di Duilio era un regalo della vecchia fabbrica del vetro dove aveva lavorato avvolto nel calore dei cinquanta gradi delle colate per oltre trent'anni della sua vita.
I suoi polmoni erano cotti dall'estrema temperatura, ridotti come una vecchia spugna dopo aver lavorato con tanto detersivo fino al punto di rifiutarlo. Era il suo lavoro e non poteva farci niente. Aveva sempre lavorato senza mai chiedere giorni di malattia o visite precauzionali. Non era un lavativo, Duilio. E non gli piaceva chiedere: né sigarette né favori. Con Mara non avevano bambini e nessuno dei due si era dato troppo da fare per averne. Andava bene così e non si lamentavano. Il destino dei figli spesso è di seguire il destino dei padri e Duilio preferiva lasciare le cose come stavano e non scomodare la Natura o il Padre Eterno per lasciare a un ipotetico figlio un destino migliore del suo. Avevano dovuto operarlo con urgenza e la degenza sarebbe stata lunga. Ci voleva pazienza e i medici non si sbilanciavano. Era una giornata uggiosa, grigia, pesante. Duilio era seduto sul letto, la giacchina azzurra del pigiama con le maniche rimboccate, la barba tagliata al mattino già cominciava a pungere sulle scarne gote di Duilio che si accarezzava la faccia con le mani magre e le unghie lunghe come a voler levigare quella superficie puntuta e grinzosa. Dopo mangiato si era lavato la bocca e bevuto un caffè dalla macchinetta. Duilio, impazientemente, aspettava Mara. Era un pomeriggio di sabato di fine novembre, le strade erano bagnate e, per il prossimo Natale, avevano già montato le luminarie.
- Sergio, accelera. Sai com'è apprensivo Duilio se non mi vede arrivare, se non sente i miei passi quando entro in corsia- .
- Mi sembra che da te Mara, Duilio pretenda un po' troppo. Sei molto più giovane di lui e non sei una santa. Ti ha dato una casa ma tu l'hai sempre servito e aiutato e da quando è malato non l'hai mai lasciato solo un momento. Sempre con Duilio. E trascuri anche me - .
- Tu sei venuto dopo. Quando la mia unione con Duilio ha cominciato a mostrare crepe e cedimenti quotidiani. E anche la malattia ha influito negativamente, molto negativamente, sulla nostra vita in comune. Ci ha fuorviato rendendoci nervosi e portandoci fuori dalla vita che si conduceva insieme. Tutto il nostro futuro si è presentato più buio del buio -.
Sergio aveva allungato la mano e accarezzato delicatamente la coscia sinistra di Mara.
- Stai buono Sergio: guida e fai attenzione alla strada. Quello che penso lo sai ma non posso abbandonare Duilio in questo momento. Sarebbe il suo ultimo dolore. La verità sulla malattia di Duilio io la conosco- . Mara, di solito, prendeva l'autobus per recarsi all'ospedale. Ma oggi erano andati in una pizzeria fuori mano a farsi una pizza. Si era fatto tardi e Sergio le aveva offerto di darle uno strappo con la sua automobile.
- Passa che il semaforo si è fatto verde -. Mara aveva tirato fuori dalla borsetta il pettine per dare una smossa ai capelli e il rossetto per una ritoccata alle labbra. Si era anche data una passata al viso con il fard. Adesso si sentiva più a posto. Mara non era più la ragazzina che aveva conosciuto e vissuto il proprio passato ma oggi era la donna che già conosceva il suo futuro. Quando l'automobile entrò nel viale dell'ospedale Mara disse: - Ecco dopo la curva ferma che ci siamo -. - Faccio un giro e vengo a prenderti tra mezz'ora, quaranta minuti - le rispose Sergio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

INCHIESTA

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

1commento

MUSICA

Concerto del 25 Aprile, piazza Garibaldi si accende con i Baustelle Le foto

1commento

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

2commenti

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

Lutto

Addio a Sergio Alfieri, il partigiano «Felice»

INTERVISTA

Andrea Carè: «Davanti a Pavarotti mi tremarono le gambe»

Intervista

Jack Savoretti: «Fiero delle origini italiane»

evento

28 aprile (1 maggio) in Pilotta torna lo Street Food Festival

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

3commenti

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

1commento

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

stranieri

Falso matrimonio a Imperia per avere permesso di soggiorno

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

1commento