13°

23°

Arte-Cultura

Londra celebra Leonardo con quasi tutti i suoi capolavori

Londra celebra Leonardo con quasi tutti i suoi capolavori
Ricevi gratis le news
0

Manuela Bartolotti
«Ho visto cose che voi ''umani'' non potreste immaginare». La celebre frase dal film «Blade Runner» sembrerebbe fuori luogo per illustrare una mostra d’arte del passato, ma, parlando di Leonardo da Vinci, artista che ha scavalcato ogni barriera temporale e forse ogni umano limite, è proprio la citazione che esce spontanea e può essere condivisa da chi ha la fortuna di vedere – dopo lunga coda – l’esposizione in corso alla National Gallery di Londra, «Leonardo da Vinci, pittore alla corte di Milano» (fino al 5 febbraio).
Per quanti non riuscissero a raggiungere quella che è stata giustamente definita «la mostra del secolo», resta l’opportunità di percorrerla virtualmente nelle sale cinematografiche il prossimo 16 febbraio, quando sarà proiettato su scala mondiale in contemporanea via satellite alle ore 20 un filmato di 100 minuti attraverso il percorso d’esposizione.
Oppure, accontentarsi – si fa per dire – dei numerosi disegni presentati alla Reggia di Venaria Reale a Torino per «Leonardo, il genio, il mito» (fino al 29 gennaio).  Già di lui basta uno schizzo per dar scacco a buona parte degli artisti, basta un quadro come la Dama con l’ermellino per spostare folle adoranti, e a Venaria si può ancora ammirare il suo Autoritratto a sanguigna, insieme con uno dei pochi disegni sfuggiti alla rassegna di Londra e proveniente dalla Collezione Reale di Windsor.
Anche a Parma abbiamo in Pinacoteca Nazionale un Leonardo, la «Scapigliata», ora a Tokyo per una mostra dedicata a lui e alla bottega (fino al 4 marzo). Esagerazioni? Davvero non in questo caso. Anche i curatori dell’esposizione di Londra (Luke Syson e Larry Keith) non si sono risparmiati nell’esprimere - a voce e in scritto - quello che già lo stesso Leonardo aveva percepito riguardo al proprio genio: «La deità che ha la scienza del pittore fa che la mente del pittore si trasmuta in una similitudine di mente divina».
Dicevo, basta un disegno per aver la misura della sua grandezza, ma in questa occasione s’è riunito – come mai si era riusciti – quasi tutto il corpus pittorico di Leonardo, se si escludono alcune opere fiorentine, l’inamovibile Gioconda e ovviamente il Cenacolo di Milano, però presente con la copia del Giampietrino piuttosto fedele perché utilizzata anche per il complesso restauro dell’originale. Il rischio per il visitatore è la sindrome di Stendhal, lo stordimento interiore, la commozione ai quali solo la perfezione, la miracolosa tangenza di umano e divino possono indurre. 
Nel segno di penna finissimo è il confine tra finito e infinito, tra sensi e spirito. E poi l’ombra imponderabile dello «sfumato», il nero mai veramente nero di sfondi e di sfumature nei corpi, gli sguardi ammiccanti che avvincono e trasportano in lontananze misteriose.
La geometria perfetta dei volti femminili, mai algida come quella di Piero della Francesca, non gela l’emozione, esaltando invece grazia e carnalità più angeliche che umane. Si affrontano per la prima volta le due versioni della Vergine delle Rocce, la prima del Louvre e la seconda di Londra. In quest’ultima la luce viene a toccare le figure, il blu lapislazzuli della veste si fa soprannaturale.
Qualcosa è cambiato, forse tutto è cambiato profondamente di disegno e concetto e si passa dalla terra al cielo, in una sorta di mistica sublimazione. Viene in mente un altro genio però letterario, Leopardi: «(...) interminati /  spazi, di là da quella, e sovrumani / silenzi, e profondissima quiete (...)».  L’accostamento di opere d’allievi pur eccellenti quali Giovanni Antonio Boltraffio e Marco d’Oggiono non fa altro che confermare la grandezza di Leonardo e la sua irraggiungibilità. Nei loro ritratti le sfumature s’irrigidiscono; sono copie perfette ma prive di respiro. Si tratta di quadri, d’immagini. Mentre quelle di Leonardo sono presenze. I moti del corpo rivelano attitudini e moti della mente. Il genio rivela l’invisibile. A tu per tu con il «Salvator Mundi», recente scoperta di collezione privata, si comprende perché sia stata imputata a Leonardo - ipotesi poi ritrattata - addirittura la realizzazione della Sindone. Perché nessuno ha saputo rappresentare Dio come lui. Il volto del Salvatore, inspiegabile fusione d’umano e divino, appare d’una profondità insondabile e insieme di carnalità vibrante. E’ una vera e propria transustanziazione visiva.  Leonardo non mostra, non riproduce, ma invita negli altrimenti insondabili misteri dell’esistenza, dell’uomo, della natura, di Dio. Ed è – fatto da lui - un invito che non si riesce a rifiutare, quasi un incantesimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno