15°

24°

Arte-Cultura

Cina sempre più forte

Cina sempre più forte
Ricevi gratis le news
0

di Sergio Caroli

La banca americana Goldman Sachs stima che fra dieci anni l’economia cinese sarà tre volte maggiore di quella statunitense, mentre l’Economist calcola che entro il 2050 lo sviluppo della Cina aggiungerà all’economia mondiale una ricchezza pari alla scoperta di altre quattro Americhe. Cifre sbalorditive, che fanno apparire lontana un’era geologica la fine dell’isolamento e l’ingresso della Cina nella storia mondiale intervenuto il 29 agosto 1842, allorché l’Impero cinese firmò il trattato di Nanchino che, ponendo fine alla prima guerra dell’oppio, apriva l’era dei trattati cosiddetti «ineguali», in forza dei quali ogni potenza straniera firmataria conseguiva, unilateralmente, diritti nei confronti della controparte. In pochi decenni quei trattati avrebbero contribuito a sottomettere il Celeste Impero alle potenze occidentali. Da questi eventi prende le mosse il succoso e informato saggio «La Cina nelle relazioni internazionali. Dalle Guerre dell’oppio a oggi» di Barbara Onnis, ricercatrice di Storia e Istituzioni dell’Asia presso l’Università di Cagliari (Carocci, pag. 126, euro 12,50). 
Professoressa Onnis, qualche domanda sulla Cina del dopo Mao. Dalla fine degli anni '70 la politica estera della Repubblica Popolare Cinese appare sempre meno ideologizzata e più pragmatica. Con quali tratti? 
La politica di «apertura» era parte integrante del nuovo programma riformista lanciato da Deng Xiaoping che aveva l’obiettivo primario di salvare il comunismo cinese dopo gli sconquassi dell’ultima fase di governo di Mao, attribuendogli due nuovi compiti fondamentali: lo sviluppo economico e l’ascesa della potenza del paese. La politica di «apertura» era l’espressione, sul piano internazionale, della politica delle «quattro modernizzazioni» (agricoltura, industria, scienza e tecnologia, difesa) e rispondeva alle necessità della Cina, al suo desiderio di guadagnare tempo, importando le conoscenze messe a punto nei paesi più avanzati (sia occidentali sia asiatici) e soprattutto i capitali necessari per la realizzazione dei grandi obiettivi della modernizzazione.
Il 10 dicembre 2003 il premier cinese Wen Jiabao, parlando ad Harvard, esprimeva per la prima volta il concetto di «ascesa pacifica» per rappresentare la futura immagine nel mondo della Cina, che iniziava - lei scrive - a usare strumenti di potere «soft». Quali?
La Cina si è servita principalmente di strumenti di «diplomazia culturale» e di «diplomazia economica», ai quali si è aggiunto un atteggiamento da «grande potenza responsabile» a riprova della volontà di Pechino di proseguire lungo la via di uno sviluppo pacifico e di porsi quale attore responsabile sulla scena mondiale. Tra tutti, quello della diffusione della lingua e della cultura rappresenta senza dubbio uno degli elementi chiave dell’accresciuta influenza internazionale della Cina. Negli ultimi anni Pechino ha investito enormemente nella promozione dello studio della propria lingua e della propria cultura oltreoceano, con l’obiettivo di fare del cinese una lingua dominante non solo in Asia ma anche nel resto del mondo. Un importante contributo su questo fronte è stata la costituzione di una rete mondiale di Istituti Confucio, ovvero centri per l’insegnamento della lingua e della cultura cinese dislocati in ogni angolo del pianeta. 
Leggo nel suo saggio: «Prestiti a tassi praticamente nulli, abolizione delle tariffe doganali sui prodotti africani, condono del debito estero, finanziamento di imponenti infrastrutture, cooperazione tecnica e militare, elargizione di borse di studio, non ingerenza negli affari interni dei nuovi alleati, sono questi i pilastri del ''modus operandi'' cinese in Africa». Si gettano le basi di un’egemonia mondiale  di domani? 
Chissà. Quel che è certo è che l’influenza economica che ne è derivata ha contribuito non soltanto ad accrescere la credibilità di Pechino, ma ha stimolato al contempo il desiderio di replica del successo che la Cina ha avuto nel gestire il proprio sviluppo nazionale. Non è un caso che proprio il continente africano abbia rappresentato il principale terreno di incubazione di un presunto «modello cinese» quale alternativa allo sviluppo. Come in tutte le cose però esiste anche l’altra faccia della medaglia. Il «modus operandi» di Pechino, privo di qualsiasi condizionamento di natura politica ed economica, ha contribuito ad alimentare critiche crescenti in fasce sempre più ampie della società africana. Un esempio per tutti è il caso dello Zambia, il cui attuale presidente (Michael Sata) ha vinto le elezioni lo scorso mese di settembre facendo della lotta alla crescente penetrazione cinese uno dei capisaldi della propria battaglia elettorale.
L’impressionante crescita economica è però accompagnata da inquinamento, bassi salari, disoccupazione, violazione dei diritti umani, mancanza di trasparenza. Quale l’eventuale futuro della Cina sotto questo profilo? 
Sono proprio questi aspetti a suscitare le perplessità maggiori (anche all’interno della stessa Cina) in merito al fatto che la Cina possa rappresentare una valida alternativa allo sviluppo. Fare delle previsioni sul futuro non è mai semplice. L’unica cosa certa è che l’attrattiva del «modello Cina» in futuro dipenderà non solo dalle capacità dei governanti cinesi nel continuare a garantire elevati tassi di crescita, ma anche e soprattutto dall’abilità degli stessi nel gestire i problemi legati al miracolo economico, nonché dalla loro volontà nel riprendere il discorso sulla riforma politica, che il sangue di piazza Tien-anmen ha contribuito a congelare. 
 
La Cina nelle relazioni internazionaliCarocci, pag. 126  12,50
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era

FESTE PGN

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era Foto

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra

CAMPANIA

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

IL VINO

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Entro l'anno via le slot da 252 esercizi pubblici

Azzardo

Entro l'anno via le slot da 252 esercizi pubblici

Oltretorrente

Passante segue e fa arrestare un ladro

Nella zona di via Montanara

Commessa vittima di uno stalker

Cinema

«Ultimo tango» visto 45 anni fa da Baldassarre Molossi

Salsomaggiore

Morta a 102 anni Amelia Merusi , vedova del sindaco Negri

IL CASO

Sorbolo Mezzani, molti cittadini a rischio truffa

Tribunale

Picchiava e violentava la moglie: condannato

Lutto

Muore campione di powerlifting

Processo Aemilia

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

E' il presunto referente della cosca nel Parmense. Richiesta una pena pesante anche per Aldo Ferrari

noceto

I sindacati: "Tragedia annunciata: sospendere le lavorazioni alla polveriera" Video

L'operaio di 37 anni è stazionario

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Roberto Bettati, campione di sollevamento pesi: aveva 54 anni

Gioco d'azzardo: giro di vite sulle slot machine a Parma

politica

Pizzarotti: "A Conte direi scappa a gambe levate"

Il sindaco di Parma è stato intervistato su Rai Radio1 durante il programma "Un Giorno da Pecora"

8commenti

12 tg parma

Tormenta la cassiera di un market: divieto di avvicinamento per lo stalker Video

12 Tg Parma

Auto abbandonata fra i rovi e riempita come un cassonetto Video

12 tg parma

Il latte delle mamme donato ai prematuri: la "banca" arriva a Parma Video

12 tg parma

Dal 28 maggio la Polizia municipale al lavoro h24 Video

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel patto sul premier è la fine del centrodestra

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MILANO

Litiga con la madre per il cellulare e cade dalla finestra: salva dopo un volo di 10 metri

SENTENZA

La Cassazione: "Ustica, i ministeri devono risarcire Itavia"

SPORT

calcio

L'Uefa rinvia a giudizio il Milan sui conti: Coppe a rischio

ciclismo

La Var anche al Giro: Aru penalizzato di 20 secondi

SOCIETA'

testimonial

Barilla, Federer-Oldani: nuove lezioni in cucina

REALITY SHOW

Grande Fratello, Mariana: "Bacio? Luigi ci ha provato con tutte" 

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più