19°

Arte-Cultura

Il suo nome per il nuovo mondo

Il suo nome per il nuovo mondo
Ricevi gratis le news
0

 Sergio Caroli

C iò che noi abbiamo sopportato davvero in questa immensità del mare, i rischi di naufragio, le sofferenze fisiche innumerevoli, le angosce permanenti che afflissero le nostre anime, tutto ciò lo lascio alla comprensione di quanti hanno avuto esperienza di queste cose e che conoscono cosa significa la ricerca di ciò che è incerto e addirittura sconosciuto... Fummo preda di una così grande paura che avevamo perso quasi ogni speranza di sopravvivere. Nel mezzo di queste tempeste così terribili, del mare e del cielo, piacque all’Altissimo mostrarci il continente, nuova terra e un mondo incognito». E’ un epico passo del «Mundus novus», l’opera-principe di Amerigo Vespucci, il navigatore che ha dato il nome a due continenti. In suo onore il cartografo tedesco Martin Waldseemüller propose nel 1507 di chiamare America il «nuovo mondo», di cui, per primo, Vespucci aveva intuito l’indipendenza dell’Asia. Nel viaggio compiuto nel 1499 al servizio della Spagna, egli esplorò le coste dell’America Meridionale e dell’attuale Guayana fino alle foci del Magdalena in Brasile; nelle due spedizioni successive in parte finanziate dal re de Portogallo, Vespucci giunse in Venezuela; veleggiò poi verso sud e il 1° gennaio 1502 vide la baia su cui sarebbe sorta Rio de Janeiro: scese ulteriormente lungo le coste del Brasile, incrociò la foce del Rio della Plata, e toccò le rive occidentali dell’Africa, raggiungendo di nuovo Lisbona nel settembre 1502. In occasione del cinquecentesimo anniversario della morte del grande esploratore che cade il 22 febbraio, è il libreria «Amerigo Vespucci» di Franco Cardini e Marina Montesano, volume corredato da ricche illustrazioni, (edito da Le Lettere, pag. 240, 38,00). Dialogo con Cardini, professore ordinario di Storia medievale presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane (Sum) di Firenze. 
Professore, che influsso ebbe nella vita di Vespucci il cugino Lorenzo di Pierfrancesco dè Medici?
Lorenzo di Pierfrancesco dè Medici, detto «il Popolano» per appartenere a un ramo collaterale della famiglia con la quale era tuttavia in stretti rapporti di affari e d’interessi, è personaggio ben conosciuto e documentato nella sua attività imprenditoriali. Avendo sposato una cugina di Simonetta Cattaneo Vespucci (un altro matrimonio da considerare nel quadro dei rapporti tra i Medici e la grande famiglia genovese dei Campofregoso), era in effetti imparentato con Amerigo. Lorenzo di Pierfrancesco era anche molto attivo sotto il profilo della promozione intellettuale: probabilmente presso di lui Amerigo incontrò personaggi come Marsilio Ficino e può darsi che in quelle occasioni si siano sviluppati i suoi interessi geografici e cartografici. Vespucci restò al servizio di Lorenzo di Pierfrancesco fino al 1491, quando si trasferì a Siviglia, sempre però per seguire gli interessi del suo ex datore di lavoro: a Siviglia la filiale dell’impresa Medici funzionava male e bisognava porre riparo al danno.
Quale era il clima a Firenze in tema di studi di geografia, astronomia, cosmografia e nautica?
Sotto il profilo intellettuale Firenze era diventata un grande centro di cultura geografica e cartografica: interessi del genere erano sviluppati fino dal Trecento, ma si erano approfonditi quando, ai primi del Quattrocento, giunse a Firenze dalla Grecia una copia del testo della «Cosmographia» di Tolomeo. Inoltre, nel 1405 Firenze si era impadronita del porto di Pisa e a partire dal 1422 aveva avviato una sua vera e propria politica navale. Ciò l’avrebbe condotta, nel tempo, a peggiorare i suoi rapporti diplomatici con Venezia, divenuta in qualche modo una concorrente.
Quale ruolo vi esercitò Paolo dal Pozzo Toscanelli?
Un ruolo fondamentale, anche perché egli aveva impiantato a Firenze una ricerca fondata sulla cognizioni acquisite nell’università di Padova, dove aveva studiato, e che era uno dei centri scientifici più prestigiosi del momento. Con Brunelleschi Toscanelli aveva avviato una collaborazione fondata anche su ardite sperimentazioni, come lo gnomone costruito nel 1468 nella cattedrale, che permise di determinare l’obliquità dell’eclittica dell’equatore. 
Vespucci narrò le sue imprese, nel «Mundus novus». Quali ne sono i pregi? 
Il taglio e lo stile letterario sono parte principale, forse fondamentale, del pregio del «Mundus Novus»: al punto che qualcuno lo ha definito un giornalista di genio con un senso mediatico «ante litteram». 
Che cosa significò per Vespucci la nomina di a «Piloto mayor» da parte di Ferdinando d’Aragona? 
Grazie a quella carica percepiva un emolumento globale di circa 75.000 maravedì all’anno, cioè il decuplo di quanto pagava per una lussuosa casa che teneva in affitto a Siviglia: in termini di potere d’acquisto, si potrebbe pensare a qualcosa come 5 milioni di euro all’anno. Uno stipendio da grande «manager». Le sue funzioni includevano il controllo su tutti i piloti delle navi della flotta reale e sui loro strumenti nonché la messa a punto del «Padrón Real», una specie di mappa-censimento dell’assetto cartografico del regno. 
E' storicamente corretto affermare che a Vespucci il Portogallo deve il riconoscimento definitivo per il proprio dominio d’oltre Atlantico, e la Spagna il consolidamento e l’espansione del proprio?
E' forse una formula troppo rigida sul piano formale e istituzionale. Si può senz'altro dire che Vespucci concorse in maniera importante alla determinazione dei rapporti tra le due potenze confinanti in merito alle scoperte effettuate dopo il 1492 e al loro inquadramento nell’àmbito del diritto internazionale. 
Amerigo Vespucci - Le Lettere, pag. 240, 38,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno