16°

28°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - La dolce fata dei sogni

Ricevi gratis le news
0

di Marta Silvi Bergamaschi

C’era una volta una fata che viveva disoccupata in un vasto mondo: era il mondo dei pensieri, i pensieri gentili, piacevoli, quelli che fanno generalmente sorridere. Era una fata molto carina, rosea come un confetto, con due piedini lievi e un bel vestito vaporoso di tulle. Il volto era nascosto da una veletta color malva: comunque lo si poteva tranquillamente immaginare bello. La disoccupazione delle fate non era affatto un problema: era anzi un delizioso vagabondare senza meta o un sonno leggero popolato di delicati colori. Un giorno la fata fu svegliata dalla regina delle fate, un tipo piuttosto autoritario e deciso: si chiamava Marchel:- Fata dei sogni, le disse, è arrivato un cablogramma dalla Terra: credo ritornino di moda le fate. I bambini sono spaventati. Sulla Terra pare esistano strani mostri: alcuni escono da una scatola che parla e proietta figure; altri, per farli funzionare, occorre premere molti tasti, vagano nell’etere strane parole: www, it, com, e-mail, blog, twitter. Incredibile. È necessario tu parta. Immediatamente.- -Per dove?- 
-Spazio 2000. Via del Corso, 124. Roma. Italia.- -Chi ci abita?- -Un bambino che soffre di incubi. Vedi tu che cosa puoi fare.- La fata dei sogni volò in un’atmosfera azzurra, poi un po’ meno azzurra. Prese a tossire. Mamma mia, esclamò, la terra è davvero cambiata. Sentì un odore acre, vide un grigiore intenso. –Lo smog, disse un folletto che si era sistemato e perfettamente acclimatato in una mansarda sfitta, non preoccuparti, ci si abitua a tutto. Non è poi tanto male…anche se…da un po’ di tempo è tornata a circolare la parola «sacrifici», naturalmente sempre per le povere persone, sempre quelle…- 
-Belle notizie,- rispose la fata. Ma sapeva che i folletti sono un poco superficiali e riferiscono notizie così per dire o perché le hanno raccolte da un personaggio che a loro pare importante. Ci volle del tempo per trovare Via del Corso. Ci volle tutto un giorno. Oltrepassò un muro e si trovò in un vasto appartamento lussuosamente arredato. La scatola di cui la regina le aveva parlato era illuminata: un quadrato a colori in cui si muoveva un gatto che si chiamava Silvestro. C’era una gran confusione. Corse, sgambetti, botte: ma quanto ridere! La fata si era sistemata sul lampadario che si muoveva per le sue scomposte risate. Nessuno se ne accorse. La scatola colorata aveva cambiato programma. Una storia d’amore, certamente un film. La fata si commosse. Una ragazza, per di più precaria, era stata abbandonata da un giovane disoccupato. Camminava lungo una strada. Si girava sperando che qualcuno la seguisse, bagnando di lacrime un grande fazzoletto bianco. La strada era deserta. In casa piangevano tutti, anche il bimbo degli incubi. Ed ecco le storie vere: un matrimonio, un funerale, un corteo con tante bandiere e tanti cartelli: «i sacrifici noi li abbiamo sempre fatti: ora fateli voi», poi un aereo che partiva, una bomba che scoppiava, una nave che affondava. È proprio una stratificazione di immagini: lo credo, povero bambino. Saprà quale è la realtà e quale la finzione, pensò la fata con preoccupazione, la faccenda si complica. –Non prendertela, disse il folletto ch’era entrato dalla finestra, il mondo è cambiato, mia cara. È il progresso, il progresso ora è disturbato da una grave crisi: s’è fatto il passo più lungo della gamba. Io non ci capisco nulla. La verità è in tasca a poche persone. Corsi e ricorsi. Sempre le medesime cose. Nessuno può cambiare il mondo.- -Quanto ciarli, folletto mio. Io non voglio cambiare il mondo: ho soltanto il compito di produrre sogni gentili,  edificanti: a ognuno il proprio mestiere.- La fata entrò nella camera del bambino che si chiamava Silvano. Urlava: il missile sta partendo dalla stazione Beta, la nave spaziale arriva. Ecco avvistato il mostro spaziale Macabase. Le urla erano così forti che s’aprì l’uscio. Entrò timidamente la giovane mamma:- Silvanuccio, per favore, ti pregherei- -Attenzione, avvistati i Sacrifici superman…annientarli con tutti i denari evasi…suvvia, all’attacco.- La madre se ne andò. Silvano era rosso, sudato. Improvvisamente si addormentò. La fata era stanca, debole, preoccupata. Vide una cosa lucida sulla mensola di fianco al letto: l’aprì. Si trovò tra le dita un rettangolo gommoso che emanava un profumo invitante. L’assaggio, non lo assaggio? –Assaggialo, le disse il folletto appena tornato dal night, lo mastichi senza deglutirlo.- La fata afferrò il chewing-gum  e lo portò alla bocca. Quale delizioso sapore di fragola…e quel liquefarsi per poi ritornare consistente e gommoso. Una scoperta straordinaria. La fata ne combinò di tutti i colori: palline che scoppiavano, fili lunghissimi. Si era tolta la veletta. Il suo viso era un ghirigori di chewing-gum. E guarda un poco, Silvano aveva pacificamente dormito tutta la notte. –Mamma, disse il mattino, indovina che cosa ho sognato: una fata che giocava con il chewing-gum, faceva dei palloni così perfetti che a me proprio non sono mai riusciti: ho dormito benissimo.- La fata dei sogni, forse per pudore, si era calata sul viso la veletta color malva. 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

festival verdi

Daniele Abbado: "Nei teatri italiani c'e' problema di sicurezza". Ma promuove il Regio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude in casa

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"