18°

Arte-Cultura

Padre, figura in crisi da rivalutare

Padre, figura in crisi da rivalutare
Ricevi gratis le news
0

Rita Guidi

Fare il papà? E’ una sfida al gioco dell’oca: un passo avanti e tre indietro se si riesce a saltare la casella dove «hai perso, devi uscire dalla partita»... Un paragone calzante (e un paradosso tutt’altro che irriverente) che ci viene «da un giovane padre che ha un po’ di anni in più della media dei padri giovani»: Stefano Zecchi. Di nuovo filosofo e di nuovo schiettamente stuzzicante (come già lo conosciamo) in questo suo ultimo «Dopo l’infinito cosa c’è papà?» (Mondadori, 108 pagg., 17 euro). Una manciata di pagine, nelle quali il celebre autore descrive ciò che osserva intorno a sé: «Mamme e papà indaffarati intorno ai loro figli, o indifferenti, assenti. Famiglie che si uniscono con grandi progetti di vita e che si sgretolano per il più  infantile egoismo». Soprattutto, Zecchi, dalla prospettiva privilegiata di «padre che cresce vedendo crescere il proprio bambino», ci offre un’analisi (ma anche una proposta e una prospettiva) della figura del padre nella nostra società. Figura trascurata, «mammizzata», addirittura negata, con grave danno dell’equilibrio educativo ad ogni livello. «Se la percentuale maggiore di padri si suddivide in fuggiaschi, cioè quelli che se la danno a gambe perché tanto con i figli è la madre a volere far tutto, e mammi, è chiara la ragione per cui oggi si vive in una società dove crescono adolescenti insicuri, impauriti, che si arrendono di fronte a modeste difficoltà e crollano al primo insuccesso, perché non hanno avuto quell’esperienza della realtà e di apertura al mondo che si riceve attraverso l’educazione paterna». Senza peli sulla lingua, Zecchi smonta tranquillo alibi e frenesie di certa modernità; il dito puntato non solo su un’onnipresente gestione femminile, ma anche sull’uso consueto e improprio di certe affermazioni: gli asili? Sono «un ricovero dove affidare i propri figli». Il tempo di qualità? «E’ un’ipocrisia dei padri per giustificare il poco tempo che dedicano ai figli». La confusione dei ruoli? Il frutto sciagurato di una società «aperta e emancipata in cui la vecchiaia è uno scandalo da rimuovere» e in cui non si capisce più chi è il papà, chi la mamma e i nonni sono padre e madre insieme... Eppure – insiste Zecchi – c’è qualcosa di evidentemente semplice, di indubitabilmente bello (non per nulla è docente di Estetica), nella naturale dimensione familiare: quella in cui ognuno ha il proprio posto assegnato da sempre (dalla cultura e dal Dna); quella che ogni bambino sa istintivamente individuare, sancire, riconoscere. Per questo sono particolarmente (filosoficamente) belle e importanti, le domande che il figlio dell’autore gli rivolge e che scandiscono come capitoli questo saggio breve – il tono sempre quotidiano, lieve (senza nulla togliere alla profondità), divertente; questo taccuino sulla paternità. «Chi sei papà?»... «Chi sono i buoni?»... «Mi prendi la luna?»... Occorre tutto l’amore di un padre per rispondere davvero: occorre osservare, ascoltare, esserci. Ritagliarsi un ruolo e un tempo – insiste – che la nostra società (le nuove dinamiche familiari) spingono a negare. Occorre, di nuovo, essere nuovamente padre: né mammo né padre padrone. Compagno di lotta e di gioco, complice di vita e d’avventura. Una figura assai più vicina al mito di Ettore che a quelli cari a Freud e alla psicanalisi. Un padre pronto a spogliarsi della corazza di «guerriero» per abbracciare il proprio figlio, per indicargli ciò  che è bello e buono, e poi innalzarlo verso il cielo. Un padre (un uomo) che si riappropri della propria storia, e che scelga «una visione epica, appunto, della vita e dell’amore, molto diversa dalla commedia umana che separa e distingue... inseguendo una giovinezza intramontabile». Paternità, famiglia, fedeltà, Zecchi è di nuovo fortemente contro tanta quotidiana banalità. Fortemente contro «quel pensiero convenzionale, apparentemente libero e anticonformista, che invece considera la fedeltà nell’amore una rinuncia alle ricchezze offerte dalle esperienze della vita». Basterebbe ricordare, basterebbe osservare. Saranno proprio i figli, allora, a restituire ai padri la possibilità (la necessità, la grandezza) di esserlo, di volerlo, di diventarlo di nuovo.
Dopo l'infinito cosa c'è papà? - Mondadori, pag. 108, 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

1commento

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

7commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel