17°

28°

Arte-Cultura

Il nido sognante dei versi

Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

Giovanni Pascoli morì a Bologna alle tre del pomeriggio del 6  aprile 1912, giovedì santo. Quando Mariù lo vide immobile, gridò: «Giovannino, Giovannino, Giovannino!», ma Giovannino non rispose. Era nato a San Mauro di Romagna nel 1855 da Ruggero, amministratore della tenuta dei principi Torlonia, e da Caterina Vincenzi Allocatelli. Nel 1862 entra nel collegio degli Scolopi a Urbino. Nel '67, quando ha dodici anni, il 10 d'agosto Ruggero Pascoli viene assassinato mentre torna a casa in calesse dalla stazione di Cesena. L'assassino non sarà mai trovato, ma si dice che Giovannino lo conoscesse e che ogni anno con perfida precisione gli inviasse un biglietto. Fra il '68 e il '71, muoiono la madre, la sorella Margherita e il fratello Luigi. Nel '76, muore anche l'altro fratello Giacomo. Queste notizie vanno tenute presenti sempre per capire il carattere di Giovannino e lo spirito della sua poesia, vale a dire della sua vita. Restano con lui Ida e Maria che erano vissute sino a quel momento a Sogliano ospiti prima del locale convento di suore agostiniane e poi della zia Rita David. Una vita difficile per i tre orfani, si capisce bene; ma ancora più difficile per il giovane poeta che, laureatosi nell'82 con una tesi su Alceo e trasferitosi poi a insegnare a Matera, e in seguito a Massa e a Livorno, vede tuttavia concretizzarsi il proprio sogno nel '91 con l'uscita di «Myricae» e l'anno seguente con il primo premio ai «Certamina hoeufftiana» di Amsterdam col poemetto latino «Velanius». E siamo così già dentro la sua poesia il suo mondo: un mondo che non cambierà più e che anzi metterà sempre più profonde radici almeno in tre diverse direzioni: il bambino che diventa poeta, il simbolismo che diventa naturale, la morte che diventa la misura di tutte le cose. In realtà, dunque, un sistema che è figura, comportamento, dramma, fonte di poesia e letteratura come raccontava Renato Serra in un suo memorabile ritratto: «... Ma si volta, vi guarda, vi parla. E quando udite frasi rotte, quando vedete su quella fronte tormentata, che mostra nei solchi fondi il travaglio e l'ansia dello spirito, quando vedete su quegli occhi grigi l'ombra del pensiero e del sogno trascorrere come l'ombra della nuvola del cielo, allora sentite che è lui, Pascoli, il poeta». Poeta dai molti dubbi, si potrebbe aggiungere: dubbi che s'infittiranno col passare del tempo dall'originario nucleo myriceo  all'epicità dei «Poemetti», al lirismo dei «Canti di Castelvecchio», alla vena classicistica dei «Poemi conviviali» e a quella civile di «Odi e Inni» sulla scorta del maestro Carducci. Il tutto poi lavorato sino allo spasimo nel «sermo humilis» di un lessico solo apparentemente umile, e invece plasmato con raffinata sicurezza espressiva, la sicurezza che spalanca le porte al Novecento di poesia, non v'è dubbio. E' stato Contini il primo a identificare la poetica di Pascoli nell'ispirazione a comporre in una lingua morta, o definita tale sbrigativamente, sicuro come è che il problema della morte delle parole può angosciare il poeta quanto quello della morte delle creature. E ciò valga per il latino. Ma anche per la lingua agrammaticale o pregrammaticale che è l'onomatopea, la presenza insopportabile degli uccelli ad esempio, come diceva Pintor citato da Agamben. Epperò qui s'innesta l'altra componente dell'universo pascoliano così ad un tempo realistico e allusivo, la componente limpidamente descritta da Garboli nel suo fondamentale «Per leggere Pascoli» dove è scritto: «La fucilata che uccise Ruggero Pascoli interruppe il normale corso di crescita di un bambino, e lo espropriò della vita. A Pascoli fu negata la virilità».
Ne è venuta una poesia (e dico poesia per dire una intera opera) sillabata, dalla sintassi continuamente violata, impervia quando appare semplice, cantante quando invece è misteriosa, legata ai ricordi, che evoca le musiche di Puccini e di Debussy, se si vuole, ma anche l'infinito mondo delle parvenze, come ci ha insegnato Perugi, o «l'avanguardia debole», secondo l'immagine coniata da Renato Barilli che aggiunge: «Il tema cosmico può essere iscritto nel capitolo generale dell'attraversamento, da parte del Pascoli, dell'ideologia positivista». Ma siamo sempre comunque, su «quest'atomo opaco del male», ed è perciò vero anche che egli s'immerge in uno «straziante prolungarsi delle condizioni di sensorialità», scrive ancora Barilli, che l'accomunano alle stelle, ai segni della natura, al radicarsi o sradicarsi delle piante, al grido amoroso o timoroso degli uccelli, alle ombre dei morti che bussano di sera alle finestre per scrutare i volti dei vivi seduti a cena. Una comunione panica espressa in una poesia «elementare» (Merola), dunque, che tutto è fuorché elementare perché, ha detto una volta per tutte Giacomo Debenedetti «il Pascoli ci costringe a parlare unicamente di stilistica e di poesia, ci costringe a un confronto diretto con le cose e i segni e i suoni, che fanno la poesia, senza dirottamenti o scappatoie psicologico-sentimentali, genericamente descrittive». Che sarà la direzione verso cui s'incammina il Novecento tutto, poiché mentre Pascoli muore, i Futuristi sconvolgono il mondo dei segni e delle parole con i versi in libertà, e quasi si rimpiange allora l'epopea virgiliana del nido e del silenzio raccolto nell'ascolto della natura, o il tormento dell'emigrante di «Italy» che dice addio al proprio paese e alla propria lingua qui onorata dal poeta come «il vero fuoco di Vesta».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

COMO

E' morto Carlo Castagna: perse la moglie, la figlia e il nipote nella strage di Erba

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv