16°

28°

Arte-Cultura

Il nido sognante dei versi

Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

Giovanni Pascoli morì a Bologna alle tre del pomeriggio del 6  aprile 1912, giovedì santo. Quando Mariù lo vide immobile, gridò: «Giovannino, Giovannino, Giovannino!», ma Giovannino non rispose. Era nato a San Mauro di Romagna nel 1855 da Ruggero, amministratore della tenuta dei principi Torlonia, e da Caterina Vincenzi Allocatelli. Nel 1862 entra nel collegio degli Scolopi a Urbino. Nel '67, quando ha dodici anni, il 10 d'agosto Ruggero Pascoli viene assassinato mentre torna a casa in calesse dalla stazione di Cesena. L'assassino non sarà mai trovato, ma si dice che Giovannino lo conoscesse e che ogni anno con perfida precisione gli inviasse un biglietto. Fra il '68 e il '71, muoiono la madre, la sorella Margherita e il fratello Luigi. Nel '76, muore anche l'altro fratello Giacomo. Queste notizie vanno tenute presenti sempre per capire il carattere di Giovannino e lo spirito della sua poesia, vale a dire della sua vita. Restano con lui Ida e Maria che erano vissute sino a quel momento a Sogliano ospiti prima del locale convento di suore agostiniane e poi della zia Rita David. Una vita difficile per i tre orfani, si capisce bene; ma ancora più difficile per il giovane poeta che, laureatosi nell'82 con una tesi su Alceo e trasferitosi poi a insegnare a Matera, e in seguito a Massa e a Livorno, vede tuttavia concretizzarsi il proprio sogno nel '91 con l'uscita di «Myricae» e l'anno seguente con il primo premio ai «Certamina hoeufftiana» di Amsterdam col poemetto latino «Velanius». E siamo così già dentro la sua poesia il suo mondo: un mondo che non cambierà più e che anzi metterà sempre più profonde radici almeno in tre diverse direzioni: il bambino che diventa poeta, il simbolismo che diventa naturale, la morte che diventa la misura di tutte le cose. In realtà, dunque, un sistema che è figura, comportamento, dramma, fonte di poesia e letteratura come raccontava Renato Serra in un suo memorabile ritratto: «... Ma si volta, vi guarda, vi parla. E quando udite frasi rotte, quando vedete su quella fronte tormentata, che mostra nei solchi fondi il travaglio e l'ansia dello spirito, quando vedete su quegli occhi grigi l'ombra del pensiero e del sogno trascorrere come l'ombra della nuvola del cielo, allora sentite che è lui, Pascoli, il poeta». Poeta dai molti dubbi, si potrebbe aggiungere: dubbi che s'infittiranno col passare del tempo dall'originario nucleo myriceo  all'epicità dei «Poemetti», al lirismo dei «Canti di Castelvecchio», alla vena classicistica dei «Poemi conviviali» e a quella civile di «Odi e Inni» sulla scorta del maestro Carducci. Il tutto poi lavorato sino allo spasimo nel «sermo humilis» di un lessico solo apparentemente umile, e invece plasmato con raffinata sicurezza espressiva, la sicurezza che spalanca le porte al Novecento di poesia, non v'è dubbio. E' stato Contini il primo a identificare la poetica di Pascoli nell'ispirazione a comporre in una lingua morta, o definita tale sbrigativamente, sicuro come è che il problema della morte delle parole può angosciare il poeta quanto quello della morte delle creature. E ciò valga per il latino. Ma anche per la lingua agrammaticale o pregrammaticale che è l'onomatopea, la presenza insopportabile degli uccelli ad esempio, come diceva Pintor citato da Agamben. Epperò qui s'innesta l'altra componente dell'universo pascoliano così ad un tempo realistico e allusivo, la componente limpidamente descritta da Garboli nel suo fondamentale «Per leggere Pascoli» dove è scritto: «La fucilata che uccise Ruggero Pascoli interruppe il normale corso di crescita di un bambino, e lo espropriò della vita. A Pascoli fu negata la virilità».
Ne è venuta una poesia (e dico poesia per dire una intera opera) sillabata, dalla sintassi continuamente violata, impervia quando appare semplice, cantante quando invece è misteriosa, legata ai ricordi, che evoca le musiche di Puccini e di Debussy, se si vuole, ma anche l'infinito mondo delle parvenze, come ci ha insegnato Perugi, o «l'avanguardia debole», secondo l'immagine coniata da Renato Barilli che aggiunge: «Il tema cosmico può essere iscritto nel capitolo generale dell'attraversamento, da parte del Pascoli, dell'ideologia positivista». Ma siamo sempre comunque, su «quest'atomo opaco del male», ed è perciò vero anche che egli s'immerge in uno «straziante prolungarsi delle condizioni di sensorialità», scrive ancora Barilli, che l'accomunano alle stelle, ai segni della natura, al radicarsi o sradicarsi delle piante, al grido amoroso o timoroso degli uccelli, alle ombre dei morti che bussano di sera alle finestre per scrutare i volti dei vivi seduti a cena. Una comunione panica espressa in una poesia «elementare» (Merola), dunque, che tutto è fuorché elementare perché, ha detto una volta per tutte Giacomo Debenedetti «il Pascoli ci costringe a parlare unicamente di stilistica e di poesia, ci costringe a un confronto diretto con le cose e i segni e i suoni, che fanno la poesia, senza dirottamenti o scappatoie psicologico-sentimentali, genericamente descrittive». Che sarà la direzione verso cui s'incammina il Novecento tutto, poiché mentre Pascoli muore, i Futuristi sconvolgono il mondo dei segni e delle parole con i versi in libertà, e quasi si rimpiange allora l'epopea virgiliana del nido e del silenzio raccolto nell'ascolto della natura, o il tormento dell'emigrante di «Italy» che dice addio al proprio paese e alla propria lingua qui onorata dal poeta come «il vero fuoco di Vesta».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"