19°

29°

Arte-Cultura

Magris, l'Europa rivive sulla penna

Magris, l'Europa rivive sulla penna
Ricevi gratis le news
0

 di Giuseppe Marchetti

 

Il critico letterario, pur affondato tra centinaia di pagine, oggi si sente solo e stanco, se non avvilito addirittura. Tuttavia lavora e produce, ma non è convinto di quanto produce e avverte che «il mestiere» non ripaga la fatica di esercitarlo, sia pure con la massima probità possibile. Ma poi, ecco che arriva il Meridiano Mondadori (primo volume) delle «Opere» di Claudio Magris, un volume di quasi millesettecento pagine, magistralmente introdotto e curato da Ernestina Pellegrini e Maria Fancelli, con la Bibliografia essenziale redatta da Luca Bani, e il critico tira su le sue quattr'ossa e s'immerge tra le pagine, i ricordi, le vicende e le persone che l'amico scrittore triestino evoca dall'ormai immensa sua opera di saggista, narratore, giornalista, opinionista politico e culturale, uomo d'azione, di teatro, di università, viaggiatore instancabile e «argonauta» - come l'hanno definito gli amici che nel 2009 gli hanno dedicato un volume di scritti e immagini concepito e stampato dall'editrice universitaria udinese Forum. Tanto vivacemente sollecitato, allora, il critico ripensa a quella lettera che Scipio Slataper scrisse a Giuseppe Prezzolini il 10 marzo del 1910: «Caro amico, oggi mi sfogo. Ridi della mia fanciullaggine, ma mi sfogo. Penso che la Senna è molto sporca e forse piove. Tu in questo momento sei molto triste. Senti Prezzolini: hai mai tuffata la fronte dentro le frasche di primavera? Così ti vorrei cingere di freschi pensieri, ancora un poco gommosi, e per un momento tu potessi respirare ossigenando tutte le cose che stan rattrappendosi in te e ti pesano come un sasso che debba portare in fondo al mare qualche cosa». E io la penso così: che tante di queste pagine t'invitano a tuffare la fronte dentro le frasche di primavera, anche se, purtroppo, la primavera e le primavere son passate, e spesso non rimane, per noi, che lo sconforto di questo rimorso, di non esser stati bravi a far fruttare i talenti ricevuti. Magris invece li ha fatti fruttare: lo si vede bene in questo volume tanto carico di storia, di pensieri, di giudizi e di emozioni umane, civili e poetiche. Lo si vede sino dagli inizi, cioè dalla struttura di un pensiero che immediatamente si fa memoria e intelligenza delle cose e dei luoghi. Lo si vede da «Danubio» in poi, allora Magris non aveva nemmeno cinquant'anni, e prima in «Itaca e oltre» dove ha cominciato a raccontare il viaggio inteso sia come ritorno, sia come fuga (ritorno a, o fuga da) sulla scorta dei suoi autori europei Roth, Svevo, Musil, Canetti, Mann, Kafka con quella consapevolezza che Slataper indica a Giuliano il Sofista: «E se hai divelto una pianta prima della fiorita, o sei hai stroncato un ramo e se passando con un solo urto delle tue gambe ha rotto una gemma, tu devi seminare in solchi che devi zappare a piene mani; anche il frumento che pensavi di macinare per il tuo pane». Torna dunque l'ansia benefica della primavera nelle molte pagine del Meridiano tanto ricco di quella prosa che stupisce per semplicità e originalità, «insieme agguerrita e inerme» - scriveva Pampaloni - e anche, a tratti, civettuola e maliziosa, per farsi capire. «Dietro le parole», insomma. E per ogni dove: dal mare «inesplicabile», da Gorizia, da Praga, da Berlino, dal Caffé San Marco, da Parigi, da Barcola, da Trieste, da un mondo infinito di approdi. Che sono approdi di amicizia, quella letteraria, o dei libri, o dei comuni ideali, che salda infine le conclusioni andando oltre le occasioni letterarie, le presentazioni, i convegni, i congressi e gli interessi quotidiani. E quindi torna la domanda di Slataper allo scettico Prezzolini: «Hai mai tuffata la fronte dentro le frasche di primavera?». Tale domanda è tanto più nostra adesso nel confronto che possiamo instaurare fra saggistica e narrativa in Magris, cioè il quanto di problematicità che trasuda dall'inquietudine de «Il Conde», di «Un altro mare», de «Le voci», opere brevi di frontiera che non temono la sconfitta degli anni affidandosi al valore della parola. Valore che tornerà  ancora più forte e deciso nelle opere successive  «Microcosmi» ('97), «Alla cieca» (05) e «Alfabeti»  ('08) che rivedremo nel secondo Meridiano: opere  decise e decisive in un altro senso, come «saggi di  letteratura» in un giardino o in un oceano dentro il  quale il coraggio delle età si confonde con il coraggio  dell'età, della conoscenza, del possesso del vivere.  Altro insegnamento, questo, insegnamento che certe  volte con Magris abbiamo discusso paragonandolo a  quello di Carlo Michelstaedter e della sua  «Persuasione»: il titolo d'onore, come si diceva una  volta, per indicare l'opus magnum, il libro di svolta, o  addirittura «la misura estrema», immagine di  Michelstaedter stesso.  In fondo, questo Meridiano che non appartiene  rigorosamente a nessun genere letterario in  particolare e che semmai ricorda (ci ricorda) l'epicità  sconfitta dei nostri progetti, tutte le delusioni,  l'incanto sfuggente della prova provata e della  preghiera naturale tra uomo e uomo, è solo la prima  parte ancora caotica di un'opera che avrà in «Alla  cieca» la prima sia pur provvisoria conclusione.  Dialogando con il cardinale Silvestrini sulle pagine  del Corriere della sera il 23 settembre 2005, Magris  diceva «che c'è per ogni cristiano la responsabilità di  ciò che accade a lui e ai suoi fratelli, cosicché è  chiamato ad adoperarsi continuamente perché  questa vita sia meno ingiusta». Questa è una visione  consolatoria e, in fondo, falsante. Stadelmann  nell'omonimo dramma dirà, invece: «Buona notte,  buonanotte a tutti. Ai gentiluomini e alle belle dame,  la notte che scende non fa distinzioni, su tutte le vette  c'è pace... pace e silenzio, come ci insegnano le pietre,  queste antiche maestre da cui dobbiamo tanto  imparare, e soprattutto imparare che non abbiamo  niente da dire come loro. Non ditelo a nessuno, solo ai saggi, perché la gente sa  solo riderci sopra...». 

E Stadelmann è un ex servitore  di Goethe! - Opere Vol. 1 (Mondadori,  pag. 1681,  65.00)

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

3commenti

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

1commento

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

1commento

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

cagliari

In attesa del medico impegnato in una consulenza: "Tutta colpa di un negro"

INDIA

Panico in volo: passeggeri, sangue da naso e orecchie

SPORT

Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Video

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

SOCIETA'

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

sospetto

Test di medicina, picco su Google: "Qualcuno ha barato"

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse