19°

Arte-Cultura

Storia e ricordi della "mia" Bassa

Storia e ricordi della "mia" Bassa
Ricevi gratis le news
0

Stefania provinciali 

La bassa piana e le Fontanelle» il libro di Laura Rainieri, Tielleci editore, è l’ultima fatica della scrittrice di Fontanelle che vive a Roma e che alla sua terra, la «bassa piana», ha dedicato un «racconto in versi», che attraversa la storia e il presente per proiettarci nel futuro. Come ogni buon abitante di quella pianura vicino al Po non abbandona le origini e ne fa memoria con la sua vena di scrittrice – ha già pubblicato numerosi testi in versi e in prosa- consapevole che la famiglia ma anche le persone incontrate sulla via della Bassa le hanno aperto cuore e mente alla più aspra via della vita. La dedica del libro, a ben vedere, apre anche gli occhi alla lettura che va interpretata in un mix di sentimenti, tra immagini, luoghi, tempo, parlata, storia, civismo, amore. Ben lo sottolinea nella sua introduzione Plinio Perilli; la prefazione è di Egidio Bandini e l’immagine di copertina riporta particolari dell’affresco di Parmigianino alla rocca di Fontanellato, raffigurante Diana e Atteone. Sfogliando le pagine è necessaria in primo luogo qualche annotazione. «La materia mi cresceva tra le mani, dalla geografia alla storia, dai ricordi vivi di persone scomparse, all’affetto e all’ ammirazione per gli amici viventi. L’ho steso nell’estate del 2006 mentre mi trovavo al mio paese, Fontanelle, luogo intimamente legato alla genesi di tutta la mia scrittura». Parole concrete, queste scritte dall’autrice in una nota che aprono l’animo alla meraviglia e le porte agli autori della Storia a cui ha fatto riferimento. C’è Fra Salimbene da Parma con la sua accurata e a volte «divertente» Cronaca, Francesco Luigi Campari per le vicende riferite nel libro «Un castello nel parmigiano», Giovannino Guareschi per le atmosfere e i caratteri dei personaggi, i tanti compaesani con quel bel dialetto parlato e le loro memorie, capaci di dar vita ad un colorato racconto. In questo caso il racconto è in versi, ben congeniato nel cogliere le trame di una realtà trascorsa, di castelli quasi sconosciuti come quello di Tolarolo. «...Tolarolo è oggi una via /di tranquille casette campagnole/ ignare d’ira e di castella» ma un tempo terra di guerra tra Rossi e Pallavicino «bruciato fu il castello ...Allora germinò /il mal seme della discordia».    Su tutti troneggia il castello di Roccabianca, luogo d’amore « Giocatore scaltro che beffa ed è beffato /Pier Maria, turrito come i suoi castelli,/ illanguidì per la pellegrina milanese, donna Bianca, /da cui il nome al paese Rocha Blanca». Punti di riferimento che permettono di ripercorrere i secoli, i protagonisti, le vicende di duchi e duchesse, conti e contesse e povera gente che hanno animato i luoghi, ma anche e non certo da ultimo, i mutamenti di un paesaggio che ha lasciato inalterate le sue origini, il cielo, il bosco, la nebbia, le zanzare, la natura. Era il 1216 quando il Po’ era ghiacciato «come un inverno russo eterno e tutto bianco», mentre correva l’anno 1269 quando la natura si ribellava all’uomo «E la neve era ghiaccio fondo» e «nugoli di bruchi a frotte» avevano divorato ogni sorta di biada. Correva l’anno 1491: «Ludovico il moro sposava Beatrice d’Este./ Milano a nozze./ Ma quell’inverno il Po saldò /il proprio al ghiaccio delle lagune». Tante vicende di ordinaria vita e storia si susseguono così tra pestilenze e tradizioni, gioie e dolori, prima dell’approccio a personaggi noti fra la gente, da Suor Gerarda a suor Carla, nata a Fontanelle, dal parroco allo spretato che faceva scoprire al paese «la pelle medievale», fino a Silla il carrettiere ed alla Chiusa – tante ce ne sono nella Bassa piana- che porta ad altro nome Enrico Chiusa, tuttora amato abitante di Fontanelle. «... Blocca e feconda la memoria./Ha posto la sua chiusa, catalogato libri/ e documenti, scattato fotografie,/conservato lettere e giornali della Bassa» seguendo la passione di molti in quella terra in cui la vita è tradizione. I versi scorrono lievi come le storie mettendo in luce un amore sviscerato dell’autrice per la Bassa piana.
Qui, fra le pagine del testo il «racconto in versi» è rafforzato visivamente dal gioco del corsivo che scandisce il finale di ogni storia sia di natura che di figura, a creare una pausa, a dare una cadenza per riaccendere gli animi alla lettura ma soprattutto per dar voce alla personale introspezione. Rimane solo una considerazione finale sulla forma del «romanzo in versi», amata da poeti e scrittori di spessore, anche ai giorni nostri, primo fra tutti Attilio Bertolucci che vi affidò il lirico sentire in «La camera da letto». E’ il primo fulgido esempio; ne sono venuti altri che hanno affidato ai versi la memoria riaprendo una via dove il confronto è arduo ma che Laura Rainieri ha consapevolmente accettato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno