17°

28°

Arte-Cultura

Il fiore dell'arte moderna

Il fiore dell'arte moderna
Ricevi gratis le news
0

Manuela Bartolotti

Il colore dà le vertigini. Non si sa più dove guardare, gli occhi assaliti da capolavori che ubriacano di luce, di forza cromatica dirompente. Questa è la pittura, signori, quella vera, dove ogni pennellata si porta via sensi ed anima. Siamo sulle montagne russe dell’arte nella mostra della Collezione Merzbacher alla Fondazione Gianadda di Martigny (titolo «Il mito del colore»), nella Svizzera francese (fino al 25 novembre). E’, al mondo,  una delle principali  raccolte d’arte dalla seconda metà dell'Ottocento alla fine del Novcento, e fa la sua prima apparizione in un’istituzione privata, dopo le fortunate esposizioni di Gerusalemme (duecentocinquantamila  visitatori), Giappone, Londra, Zurigo e Danimarca.
Capolavori
Gran parte di queste opere le si ritrova nei più autorevoli testi di storia dell’arte, come rappresentative di movimenti o di autori, perché i coniugi Merzbacher hanno raccolto il fior fiore delle correnti espressioniste, specialmente Fauves e Blaue Reiter, oltre che tutti i principali protagonisti del XX secolo, seguendo la regola d’acquistare opere «d’una qualità irreprensibile, che sappiano toccarci, parlarci».
E hanno spesso scelto gli esponenti di quell’arte «degenerata», perseguitati dal nazismo e poi riscattati dalla storia. Del resto Werner Merzbacher è stato un bambino ebreo tedesco rifugiato in Svizzera dopo la «notte dei Cristalli», emigrato negli Usa, dove ha incontrato la moglie e la passione collezionistica.
Le loro scelte estetiche si sono sempre rivolte ad opere colme di sostanza vitale, di luce, colore, quasi per esorcizzare l’orrore e la brutalità della guerra. Anche i ritratti hanno in comune uno splendore interiore. Anche i più malinconici come la donna di Lautrec, quella di Renoir, di Modigliani o «La coppia» di miserabili di Picasso del periodo blu, lasciano percepire un amorevole éclat, una quiete serena, una dolce carezza di luce. I numerosi paesaggi sono invece ardenti, in pieno sole, dai ridenti Van Gogh e Sisley, al limpido inverno di Monet, ai brucianti De Vlaminck, al pacifico Matisse, al sulfureo e raro Braque. I Merzbacher hanno sempre concesso prestiti, pur restando nell’anonimato, e non svelando mai per intero il loro tesoro. Del resto si tratta di una sostanza ad alta gradazione d’arte e assumerla in una sola volta si rischia l’overdose, la famosa «Sindrome di Stendhal».
Non si tratta di solo e semplice colore, ma di quel qualcosa in più che esso si porta dentro ad ogni pennellata, ovvero essenza di vita concentrata, distillata. Questa rassegna è un eden improvviso dove sbocciano i fiori di Nolde, corrono i cavalieri di Kandinsky, ci si perde nei paesaggi di Schmidt Rottluff, tra le montagne e le verdi oasi di Kirchner, tra le scomposizioni del cubismo sognante di Feininger, le fantasie stellate di Klee, i voli, le atmosfere fiabesche di Ernst, Campendonk, Chagall, le giocose geometrie di Sonia Delaunay, di Mirò, di Calder, le astrazioni variopinte di Sam Francis.
Le ombre non hanno posto o sono intrise di sostanza luminosa, tizzoni crepitanti rimasti dalle esplosioni meridiane, caleidoscopiche di Franz Marc, Boccioni, Severini.
Eden di bellezza
Si va in crescendo fino al vortice giallo, quasi un assolo mistico del «Notre Dame» di Frantisek Kupka. «Bello» paradossalmente è, secondo alcune correnti di pensiero,  parola vietata alla storia d’arte, perché ha pretese d’assoluto su un terreno relativo, condizionato da troppi fattori personali e culturali: sarebbe, infatti,   «criticamente scorretta». Ma, in questo caso, sfugge spontaneamente, se resta il fiato per pronunciarla.
Si è assaliti a colpi bassi dall’arte, che usa tutta la seduzione irresistibile del colore, con pennellate sferrate da maestri E non sbagliano un colpo. Del resto, ha detto Werner Merzbacher che «le più belle collezioni vengono sempre dal profondo di voi stessi».
E – si può aggiungere – mirano al profondo dei visitatori, facendo vibrare attraverso gli occhi, tutte le corde dell’anima. Non resta dunque che pronunciare la parola tabù: bello. Sì, perché qui c’è del bello da morire. Anzi. Da vivere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

MUSICA

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

Ecco i progetti annunciati dal Comune

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

6commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

calcio

Riecco Ciciretti

STORIA

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

ITALIA/MONDO

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design