14°

27°

Arte-Cultura

D'Annunzio, non solo vate

D'Annunzio, non solo vate
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

La vita e le opere di Gabriele D'Annunzio tornano  periodicamente a far discutere, nell'ambito della cultura europea, come un argomento di ripensamento e  di novità allo stesso tempo. E davvero nel canone  occidentale della letteratura questo scrittore-poeta-vate-condottiero e legislatore occupa un posto assai particolare, ora pieno di contraddizioni, ora invece carico di presagi e profezie.
Simona Costa, che sin dal '75 con «Il fuoco impossibile» ha  dedicato molte e acute attenzioni critiche all'autore del «Piacere», torna adesso, con il suo «D'Annunzio» (Salerno Editrice) a proporci un massiccio saggio che racconta, documenta,  commenta e discute l'opera dannunziana in quindici ampie  sezioni: dal signore della Capponcina alla fortuna del dannunzianesimo fra «testo e contesto», Operazione quanto mai  complessa, che la Costa arricchisce poi con un capitolo finale  sui «Riconoscimenti e contestazioni della critica» dalla prima  metà del Novecento a oggi. Il fatto è che - come più volte  osserva la studiosa - più cerchiamo di rimuovere la presenza  dal Vate, più essa ci coinvolge e ci seduce. La possiamo anche  respingere o ignorare, ma non a lungo. D'Annunzio lo ritroviamo in tutto il Novecento europeo. E, dunque, è opportuno,  anzi necessario, che dai modelli e dalle suggestioni dell'estetismo europeo, inizi un'analisi che ci porti verso quel traguardo  insuperabile della «vita come opera d'arte» che il cronista  mondano, il poeta, il narratore (prosatore e romanziere), il  novelliere e il giornalista interpreta, innerva, celebra e custodisce in sé. Simona Costa comincia così il proprio viaggio; via  via che esso procede, si arricchisce e si dirama lungo i mille  sentieri dell'arte, ne nasce il personaggio, questo singolarissimo personaggio, che incanta e si lascia incantare percorrendo ormai le vie di nuove costruzioni romanzesche - «Il  piacere», «Giovanni Episcopo», «L'innocente» - attraverso la  «ricerca di un'estenuata melodia», che sia anche poesia, colma  di vita, di avventure, di nervose tramature psicologiche e di  profili di luoghi, la natura cioè, contemplata al di là della «volgarità del quotidiano» che oltretutto è povera, penosa e sommersa dall'ovvietà. D'Annunzio interpreta dunque un suo particolare decadentismo, e la Costa segue passo passo l'avverarsi  e il sostanziarsi di una tale via rivelatrice, quella che porta «dal  romanzo della crisi alla crisi del romanzo», cioè dal «Trionfo  della morte» al «Forse che sì forse che no». Scriverà il poeta ad  Angelo Conti nell'ottobre del 1896: «Sono riuscito ad abolire il  tempo e a chiudere nello stesso cerchio le anime che vivono  oggi e quelle che vissero nei millenni remoti». Che operazione  era mai, questa? Simona Costa risponde evocando «la poliedricità di questo gioco figurativo» che ha, nel superuomo nietzschiano e wagneriano, il proprio modello. Potrà sembrare  strano e infine anche paradossale, ma proprio nel momento in  cui il romanzo dannunziano si apre alla cultura europea (lo si  dica una volta per tutte: ogni opera di poesia e di prosa è anche  operazione culturale) insorge dentro il poeta la vena possente  della sua terra mitica e arcaica, la terra di «Primo vere», «Terra  vergine» e «Novelle della Pescara»: tutti elementi che qualche  anno appena dopo ritroviamo nel «Canto novo» e in «Alcyone» le cui liriche «si vengono organizzando a posteriori in una  misurata architettura secondo precise simmetrie» con quella  strana forma di «celebrazione della propria parola poetica in  una perfetta capacità mimetica con il mondo naturale» che  costituisce il lirismo dannunziano, la vocazione al tono alto e  immaginifico, che pare librarci in una vuota pompa stilistica  mentre invece sonda la decorazione musicale di un'infinita  ricerca descrittiva, drammatica e logica insieme, quale è quella  che poi troverà parole e sentimenti nei personaggi teatrali. Ad  essi, Simona Costa riserva giustamente un'ampia zona d'analisi  e di confronti con i protagonisti dei romanzi, in una sorta di  «Libro segreto» sempre scritto e sempre da scrivere. In questa  convinzione, l'arte magica e avvolgente di D'Annunzio «operaio della parola» non si acquieta mai tra oratoria pubblica  (quella del Comandante, in particolare) e confessione privata e  privatissima che D'Annunzio caricherà di presagi nei «Taccuini» e nelle «Faville del maglio». E' in quest'ultima e infinita  lotta che l'eco di una battaglia combattuta su tutti i fronti della  cultura e dell'impegno per la vita (la vita quale rappresentazione totale dell'essere dentro e fuori il mondo dell'arte) si  spegne nel 1938. Carlo Emilio Gadda non si lasciò sfuggire  l'occasione di commemorare l'avvenimento scrivendo di Terepattola e Carlo Caconcellos nell'articolo «Grandezza e biografia a proposito della “Vita segreta”» che è già, scrive la Costa  giustamente, «davvero una prova d'autore di una prima globale prospettiva di bilancio». 
 D'Annunzio -   Salerno editrice, pag. 372, euro 19,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Due incidenti mortali in provincia: sulla Gazzetta il ritratto delle vittime

Le vittime sono Federico Miodini, che lascia due bimbi piccoli, e Luigi Bertolotti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

SORBOLO

Abbandona rifiuti: 50enne multato

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

TENNIS

Nadal trionfa a Montecarlo: è l'undicesima volta!

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover