14°

27°

Arte-Cultura

Misteriosa magia della vita

Misteriosa magia della vita
Ricevi gratis le news
0

di Elissa Piccinini

Forse il più potente e fecondo denominatore comune di tutta la narrativa dello scrittore americano Ray Bradbury potrebbe essere individuato nella «magia». «Magia» è termine ampio, ambiguo e profondamente polisemico per le sue implicazioni. La magia infatti, nell’opera bradburiana, non solo permea di sé l’intera gamma dei contenuti, avviluppa il piano del significato facendosi lineare e solido filo narrativo, ma dà corpo anche alla forma, allo stile, a tutto il livello del significante. Il lavoro di Bradbury è magia. Ma spieghiamoci meglio. Stiamo parlando di quel particolarissimo tipo di magia che è fascinazione e incantamento, lo spalancarsi degli occhi e del cuore dinanzi al mistero della vita. E questo specialissimo genere di magia appartiene da sempre all’infanzia e alla poesia. L'infanzia è, si sa, quel momento privilegiato dell’esistenza umana che sa ancora stupirsi di fronte al dispiegarsi del tempo e della vita. Bradbury ha scritto tanto su quella meravigliosa e terribile soglia che unisce e al contempo inesorabilmente separa l’adolescenza dall’età adulta.
Sono tanti i ragazzi che prendono corpo nei romanzi di Bradbury, e in quel loro aprirsi alle infinite possibilità dell’esistere essi crescono e cambiano, dolorosamente si lacerano divenendo altro da sé. Anche nel recente  «Addio all’estate» (uscito con Mondadori) siamo di fronte a una romanzo di formazione che racconta di una lacerazione che è perdita e conquista al tempo stesso. Un gruppo di ragazzini, già protagonisti di un precedente romanzo («L'estate incantata»), affronta l’archetipico rito di passaggio che conduce a un livello superiore di coscienza e consapevolezza. Ma questo rito, come insegna l’antropologia, non è mai limpido. Esso, al contrario, si nutre di sangue e di lacrime, si alimenta di dolore. Così i giovani Douglas, Tom, Charlie & Co. decidono di procedere ad un inconsapevole rito di passaggio destinato a cambiarli per sempre. I bambini hanno legami radicali col pensiero magico, inventano i loro «abracadabra», formule di sortilegio che hanno potere sulle cose, e costruiscono connessioni di causa-effetto del tutto arbitrarie. È esattamente sulla base di questi presupposti che il gruppo di fanciulli di Bradbury ingaggia la propria guerra contro i vecchi del paese. Perché i ragazzini di Bradbury non vogliono crescere e invecchiare e morire. Combattono contro i vecchi perché li vedono come gli araldi del tempo che passa (forse non sono neppure mai stati giovani) e rubano loro gli scacchi con cui trascorrono interminabili pomeriggi, perché - credono - sono le pedine con le quali loro (i vecchi) riescono a manovrare i bambini («i pedoni siamo noi. E i vecchi ci muovono sulle caselle, che poi sarebbero le strade. Siamo in mano loro da tutta la vita, intrappolati sulle scacchiere della piazza, e quelli ci manovrano»). Ma dal momento che questa strategia non sortisce alcun esito, ecco che i ragazzini si rivolgono contro l’ipostasi stessa del tempo che consuma e che divora, il grande orologio del paese che scandisce coi suoi battiti il trascorre delle ore. Il tempo divoratore si trasforma metonimicamente agli occhi immaginifici dei fanciulli nel congegno che serve a misurarlo: «ecco lo strumento che prosciugava la vita, che la rovinava. Faceva balzare la gente dal letto e la inseguiva come un mastino, dalla scuola alla tomba».
Ma anche questa, che agli occhi degli adulti, pare solo una «bravata» da ragazzi, si rivela nella «guerra» in corso una dolente sconfitta: il tempo continua a scorrere, non può essere fermato con la frantumazione di un semplice meccanismo. Ma questo insuccesso si rivela, di fatto, un’imprevista (pur se amara) conquista, quella di una consapevolezza nuova, più matura e razionale. La magia è forse (irrimediabilmente?) perduta, ma ora si spalanca ai loro occhi un orizzonte di vita fatto di compassione, di amore, di acerbo erotismo. Ma la magia, dicevamo in apertura, è anche della poesia. E lo stile di Bradbury è marcatamente immaginifico e poetico. La sua prosa è sospesa nel sogno, invischia metafore e suggestioni. Così descrive Bradbury il terribile orologio del paese: «s'innalzava sulla città come un grande e oscuro tumulo funerario, attratto al cielo dal richiamo della luna, e con voce addolorata contava i giorni che non erano più e quelli che non sarebbero più venuti, invocando gli autunni in cui la città era stata giovane e tutto aveva avuto inizio, senza fine... Mezzanotte, disse l’orologio. Tempo, disse, e Oscurità. Gli uccelli notturni si alzarono in volo per trasportare gli ultimi echi, su verso il lago e la campagna notturna, poi più niente».
La guerra dei Giovani e dei Vecchi, che apre il romanzo, ricomponendosi lo conclude, annullandosi nella pacata accettazione della ciclicità dei ritmi della natura e dell’esistenza umana. E quell'addio all’estate che dà titolo al libro diventa palese metafora di una trasformazione e di un passaggio che non appartengono solo alla natura, ma che intimamente pertengono alla vita umana.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Due incidenti mortali in provincia: sulla Gazzetta il ritratto delle vittime

Le vittime sono Federico Miodini, che lascia due bimbi piccoli, e Luigi Bertolotti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

SORBOLO

Abbandona rifiuti: 50enne multato

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

TENNIS

Nadal trionfa a Montecarlo: è l'undicesima volta!

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover