18°

Arte-Cultura

La patria del Vate? L'Europa

La patria del Vate? L'Europa
Ricevi gratis le news
0

 di Sergio Caroli

D agli anni '60 del secolo scorso la fama di D’Annunzio è in ascesa e non solo nella repubblica delle lettere. Il Vittoriale è meta affollatissima di turisti; il cinema si è cimentato con l’esistenza dell’«immaginifico», la storiografia ha riconsiderato i suoi rapporti con Mussolini da sempre visti in termini di rivalità personale e non anche di divergenze politiche: per esempio su Hitler. Che D’Annunzio anticipi la modernità lo documenta attraverso un’analisi dotta e puntuale Simona Costa nel saggio «D’Annunzio» (Salerno editrice, pp. 373, euro 19,00) L’autrice, docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università degli Studi di Roma Tre, mette a fuoco la poliedrica attività del Vate nel quadro della prospettiva europea. D’Annunzio è infatti è il nostro poeta più europeizzante. Considerava il romanzo la forma d’arte vincente nel futuro, e vedeva lontano. A Parigi prima del '14 godette dell’ammirazione di un grande come Anatole France. Alla sua morte Musil parla nel suo diario del «Piacere»  come uno dei libri che gli avesse fatto conoscere l’arte moderna.
Professoressa Costa, D’Annunzio, cantore dell’alta società umbertina, ambiva a sprovincializzare i lettori. In che modo?
Guardando da subito all’Europa, tanto che la sua opera è stata definita da un critico come Mario Praz una «monumentale enciclopedia del decadentismo europeo». Già negli anni dell’apprendistato giornalistico, dal 1884 al 1888, l’abruzzese ma toscanizzato D’Annunzio, alla conquista di Roma, dalle colonne della «Tribuna» guida i suoi lettori non solo verso le novità librarie internazionali, ma anche attraverso le ritualità mondane e la volubile vicenda della moda, proponendo un parallelismo Roma-Parigi che nobiliti la troppo recente capitale, imborghesita da un ceto impiegatizio e ministeriale.
L’intensa attività di D’Annunzio nel ventennio 1890-1910 come narratore ed esegeta della propria opera e predicatore dei suoi miti è accompagnata da una copiosissima produzione di versi. E’ da cogliere in essi l’accento più alto e disinteressato della sua arte?
Il momento di più straordinaria felicità creativa è certo agli inizi del Novecento, quando si ha un’inarginabile esplosione lirica che condurrà, nel fatidico 1903, anno dei quarant'anni dannunziani, alla pubblicazione dei primi tre libri delle «Laudi», i culmini della sua arte: «Maia», «Elettra» ed «Alcyone», famoso diario lirico, quest’ultimo, di un’estate marina. In quegli stessi anni esplode il teatro di poesia, toccando i vertici della drammaturgia dannunziana: del 1901 è la «Francesca da Rimini» che rilegge in chiave onirica la vicenda dantesca di Paolo e Francesca; del 1903 è, sempre in versi, «La figlia di Iorio», il suo capolavoro teatrale, tragica storia d’amore in un Abruzzo arcaico e mitico.
Lei colloca «Il Trionfo della morte», «Le vergini delle rocce», «Il fuoco», «Forse che sì forse che no»  sotto il titolo «I superuomini imperfetti dal romanzo della crisi alla crisi del romanzo». Perchè? 
Il titolo allude da una parte alla sconfitta del superuomo dannunziano che, come il Claudio Cantelmo delle «Vergini», non riesce a portare a termine la sua missione (creare il nuovo Re di Roma), o, come altri protagonisti, si arena nelle spire di una minacciosa sessualità che ostacola l’azione eroica. Dall’altra, si vuol così indicare l’inquieto sperimentalismo che disintegra la forma-romanzo aprendola verso altri generi, come la lirica e la drammaturgia e infine, nel «Forse che sì», affida l’unità narrativa solo a una continua linea musicale.
Non crede che in questi romanzi la preoccupazione teorica del «maestro di vita» soverchi un po' troppo il fine della poesia e che questa rimanga un po' l’ancella di un’ambizione erotico-intellettuale dell’autore?
Nei romanzi D’Annunzio ha riversato anche le sue posizioni teoriche: così «Le vergini delle rocce» diventano il manifesto di un superomismo maturato su una parziale e personale lettura di Nietzsche o «Il fuoco» accoglie un dibattito estetico in atto tra lui e l’amico e critico d’arte Angelo Conti. Questo ha distolto da altre possibili letture dei suoi romanzi, la cui prevalente chiave simbolica era stata tuttavia già colta dai lettori più attenti come Henry James ed è oggi fortemente rivalutata dalla critica.
La fama di D’Annunzio si è dilatata per ragioni di carattere politico, perché oltre che poeta e romanziere fu innanzi tutto un demagogo aristocratico della folla, e poiché il fascismo ebbe il suo messia o il suo Battista?
D’Annunzio politico, con la sua oratoria e le sue spettacolari azioni belliche fino all’impresa di Fiume, ha suggestionato l’immaginario collettivo, tanto da penalizzare, sotto il peso di remore ideologiche, il poeta e il prosatore. Tuttavia anche i rapporti con Mussolini e il fascismo, a lungo visti in filiazione diretta, sono stati riletti in modo più complesso: se l’avventura fiumana è stata addirittura vista da alcuni in analogia movimentista con la contestazione del Sessantotto, molte sono le divergenze anche ideologiche affiorate tra l’emarginato vate del Vittoriale e il soverchiante fascismo.
Quali, in sede poetica, gli esiti della sua ricerca linguistica e stilistica?
Notevolissimi e di grande influenza per l’intero nostro Novecento. Basti dire che Montale, certo ideologicamente non di area dannunziana, affermava che, se Baudelaire per fondare la nuova poesia aveva attraversato Victor Hugo, per noi era ineliminabile «attraversare d’Annunzio» con il suo sperimentalismo linguistico e prosodico e che «non aver appreso nulla da lui sarebbe un pessimo segno». 
D'Annunzio - Salerno, pag. 373,19,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

1commento

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

7commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel