17°

28°

Arte-Cultura

Parole lungo le antiche rotte

Parole lungo le antiche rotte
Ricevi gratis le news
0

Francesco Mannoni

«Sono nato a Cartagena, un porto con tremila anni di storia, e navigo da quando ero bambino. E da vent’anni in solitaria. Da piccolo andavo a vedere le navi, i marinai con i loro tatuaggi, le donne che fumavano sulle banchine e si davano del tu con gli uomini, e le barche dai nomi esotici. E sognavo di partire su una di quelle». 
 Novantasei storie di mare che possono essere lette come racconti o brani di un unico reportage, sono alla base dell’ultimo libro dello scrittore spagnolo Arturo Pérez – Reverte, «Le barche si perdono a terra» (Marco Tropea). 
Ex inviato di guerra per giornali, radio e televisione in buona parte del mondo, autore di numerosi romanzi di successo, Pérez – Reverte ha fatto del mare il protagonista di una vita illuminata dai bagliori dell’avventura, in cui scorrono le fantasie di uno Stevenson o di un Melville tra tempeste oceaniche e onde alte come muraglie che flagellano coste lontane, dove l’urlo di corsari e pirati non si è ancora spento del tutto. 
«Una volta, ormai ragazzo e con l’idea fissa di “diventare un avventuriero” – confessa - stavo navigando su un mercantile pieno di quegli uomini destinati al mare fin dalla culla, che salpavano alla ricerca di anfore e un po’ di tabacco marocchino da contrabbandare. Fu lì che il capitano mi disse una frase che non dimenticherò mai: “Più che in mare, le barche e gli uomini si perdono a terra”. Ed è la verità. Ho visto marinai provetti e uomini che nell’oceano sembravano degli dèi, andare in pensione, restare a terra e iniziare lentamente a decomporsi, a perder pezzi, perché tenuti lontani dall’elemento che per loro era la vita»
Che cosa l’attrae di più del mare? 
Il mare è una porta. Non nel senso di una barriera, ma di un cammino, di un’avventura, di un viaggio. Leggere mi ha spinto verso di lui. Ho remato tante volte verso la balena con il coltello fra i denti, sentendo alle spalle il respiro rotto dei miei compagni mentre puntavamo a prendere Moby Dick. Ho davvero un debito impagabile col mare, nonostante ogni volta pretenda da me qualcosa. Il mare ti dà una grande lezione di vita: tutto ha un suo momento e una sua fine. E che per quanto gli uomini siano stati coraggiosi, geniali, arriverà sempre il momento di sbattere sulle rocce o, alla fine, di accostarsi a una spiaggia. 
La letteratura abbonda di eroi del mare a partire da Ulisse. E’ lui il più grande navigatore di tutti i tempi? 
Navigo insieme a Ulisse fin dai tempi delle medie, quando lo tradussi su un banco di scuola. Gli eroi dell’Iliade erano ragazzi, come me allora, mentre l’uomo al centro dell’Odissea aveva qualcosa di nuovo. Possedeva ciò che più tardi avrei riconosciuto essere la lucidità dell’eroe stanco. Eroe volontario a Troia, diventa protagonista involontario nel ritorno a casa. Con lui scoprii in modo cosciente tutto ciò che nutre la letteratura avventurosa e la vita stessa; conoscevo lui e intanto scoprivo me stesso. Il suo eroismo, modernissimo, nasceva nel momento in cui, messo alla prova dal fato, chiamava in soccorso gli dèi e quelli, per la prima volta, non arrivavano. Così non restò che agire da solo. È quando l’uomo si trova con le spalle al muro che nasce l’eroe. E scopriamo stupefatti che il Corsaro Nero sta piangendo, sentiamo che è troppo il peso della grotta di Locmaria di Dumas, vediamo ardere il Bounty davanti all’isola di Pitcairn o comprendiamo, finalmente, la cupa solitudine del capitano Nemo.
Quanto è pericoloso il mare?
Quanto più conosco il mare, quanto più lo temo. Il mare è crudele, come la vita: non possiede sentimenti, non ha pietà. Nei quarant’anni che ho trascorso navigando ho vissuto situazioni di pericolo, ma questo è normale. Quando si fanno viaggi lunghi, senza toccare un porto per settimane, e per di più solo con le vele, in balia delle condizioni meteorologiche, il mare arriva a terrorizzarti e sfinirti e a farti dire: “Diavolo! Cosa ci faccio qui?”. 
Mare come naufragio: quali oscuri avvenimenti hanno decretato la fine di colossi come il Titanic o il Costa Concordia?
 Il peggior nemico dell’uomo non è la cattiveria del prossimo, ma la sua stupidità. Da un malvagio intelligente puoi apprendere e dalle sue angherie diventare più lucido, ma da uno stupido non c’è niente da imparare. Cent’anni fa il Titanic e di recente la Costa Concordia, continuano ad essere quello che sono sempre state: uno spettacolo superbo destinato a un finale penoso. Il loro equipaggio era formato da maggiordomi, camerieri e cuochi, più che da esperti marinai. Erano delle residenze galleggianti con un capitano ridotto al ruolo di gestore di uno stabilimento balneare. Non c’è stato eroismo né grandezza nella storia di quelle due navi sfortunate. 
 
Le barche si perdono a terraMarco Tropea, pag. 352,  15,00
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

calcio

Riecco Ciciretti

STORIA

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

MONTAGNA

Soccorso Alpino attivato nella zona del Lagastrello per soccorrere una persona ferita

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

ITALIA/MONDO

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPAM

Porno-ricatto via e-mail: allarme (e consigli) della polizia postale

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design