13°

28°

Arte-Cultura

Le Feste Costantiniane del 1912

Le Feste Costantiniane del 1912
Ricevi gratis le news
0

Don Walter Dall'Aglio

Si celebra in questi giorni l’anniversario di un evento storico molto importante. Son trascorsi 1700 anni dal famoso    "Editto di Milano" dell’imperatore Costantino il grande dopo la vittoria a ponte Milvio contro Massenzio del 312 d.C. con cui veniva concessa la libertà di seguire la religione preferita. Iniziava un periodo di "tolleranza" e i cristiani potevano finalmente uscire dalle catacombe e costruire Le basiliche per raccogliere il popolo di Dio, adorare e pregare pubblicamente. Al Palazzo Reale di Milano viene inaugurata, giovedì 25 ottobre, la mostra dal titolo icastico e conciso: «Costantino 313 d.C». Resterà aperta fino al 17 marzo 2013 ed è stata ideata ed organizzata dal Museo Diocesano di Milano. Da Milano le cinque sezioni storiche, artistiche, giuridiche e sociali della mostra saranno trasferite a Roma nelle sedi del Colosseo e della Curia Julia a partire dal 23 marzo. L’Editto di Milano verrà celebrato anche ad Aquileia.  Noi parmigiani siamo interessati a questo anniversario per un duplice motivo. In primis, è operante in Parma, da oltre tre secoli, il benemerito S.a.i. Ordine Costantiniano di San Giorgio, che alla figura storica di Costantino s'ispira, e che nell’ambito della storia locale, della cultura, della solidarietà assistenziale e della fede cristiana realizza le finalità istituzionali che lo rendono prezioso alla cittadinanza. Secondariamente, la celebrazione di questo evento storico venne realizzata qui a Parma nel giugno 1912-- cioè un secolo fa -  dal Santo Vescovo Guido Maria Conforti, che coinvolgeva tutta la Diocesi e invitava personalità straordinarie a commentare i vari aspetti e le conseguenze dell’Editto di Milano. Veniva invitato anche il cardinale di Milano Andrea Carlo Ferrari a celebrare nella nostra Cattedrale una solenne Messa Pontificale con omelia sul significato religioso e storico dell’Editto di Milano. L'invito alla Diocesi di Parma per la celebrazione delle Feste Costantiniane - in ricordo dell'imperatore che la notte prima della battaglia di Ponte Milvio ebbe la visione della croce come simbolo della vittoria con l'iscrizione «In hoc signo vinces - venne fatto dall’arcivescovo Conforti nel discorso di apertura del primo Congresso Catechistico Diocesano con le seguenti parole: «Tutto il mondo cattolico è stato preso da un sentimento di nobile entusiasmo all’invito del Vicario di Cristo di celebrare nel corrente anno il XVI Centenario dell’editto di pace concesso alla Chiesa. Noi pure abbiamo sentito questo santo entusiasmo e ci siamo proposti di commemorare il lieto evento colla maggiore solennità possibile.  ... Per questo abbiamo invitato per domenica prossima a concludere il nostro Congresso Catechistico Diocesano e l’anniversario del Decreto di Milano il venerato Arcivescovo, Cardinale Andrea Carlo Ferrari». L'evento storico venne celebrato nella diocesi con una partecipazione numerosa e fervente, non solo alla Messa Pontificale della domenica, ma anche agli incontri predisposti per tutta la cittadinanza nella settimana precedente sui temi: «Dalle Catacombe a Costantino», «Vittorie Antiche e Lotte Moderne», «Costantino e L’Editto di Milano».
Il fervore fu tale che il cronista della «Gazzetta di Parma» di allora intitolava il suo servizio «Feste Costantiniane». Lo stesso giornalista riferiva che alla sera, nel grande coro di Sant'Alessandro, venivano proiettati interessanti films, quali «La Passione di Cristo» (cinque atti a colore, riuscitissimo), «Pio X, San Pietro e Il Vaticano», e il «Pellegrinaggio a Lourdes» (dal vivo).
Ecco perché, in coincidenza con questa data storica, ci pare interessante pubblicare qualche  passaggio  dell’omelia del cardinale Ferrari, ritenendola ancora di straordinaria attualità: «Andando verso Gerusalemme il Divin Salvatore prese in disparte i dodici discepoli e disse loro: "Ecco noi ascendiamo a Gerusalemme: Il Figlio dell’uomo sarà dato in mano dei Principi, dei Sacerdoti e degli Scribi e lo condanneranno alla morte, e lo daranno in balia dei gentili per essere schernito, flagellato e crocifisso e il terzo giorno risorgerà (Math. 20)". Gesù va alla croce e annunzia il trionfo, la risurrezione. Ma trionferà, Egli solo, il Divino Redentore? Che sarà della sua Santa Chiesa? Non vedrà essa pure trionfi e vittorie? Tutto questo vedrà la chiesa, ma Gesù la vorrà prima nel Cenacolo, là chiusa per un po' di tempo, e poi la farà uscire vittoriosa. ... E il Cenacolo e la Pentecoste, non si rinnovano forse in qualche modo anche in mezzo a noi? Oh! Santa Chiesa Parmense! Non eri là raccolta, in questi dì, in eletta e cospicua rappresentanza, quasi in un cenacolo? Là presso il venerato tuo pastore, tu pregavi, attendevi alla dottrina degli Apostoli. ...Tu lo volevi festeggiare in una faustissima sua giubilare ricorrenza, ma intanto Egli, pensava preparare anche per te queste feste, che ti fanno onore; e l’onore che ne deriva te l’ha preparato il tuo vescovo... Le Feste Costantiniane richiamano il nostro spirito in alto, dove rifulse d’uno splendore inestinguibile la croce di Cristo, e dicono ad ogni credente, anzi ad ogni uomo: fermati e vedi! Indi risolverai e dovrai amare. L'omelia del cardinale Ferrari ci ricorda la vocazione fondamentale e perenne della nostra  Chiesa per la libertà, la fraternità e l’amore universale del Padre per tutte le sue creature, perciò concludiamo con le sue stesse parole, ancora oggi vive e forti nel cuore dei cristiani e della sua Chiesa: «...La vera libertà noi cercheremo e conserveremo, la libertà dei figli di Dio; la libertà della coscienza nostra cristiana... ...Vuole adunque da noi Gesù Cristo che si creda, si speri, si ami; vuole che la libertà si riacquisti e si conservi... ...Se amiamo, ne daremo prova».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno