15°

24°

Arte-Cultura

Affabulatore dell'inconscio

Affabulatore dell'inconscio
Ricevi gratis le news
0

 di  Stefania Provinciali

Proseguono alla Fondazione Magnani Rocca le proposte espositive espressione della più felice stagione del Novecento, quei primi cinquant’anni, in cui l’ardore futurista aveva aperto la strada ad una nuova visione artistica e ad un rapporto diverso con le arti. 
Ora è la volta di Paul Delvaux, il pittore belga che negli anni della sua ascesa desta scandalo e meraviglia, che si definisce un «realista poetico» contraddicendo una apparente evidenza di appartenenza al Surrealismo. Affabulatore dell’inconscio, intrigante stratega di atmosfere da sogno, Delvaux trova fonte d’ispirazione in quelli che lui considera i suoi due mentori, Giorgio De Chirico, il metafisico «faro» per i surrealisti, e René Magritte, insieme a Delvaux il più grande pittore belga del XX secolo.
 «Cercavo negli altri l’alimento che mi permettesse di scoprire me stesso. Perciò ho fatto pittura espressionista. Ho fatto pittura come quella di Ensor. C'era qualcos'altro che volevo trovare: fu allora che scoprii Giorgio de Chirico, e fu lui, d’un tratto, a mettermi sulla strada giusta». Si presenta con queste parole il Delvaux, protagonista della stagione del Surrealismo, che eleva il sonno a stato di coscienza e realtà, rivelandosi con Sigmund Freud inconsapevole profeta. Ma come ogni grande anche Delvaux porta in sé e nella sua pittura qualcosa di sfuggente che lo allontana da una definizione precisa e concreta e nel contempo lo spinge verso una visione surreale.
 L’opera dell’artista viene indagata nell’ antologica alla Fondazione Magnani Rocca dal titolo «Delvaux e il surrealismo. Un enigma tra De Chirico, Magritte, Ernst, Man Ray», aperta al pubblico da sabato  e visibile fino al 30 giugno, a cura di Stefano Roffi insieme al Musée d’Ixelles-Bruxelles. Nella «Villa dei Capolavori», con sede a Mamiano di Traversetolo, l’opera di Delvaux è destinata ad aprire dialoghi di raffinata suggestione con de Chirico, già presente nella collezione, con Magritte, Ernst, Man Ray. I punti di «contatto» con De Chirico affondano le radici nelle passioni «primitive» come la letteratura greca e le stazioni ferroviarie, passioni che hanno tuttavia radici diverse. Ma Delvaux è un incostante e scopre la pittura piuttosto tardi. Comincia dipingendo appunto stazioni e convogli col tentativo di ottenere effetti di un certo realismo descrittivo, seguendo il modello di una tradizione realista fino alla soluzione linguistica che gli suggerisce de Chirico e che gli aprirà le porte del mondo immaginario. Da questo momento emergono alcuni dei temi che ritornano con una puntualità quasi ossessiva, tanto da divenire inquietanti per l’insistenza stessa con cui li ripropone. Il più presente è caratterizzato da donne con il seno scoperto o nude, in atteggiamenti statici o rituali, cui si aggiunge per un lungo periodo la presenza di un ragazzo adolescente, anch’egli nudo, probabilmente l’artista stesso. Un’altra scena ripetitiva è quella dell’accoppiata sul modello Sherlock Holmes e Watson o il geologo Lindenbrock e l’astronomo Rosette di Viaggio al centro della Terra di Verne, espressione delle letture giovanili. 
Si giunge così all’immagine più inquietante dove compare uno scheletro che «guarda» una donna distesa, una Venere forse, memoria della Venere meccanica in cera che era rimasta nella sua mente, dopo averla vista al museo-baraccone del dottor Spitzner. Nasce così «Venus endormie I» del 1932 mentre non manca di suggestioni Il ritratto di Tam, la seconda moglie (1930 circa), che l’artista prima lascia per volere della propria madre e sposa dopo averla ritrovata. Lo scheletro presente nelle opere dall’inizio degli anni trenta, andrà acquisendo nel tempo lo «status» di personaggio divenendo protagonista, assolutamente partecipe del mondo dei vivi, di scene religiose quali crocifissioni o sepolture, di danze e duelli in un a sorta di annullamento identitario che rappresenta la cifra di una pittura all’insegna della sospensione, dell’enigma poetico. 
Ma anche gli studi d’architettura solo iniziati, sembrano aver lasciato in Delveux la predilezione per ambientazioni dai connotati classici, come classici sono i titoli delle opere. E’ in questa eredità che Delvaux rivela le differenze con il «maestro» de Chirico mettendo in evidenza una fredda razionalità quasi cartesiana della scena. A partire dal 1934 l’artista conferisce alla sua arte una fisionomia definitiva, fino a mettere in evidenza la propria identità, unica e irripetibile. La risultante emblematica che si impone nelle sue tele è un’immagine femminile dal corpo infuso di mistero, diafano e spettrale nella sua nudità quasi fosforescente, talora coinvolto in sorprendenti metamorfosi e collocato in luoghi irreali, sospesi in una dimensione di scardinamento della logica temporale. «Les Courtisanes» del 1944, è immagine leader  della mostra, una sorta di simbolo della pittura di Delvaux con eleganti nudi femminili inquadrati in architetture classiche dalle reminiscenze dechirichiane. Ma queste tele dominate da baluginanti nudità, da scheletri implicati in scene religiose destano scandalo, tanto che la retrospettiva di Ostenda del 1962, che consacrerà definitivamente l’artista sul piano internazionale, è vietata ai minori di diciotto anni; inoltre alla Biennale di Venezia del 1954, il patriarca, futuro papa Giovanni XXIII, proibisce ai preti l’eccesso di una pittura che avrebbe potuto turbarli. Un esempio ne è «Crucifixion» del 1952, che pone scheletri al posto di Cristo e dei ladroni. La mostra, che si avvale del sostegno di Fondazione Cariparma e Cariparma Crédit Agricole, è corredata da un ricco catalogo di 216 pagine (Silivana Editoriale), con saggi di Arturo Carlo Quintavalle, Stefano Roffi, Mauro Carrera, Laura Neve, Elisa Barili, in vendita con la Gazzetta di Parma a partire da sabato  a 16,80 euro più il prezzo del quotidiano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luca Carboni

Luca Carboni

MUSICA

Carboni, lo "Sputnik Tour" fa tappa anche a Parma

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era

FESTE PGN

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Super torneo: qual è il miglior piatto della cucina parmigiana?

GAZZAFUN

Super torneo: qual è il miglior piatto della cucina parmigiana?

1commento

Lealtrenotizie

Maltrattamenti e violenze sui bimbi, arrestate due maestre a Colorno

colorno

Maestre arrestate per maltrattamenti: denuncia partita da una mamma Il video-choc

Le due hanno 47 e 59 anni, e da anni insegnavano nella scuola materna Belloli

COLLECCHIO

Conigli morti per avvelenamento? Chiuso l'intero parco Nevicati

Già partita una denuncia contro ignoti

2commenti

Azzardo

Entro l'anno via le slot da 252 esercizi pubblici

13commenti

scomparso

James è stato ritrovato: era stato accompagnato in ospedale

Lutto

Muore campione di powerlifting

Bedonia

Telefonini, da 15 giorni l'Alta val Ceno è isolata

Il sindaco Berni: «Proteste dagli abitanti di Anzola, Volpara e Casalporino

1commento

Oltretorrente

Passante segue e fa arrestare un ladro

3commenti

Tribunale

Picchiava e violentava la moglie: condannato

1commento

IL CASO

Sorbolo Mezzani, molti cittadini a rischio truffa

Nella zona di via Montanara

Commessa vittima di uno stalker

Salsomaggiore

Morta a 102 anni Amelia Merusi , vedova del sindaco Negri

1commento

Cinema

«Ultimo tango» visto 45 anni fa da Baldassarre Molossi

Processo Aemilia

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

E' il presunto referente della cosca nel Parmense. Richiesta una pena pesante anche per Aldo Ferrari

noceto

I sindacati: "Tragedia annunciata: sospendere le lavorazioni alla polveriera" Video

L'operaio di 37 anni è stazionario

3commenti

politica

Pizzarotti: "A Conte direi scappa a gambe levate"

Il sindaco di Parma è stato intervistato su Rai Radio1 durante il programma "Un Giorno da Pecora"

11commenti

lavoro

Sit-in all'ex Altea per dire no al trasferimento di tutta la produzione a Parma

Manifestazione dei lavoratori de «la Doria» di Acerra

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel patto sul premier è la fine del centrodestra

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

taranto

Prof chiede la sospensione di uno studente, picchiato dal papà

lutto

Addio a Philip Roth, gigante della letteratura americana

1commento

SPORT

calcio

L'Uefa rinvia a giudizio il Milan sui conti: Coppe a rischio

ciclismo

La Var anche al Giro: Aru penalizzato di 20 secondi

SOCIETA'

usa

Spunta una buca nel giardino della Casa Bianca, social scatenati

testimonial

Barilla, Federer-Oldani: nuove lezioni in cucina

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

ANTEPRIMA

Nuova Audi A6, la tradizione continua. E il mild-hybrid è di serie