17°

28°

Arte-Cultura

Dolore, sacrificio e amore estremo

Dolore, sacrificio e amore estremo
Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni

Nella Settimana Santa vengono ricordate la passione di Cristo e la sua morte sulla croce che avrà  una trionfale conclusione nella salvifica resurrezione pasquale. Il drammatico episodio della Crocifissione è stato uno dei più rappresentati nella storia dell’arte cristiana e proprio in questi giorni il Museo Diocesano di Milano ospita (fino al 2 giugno) una straordinaria interpretazione del tragico evento, dipinta da Vincenzo Foppa, i «Tre crocifissi», una tavola proveniente dall’Accademia Carrara di Bergamo, attualmente chiusa per lavori di ristrutturazione. 
Vincenzo Foppa (1430 – 1516), bresciano, è l’artista che ha impresso un’importante svolta alla pittura lombarda portandola dalle artificiose astrazioni del gotico a un realismo semplice, quotidiano. Roberto Longhi ha sottolineato come in tutta la sua opera le regole della grammatica rinascimentale siano state naturalizzate «in una sintassi più sciolta e non strettamente architettonica, in una lingua più corsiva e spedita, in un quadro più vero». Così l’artista viene considerato il padre del naturalismo lombardo da cui scaturiranno i venditori di ortaggi e generi vari di Vincenzo Campi, le nature morte, i personaggi di strada del Caravaggio.
I «Tre crocifissi» costituiscono la prima opera certa del Foppa e viene datata al 1450 dopo la rilettura critica dell’iscrizione nella quale l’artista si dichiara bresciano e indica l’esecuzione del dipinto con una espressione che può essere variamente interpretata. Le prime rappresentazioni della Crocifissione sono apparse nel V secolo, come documenta la porta di cipresso di Santa Sabina, fatta sotto Papa Celestino in cui Cristo è affiancato dai due ladroni; in quei secoli però si preferiva mostrare la croce spoglia, talvolta col simbolo costantiniano del Chrismon. 
L’iconografia si è arricchita di particolari nel «Codice dell’Apocalisse» del Beato di Liebana (975) dove un angelo attende l’anima del ladrone buono, un diavolo quella del cattivo e due soldati spezzano loro le gambe; un altro soldato innalza una spugna verso il volto di Cristo mentre Longino con la lancia gli perfora il costato da cui esce un fiotto di sangue che cade in un calice. Un’altra diffusa iconografia presenta solo Gesù crocifisso con ai piedi della croce la Madonna e San Giovanni evangelista (affreschi dell’VIII secolo). 
La Madonna e San Giovanni compaiono poi in tabelle verticali lungo il corpo di Cristo nei grandi crocifissi lignei del XII e XIII secolo dove l’espressione di Cristo cambia da quella del re vittorioso con gli occhi aperti a quella del Dio-uomo che muore soffrendo con gli occhi chiusi (XIII secolo). 
Con Giotto le scene della Storia Sacra si svolgono in ambienti naturali, realistici, seppur schematizzati, e così nella cappella degli Scrovegni (1303) la croce appoggia sulla roccia mentre lo sfondo è tutto azzurro come faranno Giusto de’ Menabuoi e Altichiero, aggiungendovi i ladroni. Nel Quattrocento lo spazio acquista una dimensione più ordinata, razionale. 
A Padova tra il 1443 e il ’54 lavora Donatello con l’innovativo  linguaggio rinascimentale che deve aver colpito il giovane Vincenzo (Brescia è vicina) il quale ha inquadrato la scena in un arco all’antica che appoggia su una balaustra marmorea e nel quale sono inserite le teste di due imperatori. 
I tre crocifissi si ergono su spuntoni rocciosi: Cristo è al centro e ha le braccia distese con le mani inchiodate alla croce mentre i due ladroni hanno le braccia legate alla traversa delle croce. Le loro espressioni (soprattutto quella del cattivo) sembrano portare un’eco degli affreschi che in quel periodo Mantegna stava realizzando nella cappella degli Orvetari nella chiesa degli Eremitani mentre il Cristo ha un più intenso, intimistico realismo toscaneggiante. Il paesaggio si proietta nella profondità di una valle con toni fabulistici, goticheggianti di un verde vellutato cupo e dorato e sullo sfondo si stagliano  un castello e una città fortificata in un gioco luministico che dalla drammatica oscurità  dell’attimo supremo della morte del Cristo uomo-Dio si proietta verso la luce della resurrezione. L’esposizione dei «Tre crocifissi» ha il suo naturale proseguimento nella basilica di Sant’Eustorgio, attigua al Museo, che contiene il massimo capolavoro del Foppa la Cappella Portinari da lui affrescata tra il 1464 e il ’68 con l’Annunciazione, l’Assunzione, quattro storie di San Pietro Martire e quattro tondi coi dottori della Chiesa, per la quale Roberto Longhi ha avuto espressioni di somma ammirazione riguardo ai dettagli naturalistici «frammenti di vero visti passando»: «una passeggiata in Lombardia che se non fosse dipinta da lui, parrebbe descritta dal Manzoni». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

3commenti

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

sicurezza stradale

Massese, allarme per quelle righe orizzontali ormai "fantasma"

politica

Pizzarotti sulla vicenda Casalino: "Le minacce sono il metodo 5 Stelle"

1commento

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

6commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"